Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - 27a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Carrarese30Gozzano
Renate12Pergolettese
Monza11Arezzo
Siena11Albinoleffe
Juventus U2310Pianese
Olbia10Pistoiese
Pontedera01Alessandria
Giana ErminiorinvComo
LeccorinvPro Patria
Pro VercellirinvNovara
MONDO AMARANTO
Marco, Niko e Giulio a Andalo - Trentino
NEWS

Ferretti: ''Lo stadio di Arezzo non è a norma''. Il Comune replica: ''no, è agibile''

Mentre l'ipotesi della riapertura dei termini per le domande di ripescaggio in serie C è ancora in piedi, esplode un'altra bomba clamorosa. Secondo il presidente amaranto, il Comunale presenterebbe lacune pesanti: tornelli e sistema di videosorveglianza non sono attivi, mentre l'ultima certificazione di agibilità della Commissione di vigilanza è datata 2008 ed è troppo vecchia. Domani intanto è fissato un vertice a palazzo Cavallo, ma il sindaco Fanfani non ci sarà. L'amministrazione replica: ''dal 2008 nulla è mutato, lo stadio è agibile''



lo stadio Comunale di ArezzoLa serie B 2014/15 avrà 22 squadre. Ieri, nella composizione del calendario, è stata lasciata una X al posto della società che verrà ripescata. Il nome del club scelto dal Consiglio Federale sarà reso noto domani, salvo ulteriori rinvii, non appena il Collegio di Garanzia del Coni avrà esaminato il ricorso del Novara. Di sicuro c'è che i tornei di B e C partiranno regolarmente in questo weekend, che anche in Lega Pro bisognerà ripescare una squadra e che questa si conoscerà più avanti.

In teoria anche l'Arezzo conserva qualche chance, specie se la Figc dovesse decidere di riaprire i termini per la presentazione delle domande. Ma chi pensava che i colpi di scena fossero terminati con la clamorosa occasione persa lo scorso 28 luglio, quando Ferretti rinunciò a concorrere per il salto di categoria, si sbagliava di grosso. Il presidente dell'Arezzo ha inviato ieri un telegramma al sindaco Fanfani e al Prefetto Ordine con cui solleva un problema imprevisto e sorprendente: lo stadio Comunale non è a norma

Secondo la società, dopo un'attenta e minuziosa analisi della documentazione richiesta dalla Lega e dei requisiti indispensabili per la conformità dell'impianto al sistema delle Licenze Nazionali, sarebbero emerse delle lacune pesanti. Il sistema di videosorveglianza, requisito costato la bocciatura al Poggibonsi, non è attivo. I tornelli elettronici non sono in funzione. E soprattutto mancherebbe la certificazione di agibilità della Commissione di vigilanza (formata da Prefettura, Questura, Comune, Polizia Municipale, Vigili del Fuoco, Asl e Us Arezzo) che si è riunita per l'ultima volta nel novembre del 2008

 

l'assessore allo sport Francesco RomiziQuesta ennesima bomba esplode fragorosa a ventiquattr'ore da una giornata caldissima per Ferretti, che per domani ha in agenda un incontro a palazzo Cavallo con l'amministrazione (ore 11) e poi il faccia a faccia con giornalisti e tifosi allo stadio (ore 15). E' chiaro che, in previsione di una vera e propria battaglia per i ripescaggi in C, il problema Comunale diventa dirimente. Il Poggibonsi sta completando il sistema di videosorveglianza, la Correggese ha mosso mari e monti per giocare a Carpi, l'Akragas tramite lo sponsor Enel ha avviato i lavori per installare le torri faro dell'illuminazione. L'Arezzo invece sembra annaspare. E dietro, in graduatoria, c'è il Taranto che scalpita.

All'interno di un contesto così ingarbugliato, adesso si apre un nuovo fronte di battaglia per Ferretti: quello con il Comune, nonostante la presentazione, poche settimane fa, di una bozza di progetto per la ristrutturazione dello stadio. Tra l'altro domani, al vertice in piazza della Libertà, Ferretti verrà accolto dall'assessore Romizi e dal vicesindaco Gasperini. Il sindaco Fanfani, in procinto di trasferirsi a Roma al Csm, è in ferie. 

Nel primo pomeriggio è arrivata la replica del Comune di Arezzo: ''In riferimento al telegramma inviato dal Presidente dell’Arezzo Calcio al Sindaco di Arezzo, l’Amministrazione comunale precisa che lo Stadio è agibile. Si ricorda che anche il 21 luglio scorso era stata inviata una lettera alla società sportiva con la quale l’Amministrazione, proprio in relazione ad una richiesta dell’Usd Arezzo Srl, precisava che quanto “all’agibilità dello stadio comunale, ad oggi nulla è mutato rispetto a quanto previsto e prescritto nel verbale della Commissione Tecnica Provinciale di Vigilanza sui locali di pubblico spettacolo n. 57/2008´╗┐.

Qualora ci fossero ulteriori prescrizioni da parte della Federazione Gioco Calcio, l’Amministrazione comunale è ovviamente disponibile a valutare le necessità e ad attivarsi di conseguenza. E conferma che l’incontro di domani in palazzo comunale con il Presidente Ferretti, potrà essere occasione non solo per un chiarimento tra le parti ma soprattutto per individuare le soluzioni che la città attende´╗┐.

 

scritto da: Andrea Avato, 27/08/2014





comments powered by Disqus