Fabbroni Serramenti
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - 16a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Piacenza32Alessandria
Gavorrano26 nov14.30Pro Piacenza
Pisa26 nov14.30Livorno
Prato26 nov14.30Olbia
Viterbese26 nov14.30Cuneo
Arzachena26 nov16.30Pistoiese
Lucchese26 nov16.30Giana Erminio
Carrarese26 nov20.30Pontedera
Siena26 nov20.30Arezzo
riposa--Monza
MONDO AMARANTO
Osvalda e Angiolo, 50 anni insieme
NEWS

Un De Feudis ritrovato in regia. Borra, paratona su Bismark. Foglia, una svirgolata fatale

Il portiere decisivo nel finale di partita. Altra bella partita di Varga in difesa, dove Jefferson per mezz'ora porta scompiglio con fisico e tecnica. Prova leonina di Cenetti che però si fa male a inizio ripresa. Moscardelli, un gol che vale moltissimo in una serata che non è tra le più splendenti



Baldassin in chiusura su YebliLe pagelle di Arezzo-Viterbese.

BORRA 7 Molto bene in uscita, non troppo sicuro e celere con i piedi, salvato dal palo come a Monza, decisivo su Bismark nel finale: quella è una parata che vale tanto, sia per la classifica che per il morale. Il rigore stavolta se lo vede finire dnetro.

VARGA 7 Semplice, quasi scolastico nella gestione della palla. Non vuole rischiare e fa bene. Da difensore puro tiene con vigore, solerte nell'anticipo e utilissimo di testa.

DE FEUDIS 7 Bella partita per il play amaranto. Prezioso tatticamente, intercetta una miriade di palloni vaganti e li rigioca con raziocinio, smistando sul corto e, stasera sì, anche in verticale. Tanti contrasti vinti, una efficace gestione del fraseggio. 

RINALDI 6.5 Qualche affanno quando incrocia Jefferson, che per mezz'ora è una spina nel fianco. Nel complesso governa con oculatezza la difesa, anche se le ansie aumentano quando cala la benzina nelle gambe. Perotti gli fischia contro un rigore che, a dir la verità, non sembra così netto.

SABATINO 6.5 Balla il giusto in avvio di gara. Jefferson lo regge fisicamente e lo mette in difficoltà sul piano tecnico. Poi il brasiliano si fa male e la musica cambia: di lì in avanti riemerge con puntiglio e chiude da laterale di sinistra con qualche buona iniziativa.

CENETTI 6.5 Una prestazione leonina, pure quando la Viterbese fa possesso palla e lo fa correre come una trottola. Ansima ma non demorde, riemerge con grinta e cuce il gioco con apprezzabile continuità, anche se talvolta cicca passaggi banali. Peccato per l'infortunio alla caviglia a inizio ripresa: esce in barella e speriamo non sia nulla di grave (st 7' Yebli 6 A Monza fece un ingresso shock, cagionando il rigore con un fallo avventato. Stasera la prima palla che gli arriva, la trasporta nell'area avversaria con una progressione poderosa, conquistandosi un corner. Un inizio promettente, cui seguono però le ataviche amnesie di gestione).

MOSCARDELLI 6.5 Il gol vale moltissimo, la prestazione non è tra le più splendenti, tra le pieghe della gara e zavorrata da qualche eccesso d'individualismo. Il Mosca però è sempre il Mosca: prezioso per tenere palla e far salire la squadra, con qualche sprazzo di tecnica pura. 

LUCIANI 6 Una partita accorta, con Varutti che lo francobolla in un perpetuo uno contro uno. Trova modo anche di spingere nel momento migliore della squadra, peccato si faccia male a metà ripresa (st 23' Talarico 6 Va dentro quando i compagni intorno cominciano ad avere la lingua penzoloni. Qualche cosina buona la fa, qualche altra la toppa).

CORRADI 6 Meno scoppiettante delle altre volte, anche perché Celiento è un dirimpettaio scomodo, che come lui ha gamba e iniziativa. Stasera c'è molto zelo e qualche palla sporca di troppo, compresa quella con cui avrebbe potuto mandare in porta Yebli, nella ripresa, e che gli resta in canna (st 35' Muscat ng Quindici minuti, troppo pochi per un voto).

FOGLIA 6 Parte a scartamento ridotto, poi s'infiamma e viene fuori. Da metà primo tempo in avanti cambia marcia e imprime un timbro sulla gara, strappando in avanti con la continuità dei giorni migliori e sfiorando il 2-0 a fine primo tempo. S'ingessa col trascorrere dei minuti e, purtroppo per lui, da una sua svirgolata nasce l'episodio decisivo del rigore contro.

CUTOLO 6 Pavanel lo aveva detto alla vigilia e lo schiera tra i titolari a distanza di un mese dall'infortunio al polpaccio. Fa tanto movimento alle spalle dei difensori ospiti, non sempre ripagato dal passaggio giusto. In ogni caso i suoi affondo sono utilissimi ed è lui a mettere sul piede del Mosca la palla del vantaggio. Come prevedibile, cala alla distanza. Però non scompare mai dal match (st 35' D'Ursi ng).

 

scritto da: Andrea Avato, 29/10/2017





Arezzo-Viterbese 1-1, intervista a Federico Nofri

Arezzo-Viterbese 1-1
comments powered by Disqus