Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE B - 13a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Imolese02Arezzo
Fano12V. Verona
Gubbio11Feralpi Salò
Samb11Legnago
Sud Tirol11Perugia
Carpi22Triestina
Cesena00Modena
Fermana11Matelica
Mantova21Ravenna
Padova53Vis Pesaro
MONDO AMARANTO
il tifosissimo Luca
NEWS

Bruno goleador, ritmo e tre mesi d'imbattibilità. Marcolini ha un Vicenza Real

Domani al Comunale arriva la prima della classe, che finora ha perso solo una partita alla prima giornata e che in trasferta ha già conquistato tre volte il bottino pieno. In attacco c'è il capocannoniere del campionato, con Dalla Bona e Piccinni perni di centrocampo e difesa. Il presidente Diquigiovanni viene dal ciclismo e in quattro stagioni ha portato il club dall'Eccellenza alla Lega Pro



Sasà Bruno esulta dopo uno dei suoi 8 golDomani di scena al Comunale ci sarà la capolista del girone, il Real Vicenza, avversario mai affrontato prima e sorpresa di questo inizio stagione, che al momento guida inaspettatamente la classifica del girone A con 26 punti.

Società molto giovane, è stata fondata nel 2010 grazie a Lino Diquigiovanni, imprenditore nel settore dei serramenti in pvc, che propose a Leodari Sole Vicenza, Cavazzale e Real Vicenza-Laghetto, tre società dell’hinterland vicentino, di fondersi in una nuova compagine. Il presidente gestisce la squadra assieme alla moglie e alla figlia Barbara. Arriva al calcio dal ciclismo (era a capo dell'omonimo team, adesso denominato Androni Giocattoli-Venezuela), con cui ha partecipato ad un paio di edizioni del Giro d'Italia. Del suo team facevano parte Simoni e Rebellin. Diquigiovanni ha più volte cercato negli ultimi anni di acquistare la prima squadra della città e la nascita del “Real” non si pone come alternativa all'altro club cittadino, ma come espressione della grande passione sportiva del suo presidente.

Vengono adottati come colori sociali il bianco e il rosso, gli stessi del Vicenza. Il nuovo club parte dal campionato di Eccellenza, dove militava il Cavazzale, ma già nella stagione 2013-14 fa il suo debutto nei professionisti grazie a due ripescaggi consecutivi: il primo grazie alla vittoria della Coppa regionale Dilettanti di Eccellenza e il secondo a seguito della mancata iscrizione di molte squadre in Lega Pro, ottenuto per merito del piazzamento nei Play-off di Serie D.

La scorsa annata in Seconda Divisione, sotto la guida tecnica di Lamberto Zauli, ex fantasista di Bologna, Palermo e Vicenza, si è chiusa con un 7° posto che ha permesso ai veneti di prendere parte alla neonata Lega Pro Unica.

La squadra da questa estate è stata affidata a Michele Marcolini, tecnico giovane, ex centrocampista dai piedi buoni di Atalanta e Chievo, al suo secondo anno in panchina dopo l’esperienza della precedente stagione a Lumezzane, che schiera i suoi con un solido 3-5-2.

 

Il presidente Lino Diquigiovanni con la figlia BarbaraA difendere la porta ci sarà il capitano Tomei, mentre i tre di difesa dovrebbero essere Carlini, che ha seguito il mister da Lumezzane, Polverini e l’ex Albinoleffe Piccinni, autore già di 3 reti in campionato, con i giovani Beccaro, Solini e Calcagnotto pronti in caso di necessità.

Il centrocampo è reparto ben strutturato e funzionale sia in fase d’interdizione che di spinta, dove il leader è l’ex Modena Dalla Bona, 2 reti all’attivo, affiancato da Malagò, in rete sabato nella netta vittoria sul Novara, e da Cristini, ben 4 le sue segnature stagionali. Sugli esterni ci saranno a destra Lavagnoli, uno di pochi riconfermati della scorsa stagione, con a sinistra l’ex Carrarese Vannucci. Completano il reparto Pavan e Caporali, due giovani prelevati dai dilettanti del Valdagno, spesso utilizzati in questa inizio di campionato.

L’attacco poggia sulle spalle dell’esperto Sasà Bruno, capocannoniere del girone assieme a Fischnaller con 8 gol, ex centravanti di Modena, Juve Stabia e Sassuolo, che sta vivendo a Vicenza una seconda giovinezza. Sarà affiancato probabilmente da Bardelloni, attaccante rapido e bravo ad aprire spazi, in gol sabato scorso, con Galuppini e il nigeriano Odogwu che potrebbero insidiargli la maglia da titolare.

Partita per ottenere una tranquilla salvezza, la squadra vicentina per il momento è la vera e propria rivelazione di questo inizio campionato. Dalla Bona e compagni giocano un calcio molto veloce, hanno un’ottima circolazione palla, con centrocampisti bravi negli inserimenti e in zona gol, che abbina quantità e qualità, con 22 reti realizzate e 12 subite. Inoltre viene da ben 12 risultati utili consecutivi.

Il Real Vicenza è formazione esperta, che in trasferta ha raccolto 3 vittorie (Monza, Lumezzane e Albinoleffe), 2 pareggi (Como e Südtirol) e l’unica sconfitta stagionale, quella all’esordio contro il Feralpi. Sta vivendo un ottimo momento di forma sia a livello fisico che mentale, ma soffre le squadre che si difendono e che ripartono in contropiede. La difesa, fisicamente strutturata e prestante, potrebbe andare in difficoltà sulle incursioni del brevilineo Erpen. E' un avversario da affrontare senza timori reverenziali, che verrà al Comunale per mantenere la leadership in campionato.

 

scritto da: Mauro Guerri, 22/11/2014





Amarcord / Serie B 2004-05 / Arezzo-Vicenza 3-0

comments powered by Disqus