Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE B - 13a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Imolese02Arezzo
Fano12V. Verona
Gubbio11Feralpi Salò
Samb11Legnago
Sud Tirol11Perugia
Carpi22Triestina
Cesena00Modena
Fermana11Matelica
Mantova21Ravenna
Padova53Vis Pesaro
MONDO AMARANTO
Stefano tifoso vero
NEWS

L'Arezzo stende il Group con un poker (4-0)

Sblocca Raso, gli amaranto dilagano prima dell'intervallo



È un esordio da incorniciare quello in casa del Group. L'Arezzo non solo conquista l'intera posta in palio, ma torna a casa con l'ottima prestazione dei suoi uomini più rappresentativi come Raso, Pecorari, Speranza e l'argentino Martinez. Sul campo del Group è l'Arezzo ad andare per primo vicino al gol con la conclusione di Crescenzo al 2'. Il mediano amaranto raccoglie la respinta della barriera locale sulla punizione di Speranza e di sinistro coglie in pieno la traversa. Il Group cerca di sfondare sulla destra dove Galasso soffre Marinelli. Proprio l'attaccante di Valori al 3' evita Pucci e mette al centro dove però Bucchi blocca a terra. I tifernati provano a colpire cercando di sfruttare gli spazi che il giovane Pucci non riesce a coprire a dovere. Al 9' però è l'Arezzo a passare grazie a Mario Raso che alla prima occasione utile va in gol. Rinvio di Bucchi e Martinez con una spizzata lo mette a tu per tu con Palazzoli che non può fare altro che raccogliere il pallone in fondo al sacco. Passano pochi minuti e Giustini prova a scuotere i suoi con un tiro dalla distanza che coglie Bucchi di sorpresa, ma il pallone impatta contro il palo e Pucci allontana. Al 18' arriva il raddoppio amaranto. Sasso vorrebbe proteggere il pallone per Palazzoli, ma Martinez è più veloce di lui e costringe il difensore al fallo in area. Il rigore è talmente evidente che nessun biancorosso ha il coraggio di protestare con veemenza. Dagli undici metri Martinez spiazza Palazzoli e corre verso i tifosi amaranto per festeggiare. Il Group sembra un po' più veloce e in particolare sono gli esterni mancini le spine nel fianco per i difensori. Alla mezz'ora però gli amaranto vanno vicini al 3 a 0: Rubechini su punizione centra in pieno la traversa, il pallone rimbalza sulla linea di porta senza però entrare. Il Group accusa il colpo e gli amaranto ne approfittano. Speranza al 33' raccoglie un pallone al limite dell'area e lascia partire un destro imparabile che si infila all'incrocio dei pali. I biancorossi sono all'angolo e così prima dell'intervallo c'è gloria anche per Mencarelli. Il terzino duetta con Raso sulla trequarti e si infila in area senza trovare ostacoli, superando con un diagonale chirurgico Palazzoli per il poker. Nella ripresa il copione non sembra cambiare. Dopo pochi secondi Rubechini vede e serve Raso che in area di rigore addomestica il pallone e aggira Sasso, ma il suo tiro è completamente sballato. Nel secondo tempo l'esterno amaranto cresce rispetto a quanto mostrato nel primo tempo e al 60' serve su un piatto d'argento il possibile 5 a 0 a Martinez. L'argentino stoppa il pallone in area e supera con una finta Palazzoli, ma la sua conclusione esce a fil di palo. L'unico pericolo creato dagli ospiti è la punizione di De Rosa che esce abbondantemente a lato. Certo è presto dire dove arriverà questa squadra, ma se il buongiorno si vede dal mattino questo Arezzo potrebbe davvero raggiungere un traguardo importante.

GROUP (4-4-2): Palazzoli; Giustini, Sasso, Fiumana (18’ st Scoscini), Fodaroni; Pasqui T. (1’ st Bernardini), Santinelli, De Rosa, Hoxha; Marinelli, Cuoghi (1’ st Rocchi)

A disposizione: Lancini, Bruschi, Fiorucci, Bartolucci.

Allenatore: Paolo Valori.

AREZZO (4-4-2): Bucchi; Galasso (14’ st Secci), Pucci, Pecorari, Mencarelli; Bozzoni, Crescenzo, Speranza (1’ st Morezzi), Rubechini; Martinez (33’ st Pozzebon), Raso.

A disposizione: Scarpelli, Sensi, Nofri, Piscopo.

Allenatore: Michele Bacis.

ARBITRO: Zuliani di Vicenza (Stefano Squarcia – Teodoro Iacopino).

RETI: pt 9’ Raso, 18’ Martinez rig., 33’ speranza, 37’ Mencarelli.

Note – Recupero: 2‘ + 3‘. Angoli: 2 a 1 per il Group. Ammoniti: Sasso e De Rosa.



scritto da: Matteo Marzotti, 03/09/2011