Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - 27a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Carrarese30Gozzano
Renate12Pergolettese
Monza11Arezzo
Siena11Albinoleffe
Juventus U2310Pianese
Olbia10Pistoiese
Pontedera01Alessandria
Giana ErminiorinvComo
LeccorinvPro Patria
Pro VercellirinvNovara
MONDO AMARANTO
Giacomo a Santorini
NEWS

Sopralluogo allo stadio, videosorveglianza e tornelli ok. C'è anche la fidejussione

Il questore Moja e l'assessore Romizi hanno partecipato al vertice sull'agibilità del Comunale, che ha superato l'esame. Presenti anche il vicepresidente De Martino, il direttore sportivo Federico e mister Capuano. L'analisi dei parametri relativi a tradizione sportiva della società e media spettatori. Banca Valdichiana ha rilasciato la fidejussione indispensabile per il buon esito della domanda



il Gos presente allo stadio di ArezzoC'E' LA FIDEJUSSIONE - Nella giornata di oggi il presidente Mauro Ferretti è arrivato ad Arezzo per espletare le ultime formalità burocratiche legate alla pratica del ripescaggio. La società, come richiesto dalla Figc, ha messo a punto l’atto di adeguamento alle disposizioni della Legge n. 91/1981, corredato dallo Statuto conforme alla normativa legislativa e federale vigente.

La notizia importante riguarda la fidejussione da 600mila euro, rilasciata da Banca Valdichiana, che l'Us Arezzo depositerà in doppia copia domattina sia a Firenze (sede della Lega Pro) che a Roma (sede della Figc) insieme a tutto il faldone di documenti. 

 

LO STADIO E' OK - Un altro passo in avanti verso il ripescaggio in Lega Pro. Questa mattina Enrico Moja, questore di Arezzo, e l’assessore allo sport Francesco Romizi hanno effettuato un sopralluogo presso lo stadio Comunale. Ad attenderli il direttore sportivo Sandro Federico e il vice presidente Enrico De Martino, oltre al tecnico Ezio Capuano.

Il sopralluogo dei tecnici del Comune e del personale della Questura di Arezzo ha interessato il sistema di videosorveglianza (monitorato tramite il Gruppo Operativo di Sicurezza presente in tribuna) e i tornelli elettronici che, in caso di ritorno tra i professionisti, regoleranno l’accesso all’impianto. Il summit con la società è terminato pochi minuti dopo mezzogiorno. 

La cosa più importante ovviamente è che non è stato riscontrato alcun problema legato a videosorveglianza e tornelli, e ciò di fatto ha consegnato all’Arezzo un ulteriore punto a favore rispetto alle altre concorrenti per la Lega Pro.

 

PARAMETRI E GRADUATORIA - Per il ripescaggio al Campionato di Divisione Unica 2014/2015, in caso di vacanza di organico, saranno ammesse in ordine alternato una società retrocessa dalla II Divisione e una società che abbia disputato il Campionato di Interregionale nella stagione 2013-2014, seguendo per le società di Interregionale la graduatoria predisposta dalla LND, secondo apposito regolamento approvato dal Consiglio Federale.

E' l'incipit del comma A3 del comunicato n. 171/A della Figc, quello che disciplina i ripescaggi e che verrà seguito per individuare la sessantesima squadra della serie C.

Per l'Arezzo l'interpretazione è ferrea: fa testo la graduatoria stilata dalla Lnd dopo l'esito dei play-off e l'Arezzo (6°) viene prima del Taranto (11°), grazie soprattutto alla vittoria per 1-0 nello scontro diretto giocato in Puglia. Stop.

Per il Taranto invece l'interpretazione è più estensiva. E cioè: il piazzamento dell'ultima stagione vale per il 50%, mentre un 25% di punteggio viene assegnato in base alla tradizione sportiva della città e un altro 25% in base al numero medio di spettatori nelle ultime cinque stagioni.

Poniamo il caso sia veramente così. Il comunicato dice che alle società appartenenti alle singole griglie verrà attribuito un punteggio crescente di una unità per società, con valore più basso (1) assegnato alla società che, dalla sommatoria dei punteggi sopra indicati avrà totalizzato il valore più basso, fino ad attribuire il maggior punteggio alla società che, dalla sommatoria dei punteggi sopra indicati, avrà totalizzato il valore più alto.

La classifica finale si otterrà con la seguente formula: punteggio classifica finale x 0,5 + punteggio tradizione sportiva x 0,25 + punteggio numero medio spettatori x 0,25.

Criterio A - piazzamento ultima stagione. Taranto 1, Arezzo 2

Criterio B - tradizione sportiva (il Taranto ha 32 tornei di B, 44 tra C1 e C2; l'Arezzo 16 di B, 46 tra C1 e C2). Quindi Taranto 2, Arezzo 1

Criterio C - media spettatori (mancano i dati ufficiali ma poniamo che il Taranto abbia una media più alta). Quindi Taranto 2, Arezzo 1

Formula Arezzo: 2 x 0,5 + 1 x 0,25 + 1 x 0,25 = 1,5

Formula Taranto: 1 x 0,5 + 2 x 0,25 + 2 x 0,25 = 1,5

Ci sarebbe parità. Il comunicato dice che in tal caso prevarrà la società che ha ottenuto la
concessione della Licenza Nazionale nel termine dell’11 luglio 2014. Ma i due club sono entrambi in serie D, quindi non ce l'hanno ancora. 

Andiamo avanti. In tal caso tra le due o più aspiranti società sarà prescelta quella che non è stata sanzionata con punti di penalizzazione in classifica da scontarsi nella stagione 2013/2014 o 2014/2015. Né Arezzo né Taranto hanno avuto penalità o ne dovranno avere nella prossima stagione.

Quindi bisogna procedere ancora. Qualora permanga una situazione di parità, prevarrà la società meglio classificata secondo il criterio di cui alla lettera A). Cioè quella relativa al piazzamento dell'ultima stagione. Che è, come noto, l'Arezzo.

 

scritto da: Matteo Marzotti - Andrea Avato, 01/09/2014





Play-off / Taranto-Arezzo 0-1, le immagini

comments powered by Disqus