Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE B - 14a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Legnagosab15Cesena
Matelicasab15Gubbio
Modenasab15Fermana
Arezzodom15Sud Tirol
Ravennadom15Padova
Triestinadom15Samb
Feralpi Salòdom17.30Mantova
Perugiadom17.30Imolese
V. Veronadom17.30Carpi
Vis Pesarodom17.30Fano
MONDO AMARANTO
Martina e Davide al teatro di Epidauro - Grecia
NEWS

Dieci partite senza perdere e le solite difficoltà a fare gioco. Cosa pesa di più?

Gli amaranto hanno messo insieme una serie positiva ragguardevole, come da tempo non accadeva da queste parti. E dopo il 2-0 di Martinez al Gualdo, si sono viste trame interessanti con una qualità di manovra che è salita di tono. Ma prima, fino al raddoppio, la squadra aveva palesato le solite titubanze in fase di costruzione. La domanda che si fanno gli sportivi è quindi questa: basterà per vincere il campionato?



il rigore trasformato da Quadrini contro il Gualdo“Noialtri siamo l’unica squadra al mondo capace di andare avanti 2-0 senza aver mai tirato in porta”. Questa frase, in varianti abbastanza simili, riecheggiava a fine partita nella sempre meno affollata tribuna del “Città di Arezzo”. Ora, è vero che se l’Arezzo in 90 anni di storia non è mai stato in serie A, arrivando al massimo ad andarci vicino un paio di volte e nulla più, una parte della colpa sarà anche dell’aretino medio che non è mai contento, di niente e di nessuno. Ma come quasi sempre accade, nella voce di popolo c’è anche un fondo di verità, per quanto possa sembrare paradossale in una partita che non si è conclusa col terzo 4-0 interno della stagione solo a causa dello sfortunato autogol di Bricca, comunque applaudito dai tifosi amaranto (parentesi semiseria ma doverosa: ha segnato Bricca di testa, come recita un noto coro della Sud, peccato che l’abbia fatto nella porta sbagliata!).

L’Arezzo, in cui riposavano Carteri ed Essoussi, ai quali Mezzanotti aveva preferito – anche per giustificate ragioni di turnover – Invernizzi e per l’appunto Bricca, ha vinto con merito, ma ha convinto solo dal 2-0 in poi. Da quando, cioè, la partita si è messa per il verso giusto. Col Gualdo costretto a scoprirsi maggiormente per cercare di raddrizzare la gara, il rientrante Quadrini, fino a quel momento un po’ in ombra, ha giocato meglio. Essoussi è entrato e alla prima occasione l’ha buttata dentro, Rubechini ha disputat una mezz’ora di buona qualità, Tonetto si è procurato un rigore in quella che non è stata l’unica incursione della sua partita. Possiamo dire, insomma, che alcuni degli aspetti da sistemare nell’Arezzo visto contro il Foligno sono stati ben gestiti, abbiamo motivo di rallegrarci per il ritorno al gol di Essoussi dopo un mese e mezzo, siamo contenti che l’Arezzo non perda da dieci partite (e una serie positiva così, da queste parti, non si vedeva da un po’, è giusto sottolinearlo).

Però ci sono anche delle perplessità, inutile negarlo. L’Arezzo, ancora una volta, ha fatto una fatica dannata a creare occasioni da gol, nonostante il vantaggio immediato per gli amaranto. Nel tabellino possiamo segnalare un paio di colpi di testa di Invernizzi, e poco altro, fino al rocambolesco 2-0 realizzato da Martinez, che oltre a dannarsi l’anima per tutti i 90 minuti sta anche ritrovando il feeling con il gol, buon per lui e per l’Arezzo. Complice probabilmente anche il modulo, molto più 4-3-3 che non altro, l’incisività sulle fasce è risultata esserci solo a sprazzi, con Invernizzi che a volte si ritrovava lui in posizione di dover crossare, Disanto meno volitivo di altre occasioni e Carminucci ancora una volta un po’ troppo timido. E quindi, la domanda che è obbligatorio porsi, ancora una volta, è questa: basterà questo impianto di gioco per l’avversario di domenica prossima? La Colligiana è squadra da prendere con le molle, anche se ultimamente pare un po’ appannata (solo quattro punti nelle ultime cinque partite) e con le altre prime della classe ha sempre perso.

