Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE B - 13a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Imolese02Arezzo
Fano12V. Verona
Gubbio11Feralpi Salò
Samb11Legnago
Sud Tirol11Perugia
Carpi22Triestina
Cesena00Modena
Fermana11Matelica
Mantova21Ravenna
Padova53Vis Pesaro
MONDO AMARANTO
Gufo all'Amsterdam Arena
NEWS

Aut aut Arezzo: vincere o vincere. A Mezzanotti servono i tre punti sul campo tabù

Dopo i due pareggi consecutivi contro Pianese e Montemurlo, gli amaranto non possono più concedersi pause e devono centrare il risultato pieno a Civita Castellana, dove nei tre precedenti hanno racimolato un pari in rimonta e due sconfitte. Torna Essoussi dall'inizio, cambiano i terzini per la squalifica di Carminucci. La Flaminia sul proprio terreno non ha mai vinto e ha il peggior attacco di tutto il torneo



Davide Mezzanotti, prima stagione sulla panchina amarantoDue partite di fila senza vincere, in questa piazza e in questa stagione, sono un punto di non ritorno. Può capitare e infatti è già capitato due volte: adesso e nei primi due turni contro Scandicci e Pistoiese. Ma non si può andare oltre, pena lo sbriciolamento delle certezze acquisite e la fibrillazione di un ambiente refrattario all’attesa. Mezzanotti in questo senso paga anche il passato, su cui non ha responsabilità alcuna. Fosse la prima annata di serie D, con la vetta più su di tre lunghezze, tira là. Ci sarebbe modo di pazientare e vedere quel che succede. Ma siamo al quarto campionato nei dilettanti e il pubblico non ne può più di verdetti rimandati a data da destinarsi. La gente vuole vedere un passo da primato, il piglio della squadra che va in testa e ci rimane. Altrimenti comincia a mugugnare. Un ragionamento fin troppo pragmatico forse, ma così è.

E’ chiaro che un allenatore e una squadra debbono guardare anche a come nascono certi risultati e certe prestazioni. E’ quello che avrà fatto Mezzanotti, insieme al suo staff, dopo l’1-1 di Piancastagnaio e l’1-1, decisamente più opaco, con il Montemurlo. Però Civita Castellana rappresenta uno snodo cruciale e tutti lo sanno. Servono i tre punti per uscire dalla doppia curva che ha ridotto la velocità, servono i tre punti per lasciarsi alle spalle i malumori di rimbalzo e servono i tre punti perché la classifica potrebbe peggiorare ancora e dopo diventerebbe più complicata la risalita.

L’Arezzo, è evidente, ha molto più della Flaminia. Più qualità, più esperienza, più alternative, più tutto. Dovrà avere anche più cattiveria e motivazioni nell’inseguire il risultato pieno, perché il terzo pareggio consecutivo diventerebbe una zavorra pesante. E’ giusto mettere sul piatto le difficoltà che può presentare la gara, sia dal punto di vista meteo che tecnico. Ma i laziali in casa non hanno vinto mai, sono una squadra giovanissima come ha detto Puccica e con grandi difficoltà a fare gol. Non per caso hanno l’attacco meno prolifico di tutto il torneo. Poi è vero anche che al ''Turiddu Madami'' in tre stagioni l’Arezzo ha raccolto solo un pari in rimonta e due sconfitte. Però i corsi e ricorsi storici stavolta vanno messi da parte.

Con David che viaggia verso la conferma tra i pali, le novità in formazione saranno tre. Essoussi riprenderà posto al centro dell’attacco, a caccia di un rigore, di un gol, di un assist o di una giocata che spacchi la partita. Il ’95 Ruggeri rileverà l’altro ’95 Carminucci, squalificato, e il ’94 Bellavigna rimpiazzerà il coetaneo Tonetto, sacrificato sull’altare dell’anagrafe. E questa storia dei terzini che vanno a coppia, adesso che deve consumarsi il doppio cambio forzato, è un argomento che meriterebbe qualche riflessione in più. In ogni caso, Civita Castellana dovrà dare risposte sostanziali: sulla reazione psicologica del portiere dopo l’errore con il Montemurlo, sullo stato di forma degli esterni bassi, sul rendimento di Carfora nella mediana a due e sull’impiego tattico di Martinez, oggi più centrocampista e meno attaccante nella sua opera di collegamento fra reparti.

