Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - 27a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Carrarese30Gozzano
Renate12Pergolettese
Monza11Arezzo
Siena11Albinoleffe
Juventus U2310Pianese
Olbia10Pistoiese
Pontedera01Alessandria
Giana ErminiorinvComo
LeccorinvPro Patria
Pro VercellirinvNovara
MONDO AMARANTO
Giotto, fedele e insolito lettore
NEWS

Essoussi, rigore che vale. Dieme benino per un'ora. Balla la difesa. Scarpelli decisivo

Il portiere amaranto è il migliore in campo insieme al collega Nasti. In ansia la difesa, spesso in sofferenza sugli attacchi della Flaminia. Positivo Carteri, Mencarelli spinge per un tempo e poi deve guardarsi le spalle. Solito tourbillon tattico per Rascaroli, clamorosa palla gol fallita da Rubechini



il fallo da rigore su Disanto a due minuti dalla fineLe pagelle di Arezzo-Flaminia.

SCARPELLI 7 Decisivo al pari del collega Nasti. Sono loro due, oltre a qualche errore di mira degli attaccanti, a tenere il risultato inchiodato sullo 0-0 fin quasi alla fine. Dentro quest’Arezzo sballottato e indecifrabile, il portiere è un punto fermo.

BELLAVIGNA 5.5 Si propone, è vero, e non difetta di coraggio. Lo tradisce la tecnica di base, non proprio sopraffina, e qualche ansia nel palleggio, specie quando dalla curva cominciano a partire mugugni di protesta. Un qui pro quo con Dierna spalanca a Sciamanna la strada del gol. Per fortuna che il palo dice no.

MENCARELLI 6 E’ buono il suo primo tempo. Sfonda spesso, trae agio dal ritorno al 4-4-2 che conosce a menadito. Alla lunga è costretto sulla difensiva, anche perché la Flaminia sugli esterni pigia di brutto. Con lui comunque la squadra ha tutt’altra faccia.

DIERNA 5.5 Si aiuta col fisico, ma balla per mezz’ora abbondante insieme agli altri. Quando Polidori, Sciamanna e Minnucci aprono il gas, vanno dentro che è un piacere. Prova qualche sortita offensiva, più generosa che lucida.

CARTERI 6 Conferma di essere tra i pochi con le idee chiare e il piede ispirato. Anche nelle sofferenze iniziali, è tra quelli che cade in piedi. Quando sale di tono lui, la squadra gli va dietro. Peccato per l’ammonizione, a Fiesole non ci sarà.

ZACCANTI 5.5 Difficoltà nel far ripartire l’azione, patemi nell’arginare la verve di Polidori. E’ l’insolita domenica di campionato in cui l’Arezzo concede più occasioni agli avversari.

IDROMELA 5.5 Spaesato all’inizio, quando si ritrova a galleggiare tra le linee senza lasciare tracce sulla partita. Un po’ meglio non appena recupera la cara, vecchia posizione di mediano nel 4-4-2, ma fa il compitino. Un solo lampo: l’assist con cui mette Rubechini a tu per tu col portiere. Poi esce (st 13’ Disanto 5.5 Dovrebbe creare superiorità sulla corsia di destra, ma non lo fa. Dopo un po’ Chiappini lo trasloca a sinistra e i risultati non cambiano. Prende il rigore, questo sì, ed è il secondo di fila dopo quello di Montemurlo. Un episodio più che una giocata).

RASCAROLI 5.5 Primi venti minuti da mezz’ala nel 4-3-1-2: male, come tutta la squadra. Tre quarti d’ora da laterale destro nel 4-4-2: così così. Altri venti minuti da mediano: benino. Finale di nuovo da esterno. E il tourbillon continua.

ESSOUSSI 6 Trasforma il rigore in un clima surreale e questo gli vale la sufficienza, oltre che la doppia cifra in classifica marcatori. Dopo un primo tempo generoso e sfigato, con due tiri rintuzzati sulla riga, era sparito nella ripresa. Fino al penalty decisivo.

RUBECHINI 5 Sull’altalena. Approccia il match in malo modo e sembra la controfigura del Rubechini vero. Poi torna in sé e a sinistra, insieme a Mencarelli, la fa da padrone. Quando si mangia un gol clamoroso, al minuto 6 della ripresa, accusa la botta e non gioca più (st 30’ Carfora ng Venti minuti scarsi, troppo pochi per un voto).

DIEME 6 Sarà la presenza in tribuna del suo agente, Franco Zavaglia, fatto sta che per un’ora è il più vispo. Reattivo, ispirato, dribbla, crossa e va anche al tiro, seppure con la mira sbicentrata. Pian piano perde lucidità e spreca tanti palloni (st 42’ Pecorari ng Chiappini lo inserisce come centravanti della disperazione, prevedendo di sfruttarne le spizzate aeree nel serrate conclusivo. Invece dopo pochi istanti Disanto prende il rigore e tutto cambia. Ingresso portafortuna, mettiamola così).

 

scritto da: Andrea Avato, 23/03/2014





Arezzo-Flaminia 1-0, le immagini della partita

Arezzo-Flaminia 1-0
comments powered by Disqus