L’Arezzo non può permettersi di perdere punti, anche in vista della giornata successiva, quando gli uomini di Mezzanotti ospiteranno il Bastia e Pistoiese e Foligno si sfideranno in casa degli arancioni. Oggi c’è la partita di Coppa, il quarto di finale contro la Lupa Roma, che guida il girone G nonostante abbia già quattro sconfitte al passivo (e zero pareggi). Un’occasione importante per provare qualcosa di nuovo, ma al tempo stesso una partita che sarebbe un peccato non provare a vincere. Il tempo degli esperimenti, purtroppo per Mezzanotti e per l’Arezzo, è finito. Adesso, se si è seminato bene, è il momento di cominciare a raccogliere i frutti.

 

scritto da: Roberto Gennari, 11/12/2013





COMMENTI degli utenti

Commento 1 - Inviato da: LUCKYRED, il 11/12/2013 alle 11:00

Foto Commenti

INVIA IL TUO COMMENTO

Commento 90 - Inviato da: LUCKYRED, il 09/12/2013 alle 13:57

Foto Commenti

 

 

.

Io leggendo tutti i Vostri commenti cerco di tirare fuori il meglio da ognuno....anche se sono  sempre presente nelle partite in casa e qualcuna fuori......

Ma mi sento di dirVi ugualmente questo......

Tutto il calcio è così.....dalla  Serie  A  alla  III Categoria.....

Ci sono papere dei portieri......autogol......papere dei difensori....... squadre più o meno buone delle altre........ rigori........ed allora ??????

Domenica abbiamo vinto  4  -  1  ed è questo che conta....indipendentemente da come è scaturito.

I vari commenti, anche se rispettandoli, lasciamoli quando perderemo....allora si che andranno fatti. ( ed oltre ) .

Per ora, ed in vista del Mercoledi di Coppa, cioè oggi .  SOLO  FORZA  AREZZO..!!!!!!!!!!

(ho voluto riproporre questo post già espresso in un altro servizio per sapere da Voi cosa ne pensate.........).

 

 

 

Commento 2 - Inviato da: contedimontecrisco, il 11/12/2013 alle 11:12

Foto Commenti

Ben Detto Luck

Commento 3 - Inviato da: LUCKYRED, il 11/12/2013 alle 12:50

Foto Commenti

Ciao Andrea,

alla fine del tuo sopra descritto servizio, sottolinei che quando l' Arezzo giocherà in casa contro il Bastia, Pistoiese e Foligno verrà disputata in casa degli arancioni...Yell errore.....

questa partita verrà giocata in casa del Foligno....Laughing...eheheh......meglio per Noi .  Ciao .

Commento 4 - Inviato da: il ferro, il 11/12/2013 alle 13:10

Foto Commenti

o gennari....

non ti si inculano mai eh.....

danno sempre i meriti a avato. BENE!!

così impari che la sinistra è la morte della meritocrazia!!!! ashahahahahahahhauahuahuah

Commento 5 - Inviato da: il ferro, il 11/12/2013 alle 13:18

Foto Commenti

non date confidenza al ferro mi raccomando....lui è un tifoso...bleah cacca......

Commento 6 - Inviato da: LUCKYRED, il 11/12/2013 alle 13:53

Foto Commenti

Grazie  Ferro,

non mi ero accorto che l'articolo l'ha scritto  Gennari.......quindi l'errore l'ha fatto Lui .

(Infatti mi pareva strano che  Andrea non conoscesse bene il calendario del Nostro girone)... 

Commento 7 - Inviato da: RobertoGennari, il 11/12/2013 alle 14:25

Foto Commenti

Mea culpa, ho scritto senza ricontrollare il calendario, ero convinto che l'andata fosse a Pistoia. Frown Vabbè, meglio così! Smile

ferro, hai ragione: la meritocrazia non è di questo mondo. Wink