Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - 27a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Carrarese30Gozzano
Renate12Pergolettese
Monza11Arezzo
Siena11Albinoleffe
Juventus U2310Pianese
Olbia10Pistoiese
Pontedera01Alessandria
Giana ErminiorinvComo
LeccorinvPro Patria
Pro VercellirinvNovara
MONDO AMARANTO
Roberto, Jacopo, Chiara e Giulia alla Valle dei Templi - Agrigento
NEWS

Lo stress, la gamba dolorante, le lacrime, l'abbraccio del popolo. Capuano vince ancora

Era stata una vigilia carica di tensione per l'allenatore, costretto a prendere farmaci per lenire il dolore alla coscia e punto nel vivo dalla decisione della società di annullare il consueto ritiro pre partita. Il 2-0 conquistato sul campo ha rimesso le cose a posto, almeno in parte. E come sempre, Eziolino è andato a rifugiarsi dalla gente: le strette di mano di ieri hanno un valore speciale



Capuano tra i tifosi a fine partitaSi è messo a piangere durante l'intervista con RadioEffe, a fine partita. Lacrimoni veri sulle guance, mentre parlava dell'affetto con i tifosi e della sua gamba dolorante. Eziolino Capuano zoppica da una settimana per colpa di un malanno che gli sta dando diverse preoccupazioni.

''Negli ultimi giorni ho preso il Toradol per fare allenamento'' ha detto ''ma non volevo abbandonare i ragazzi. Il merito della vittoria è tutto loro. Quest'anno abbiamo cambiato filosofia, giochiamo sempre per vincere. E se siamo al sesto posto, vuol dire che abbiamo lavorato bene''.

 

Non era stata una vigilia facile per Capuano. Lui è un libro aperto e se non è sereno, si vede lontano un miglio. Con la società si è creato un solco e la decisione del club di non mandare la squadra in ritiro lo ha punto nel vivo, quasi fosse un altro guanto di sfida nei suoi confronti. Eziolino lo aveva ammesso: ''sarei un ipocrita se dicessi che è stata una scelta mia''. Così le ore del pre partita si sono caricate di tensione e di stress e il risultato pieno era diventato anche una rivincita contro tutto e contro tutti.

 

Quando Zanonato ha fischiato la fine, l'allenatore è andato a rifugiarsi dal popolo. Claudicante e felice, ha idealmente stretto le mani a tutti i duecento che erano lì. Ed è stato ricambiato. 

Tante volte Capuano è corso verso i tifosi, in casa e in trasferta. Ma l'abbraccio di ieri a Prato aveva tutto un altro valore.

 

scritto da: Andrea Avato, 28/02/2016





Prato-Arezzo 0-2, intervista a Capuano

Prato-Arezzo 0-2
comments powered by Disqus