Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE D GIRONE E - Playoff e Playout

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
IN LEGA PRO
San Donato
PLAY OFF
Poggibonsi42Gavorrano
PLAY OUT
Rieti20Foligno
IN ECCELLENZA
Pro Livorno, Cannara, Unipomezia, Foligno
MONDO AMARANTO
Ilaria in trasferta a Modena
NEWS

Il colpo da novanta non si fa più: saltato l'affare Dall'Oglio. Rinnovi, ultimi giorni poi stop

Ricordate il giocatore che Capuano aveva annunciato, senza farne il nome, quello con una quarantina di presenze in B, giovane e forte? Si riferiva al centrocampista della Reggina, ma dopo la salvezza dei calabresi è andato tutto a monte. Trattativa raffreddata anche con Calderini, mentre per le conferme siamo agli sgoccioli: l'Arezzo aspetterà fino al week-end, poi prenderà altre strade



Jacopo Dall'Oglio, era lui il colpo da novanta che voleva CapuanoRicordate il giocatore che Capuano aveva annunciato, senza farne il nome, qualche settimana fa? Quello forte, giovane ma con una quarantina di presenze in B, un colpo di mercato sullo stesso livello di Floro e Ranocchia, arrivati a parametro zero nel 2005? Beh, Capuano si riferiva a Jacopo Dall'Oglio, classe '92, mediano della Reggina. Un affare che, purtroppo per l'Arezzo, è saltato e non si farà più.

''Avevamo l'accordo, ma l'abbiamo dovuto stracciare'', ha commentato l'allenatore. ''Ed è un peccato, perché Dall'Oglio mi è sfuggito per la seconda volta in sei mesi''.

E' andata proprio così. A gennaio l'Arezzo era riuscito a strappare il prestito del giocatore, fuori rosa su ordine del presidente Foti, ma erano stati fatali i pochi minuti di ritardo nel deposito della documentazione. Adesso si è verificata una concatenazione di eventi incredibile: al termine del campionato la Reggina era retrocessa e Dall'Oglio si era svincolato automaticamente. Un invito a nozze per l'Arezzo, costretto a inseguire giocatori in scadenza per motivi di budget. Poi la penalizzazione della Reggina è stata ridotta, la classifica è cambiata, in D c'è andato il Savoia e i calabresi, ai play-out, hanno fatto fuori il Messina. Il contratto di Dall'Oglio, con scadenza 2018, è ancora valido e quindi Capuano ha dovuto alzare bandiera bianca.

Da Reggio dicono che in realtà tra il centrocampista (37 presenze in B, 34 in C) e l'Arezzo c'era solo un'intesa di massima e che l'offerta non era troppo allettante, ma la sostanza non cambia. Capuano, fino a venti giorni fa, si attendeva probabilmente un budget più ampio da parte della proprietà, solo che dopo il summit di Roma dello scorso 18 maggio (la sera poi il mister fu ospite di Block Notes), il quadro è cambiato.

L'unico colpo andato a segno, ad oggi, è quello di Stefano Fortunato, portiere classe '90. Per il resto, solo abboccamenti. E anche con i protagonisti di quest'anno la strada è in salita: Gambadori, Panariello, Sabatino erano stati indicati come punti fermi da cui ripartire, ma le parti sono distanti. E Capuano sarebbe intenzionato ad aspettare fino a domenica: dopo quella data, arrivederci e grazie. Crudele forse, ma molto realista. Il fatto è che l'allenatore non può derogare: c'è un tetto agli ingaggi da non sforare, altrimenti salta il banco. Anche con Calderini, un giocatore che al tecnico piace moltissimo, i rapporti si sono raffreddati. L'ex Cosenza, originario di Città di Castello, vorrebbe avvicinarsi a casa, è vero, ma è disposto a ridursi lo stipendio fino a un certo punto. Dal suo punto di vista, un ragionamento assolutamente ovvio: ha mercato, ha richieste, può scegliere. Il problema è che l'Arezzo deve far quadrare il cerchio.

In ogni caso Capuano, che oggi ha seguito i provini per giovani calciatori allo stadio, non perde l'ottimismo: ''Anche senza follie la squadra la faccio lo stesso - continua a ripetere. E la faccio più forte dell'anno scorso''

 

scritto da: Andrea Avato, 03/06/2015





L'Arezzo fa i conti con la spending review

comments powered by Disqus