Il 4-3-3 di Puccica, che diventerà di sicuro il solito e solido 4-5-1, potrebbe giovarsi del campo allentato dalla pioggia. Ma sono dettagli che all’Arezzo, per forza di cose, non possono interessare. Un’altra settimana senza vittorie aprirebbe un fronte di crisi inedito che metterebbe in discussione quello che, per esperienza e carisma, è il vero uomo forte dell’Arezzo di oggi: Mezzanotti. Ed è intuitivo prevedere che sciogliere il nodo diventerebbe un’operazione quantomai complicata. Meglio espugnare Civita e ricominciare a correre, che la vittoria è sempre un balsamo tonificante.

 

scritto da: Andrea Avato, 09/11/2013





Mezzanotti vs Morgia: ''Polemiche gratuite''

COMMENTI degli utenti

Commento 1 - Inviato da: RICK57, il 09/11/2013 alle 13:58

Foto Commenti

Io dico che Mezzanotti sara' sempre oggetto di messa sotto esame se non la smettera' di raccontarci le partite diversamente da come sono andate. Giustamente Andrea, tu hai definito opaco il pareggio interno con il Montemurlo e le pagelle parlavano chiaro.... eppure a Mezzanotti quella partita piacque, parole sue nel dopo partita. La sconfitta netta con il Sansepolcro era chiara a tutti, commenti e pagelle alla mano..... eppure Mezzanotti ci trovo' del buono...... Non mi stanchero' di ripeterlo, nessuno di noi tifosi e' un tecnico, per cui le varie formazioni, i vari cambi, le scelte dell'allenatore, dobbiamo accettarle. Ma se, all'unisono, i risultati negativi sono commentati da tutti nella stessa maniera......beh, un coglione puo' esserci, due pure, ma tanti coglioni tutti insieme, difficilmente e' credibile, per cui, un fondo di verita' in quel che pensiamo in tanti dovra' pur esserci no?

Commento 2 - Inviato da: ForzamagicoArezzo, il 09/11/2013 alle 14:27

Foto Commenti

Nel calcio secondo me contano gli episodi, a maggior ragione in serie D dove non ci si può aspettare di vedere il tiqui taka o 20 tiri in porta a partita. Bastava buttarne dentro una di quelle 4/5 occasioni nitide che abbiamo avuto domenica scorsa e a quest'ora parlavamo di vetta della classifica a pari merito e c'erano un centinaio di commenti in meno qui nel sito! Laughing

Inutile dire che domani va vinta a tutti i costi, anche giocando male con un solo tiro in porta che però rotoli in fondo al sacco! 

Commento 3 - Inviato da: Briaschi, il 09/11/2013 alle 14:34

Foto Commenti

Basta parlare degli arbitri, facciamo il gioco di quei piagnoni.. ma poi il suo allenatore non aveva detto che le squadre pericolose erano Pianese e Foligno? Che guarda a fare in casa nostra?

Commento 4 - Inviato da: il ferro, il 09/11/2013 alle 14:48

Foto Commenti

commento 2:

anche se domenica ne buttavi dentro una e vincevi eri sempre terzo.

con 2 punti in più arrivi a 21.....

Commento 5 - Inviato da: CAP52031, il 09/11/2013 alle 15:13

Foto Commenti

Per RICK (commento 1) Mezzanotti non è così stupido da vedere le partite diversamente dai tifosi la sua è solo una protezione verso la squadra, attira su di se le critiche (e così facendo anche di più) e lascia tranquilli i giocatori, molti Mister lo fanno al borgo il giochino gli è riuscito, se ascolti le sue interviste dello scorso anno erano IDENTICHE a quelle odierne. Il problema è però trovare nel frattempo GIOCO, CONTINUITA', EQUILIBRIO, SCHEMI,PRATICITA' ecc tutte qualità che ad oggi mi sembrano lontane...molto lontane, ci eravamo illusi di essere sulla strada giusta qualche partita fa (quando giocavamo contro NESSUNO), poi nelle ultime 2 partite con avversari dignitosi siamo tornati alla triste realtà!...Mi sembra di essere su di un jet che non decolla mai..inutile!!!

