Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - Play-off e Play-out

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
IN SERIE B
Vicenza, Monza, Reggina, Reggiana
PLAY OFF
Reggiana10Bari
PLAY OUT
Pianese00Pergolettese
Olbia10Giana Erminio
IN SERIE D
Gozzano, Pianese, Giana Erminio, Rimini, Arzignano, Ravenna, Rieti, Rende, Bisceglie
MONDO AMARANTO
Matteo sulle nevi di Alleghe
NEWS

Ripescaggi, nessuna deroga: Torres, Martina e Aversa in C. Arezzo, che beffa!

Il Consiglio Federale ha mantenuto la linea dell'intransigenza e ha bocciato le domande di tutti i club che non avevano lo stadio in regola. Annullato il criterio dell'alternanza: Correggese e Akragas restano in serie D, mentre le ripescate sono tre società retrocesse dalla C2. Per il club amaranto è una doccia gelata



il Consiglio Federale decide sui ripescaggi in serie COre 14.45 - Le tre ripescate in serie C, come anticipato dal sito tuttolegapro.com, sono Torres, Martina e Aversa Normanna, tutte retrocesse dalla C2 dopo i play-out. Lo ha comunicato il direttore generale della Lega Pro, Francesco Ghirelli

Annullato quindi il criterio dell'alternanza: nessuna deroga sugli stadi è stata concessa alla Correggese né all'Akragas, club di serie D che non disponevano di impianti a norma con le Licenze Nazionali e che avevano chiesto di giocare rispettivamente a Carpi e Trapani.

Il presidente della Lega Pro, Mario Macalli, ha commentato: ''Ripescaggi? Ha prevalso il comunicato di giugno della Lega, quindi nessuna deroga. Sono state seguite le linee guida, senza aver fatto alcuna eccezione".

Per l'Arezzo si tratta di un'autentica beffa e adesso è palese: se il club amaranto, l'unico di serie D con lo stadio in regola, avesse presentato la domanda di ripescaggio, a quest'ora starebbe festeggiando l'approdo nella serie C unica. Del resto la delibera ufficiale del Consiglio Federale, datata 27 maggio, era chiarissima sul ''no alle deroghe''. E lo stesso Mario Macalli, nei giorni scorsi, aveva ribadito l'orientamento del Cf.

Invece l'Arezzo, con il comunicato di sabato scorso, si era tirato indietro con la motivazione che la Correggese avrebbe ottenuto la deroga per giocare altrove. Non è andata così, quello di Macalli non era un parere personale e l'Arezzo adesso può veramente mangiarsi le mani.

 

Ore 10 - E' il giorno della verità. Oggi in via Allegri, a Roma, si riunisce il Consiglio Federale della Figc che, fra i vari temi all'ordine del giorno, dovrà affrontare anche quello relativo ai ripescaggi in Lega Pro. L'appuntamento è per le ore 12 e, visto il clima che circonda l'elezione del nuovo presidente della Federcalcio (il duello Albertini-Tavecchio andrà in scena l'11 agosto), sarà un mezzogiorno di fuoco.

Di questo Consiglio Federale avrebbe dovuto essere un protagonista attivo pure l'Arezzo. Invece la scelta della società di non presentare la domanda di ripescaggio ha lasciato il proscenio e le speranze ad altri otto club. Come noto, la nuova serie C unica conta al momento 57 società iscritte. Ne mancano tre per completare gli organici e il Cf dovrà sceglierle tra una lista che comprende Torres, Martina, Aversa Normanna, Poggibonsi, Arzanese, Delta Porto Tolle (retrocesse dalla Lega Pro), Correggese e Akragas (finaliste dei play-off di serie D).

Torres e Martina, in base ai parametri richiesti, sono pressoché certe di giocare in serie C. Il terzo club verrà scelto in base alla linea che deciderà di adottare l'assemblea. In teoria, secondo il criterio dell'alternanza, un club ripescato dovrebbe per forza provenire dalla serie D. In tal caso toccherebbe alla Correggese, prima in graduatoria dopo aver vinto i play-off a giugno. Ma la società emiliana non ha uno stadio a norma e ha chiesto di trasferirsi a Carpi. Il che cozza contro la delibera più recente del Cf, che su questo punto aveva annunciato un intransigente ''no alle deroghe''. E allora l'assise, come da più parti pronosticato, potrebbe orientarsi su una scelta più politica e ripescare tre club tutti di Lega Pro.

In condizioni normali il presidente della Lnd, Carlo Tavecchio, si sarebbe di sicuro impuntato per promuovere comunque un club della sua Lega, arrivando allo scontro con il collega Mario Macalli, presidente della Lega Pro che sugli stadi non sente ragione. Ma adesso, in piena bagarre elettorale, con Tavecchio candidato nella bufera per le sue frasi giudicate razziste e Macalli che è uno suo grande elettore, è probabile che tra i due venga sancito un tacito accordo. Per la Correggese, quindi, le speranze si affievoliscono. Ma siamo in Italia e tutto può succedere.

 

LA COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO FEDERALE

PRESIDENTE

Giancarlo Abete
VICE PRESIDENTI
Carlo Tavecchio (Vicario)
Demetrio Albertini
LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI SERIE A
Maurizio Beretta (Presidente)
Claudio Lotito
Antonino Pulvirenti
LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI SERIE B
Andrea Abodi (Presidente)
LEGA PRO
Mario Macalli (Presidente)
Archimede Pitrolo
Gabriele Gravina
LEGA NAZIONALE DILETTANTI
Carlo Tavecchio (Presidente)
Alberto Mambelli (Vice Presidente Vicario)
Fabrizio Tonelli (Presidente Divisione Calcio a Cinque)
Renzo Burelli
Giuseppe Caridi
Salvatore Colonna
ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI
Marcello Nicchi (Presidente)
ASSOCIAZIONE ITALIANA CALCIATORI
Damiano Tommasi
Demetrio Albertini
Umberto Calcagno
Simone Perrotta
ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLENATORI
Renzo Ulivieri (Presidente)
Luca Perdomi
SETTORE TECNICO
Gianni Rivera
SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO
Luca Pancalli

 

scritto da: Andrea Avato, 01/08/2014





comments powered by Disqus