Commento 6 - Inviato da: RICK57, il 09/11/2013 alle 16:23

Foto Commenti

CAP52031- Se una avesse una fidanzata o una moglie con la gobba, magari che zoppica, e andasse al giro con lei dicendo che ha un bel fisico, un bel portamento, una camminata da modella....... Secondo te, la gente gli direbbe bravo, perche' maschera i difetti della fidanzata/moglie..... O gli darebbero del coglione perche' cerca di maschherare e negare la realta'??

Commento 7 - Inviato da: calzino79, il 09/11/2013 alle 16:23

Foto Commenti

..anche mourinho (cmq me importa ne sega de lui e quell'altri) nell'inter si prendeva tutte le pressioni per lasciare tranquilli squadra e giocatori..e si inventava polemiche apposta per parlare di tutto meno che di inter (mi importa na sega di inter juve milan viola ecc)..la differenza è che quella squadra la serenità la metteva poi sul campo e di fatti vinsero tutto ciò che si poteva vince...quella è la "sottilissima" differenza con noi,che nonostante lui faccia scudo la squadra è al quinto posto dietro colligiana..non se pole senti porco due. e che non senta dire che ce l'abbiamo col mister,perchè qui i giudizi vanno in base ai risultati,che per ora latitano..e se a guigno se tra qualche giornata saremo primi vedrete come cambierà la nostra ottica sul mister,che ripeto,ha scelto lui i suoi giocatori.

Commento 8 - Inviato da: RICK57, il 09/11/2013 alle 16:24

Foto Commenti

Una acca basta.. ;)

Commento 9 - Inviato da: RICK57, il 09/11/2013 alle 16:25

Foto Commenti

... e la moglie/fidanzata, non credi sarebbe cosi'. Intelligente da essere consapevole di come e' realmente?

Commento 10 - Inviato da: calzino79, il 09/11/2013 alle 16:29

Foto Commenti

..riferito al mio commento (7) oltre la serenità c'era un gioco vero in quella squadra,tanta grinta ed unione di intenti (queati all'arezzo sembrerebbero non mancare).

Commento 11 - Inviato da: calzino79, il 09/11/2013 alle 17:02

Foto Commenti

..nessuno di noi vuole il calcio champagne,che per logica di cose in questa categoria non puoi certo vederlo,però un gioco più corale ed efficace oltre a "lanciala al marocco e speriamo che la butti dentro"...quello si...non per il gioco fine a se stesso ma per i tre punti si..dietrologia non serve a un cazzo ma domenica scorsa passi in vantaggio col montemurlo (grazie ad un gran colpo de culo) e poi che fai..te cachi sotto e te metti dietro?? appena loro avevano ribattuto il centrocampo bisognava aggredirli subito e provare ad insaccare di nuovo..invece erano loro che ripartivano rapidi ed ordinati.cosi 'ndu se và??

Commento 12 - Inviato da: Amarantegnene, il 09/11/2013 alle 17:57

Foto Commenti

Se la mi nonna aveva tre palle ... Era un flipper. Finite le giustifiche.... Da domani tre punti o si cambia condottiero!!!

Commento 13 - Inviato da: LUCKYRED, il 09/11/2013 alle 18:34

Foto Commenti

Scusate ragazzi, stavo guardando nel Televideo le classifiche del Campionato Nazionale Dilettanti ed in quella del nostro girone , la Colligiana risulta  quinta ( 5 ) con  18  punti .

Hanno sbagliato oppure è successo qualcosa che non so ?    GRAZIE . 

Commento 14 - Inviato da: leonARdo, il 09/11/2013 alle 19:31

Foto Commenti

LUCKYRED è televideo che ha sbagliato, per la serie D non è molto attendibile e non va preso molto sul serio.

Riguardo domani TRE punti OBBLIGATORI!!!

Commento 15 - Inviato da: ciabu, il 09/11/2013 alle 22:51

Foto Commenti

è da settembre che ormai le partite sono "uno snodo cruciale"...ma se si vinceva domenica, si vinceva il campionato? no. s'era primi? no. se domani si vince, si vince il campionato? no. si va primi? forse. era uno snodo cruciale ponte san giovanni, dopo quella risiamo calati, era uno snodo cruciale piancastagnaio dove abbiamo dominato, e dopo abbiamo fatto un altro pareggio sciapo. allora che snodi cruciali sono? oh il campionato finisce a maggio! vediamole in prospettiva ste benedette partite, non fossilizziamoci sul pensiero "se si vince questa si ingrana la marcia" perchè tanto lo si vede solo in seguito!