Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - 27a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Carrarese30Gozzano
Renate12Pergolettese
Monza11Arezzo
Siena11Albinoleffe
Juventus U2310Pianese
Olbia10Pistoiese
Pontedera01Alessandria
Giana ErminiorinvComo
LeccorinvPro Patria
Pro VercellirinvNovara
MONDO AMARANTO
Silvia sulla Marmolada
NEWS

Clamoroso a Rimini. Giocatori senza stipendi: sabato faranno sciopero! Deferimento per il Pisa

L'Associazione Italiana Calciatori ha pubblicato una nota ufficiale per stigmatizzare le condizioni in cui è costretta a lavorare la squadra biancorossa da molto tempo. ''Proprietà inadempiente e latitante, impossibile andare avanti''. A rischio la partita in trasferta contro il Teramo. Intanto il club nerazzurro finirà davanti al Tribunale a causa di una fidejussione risultata ''non veridica''



i giocatori del Rimini minacciano lo scioperoLa situazione del Rimini è sempre più drammatica. Oggi pomeriggio l'Associazione Italiana Calciatori ha pubblicato una nota ufficiale sul proprio sito web per mettere in evidenza le difficoltà con cui i calciatori romagnoli sono costretti a convivere da mesi. Per la giornata di sabato, giorno in cui si dovrebbe giocare Teramo-Rimini, è stato addirittura annunciato lo sciopero da parte della squadra.

 

L’Associazione Italiana Calciatori e la prima squadra della A.C. Rimini 1912 s.r.l. vogliono mettere in evidenza l’attuale situazione dei calciatori: ad oggi la società ha reso impossibile la prosecuzione di qualsiasi attività sportiva, rendendosi inadempiente in riferimento alle obbligazioni contrattuali.

Ormai da mesi non viene corrisposto alcun emolumento, rendendo difficile se non impossibile per i calciatori il loro mantenimento e quello della propria famiglia.
Le risposte e le soluzioni richieste nelle settimane passate non sono arrivate da parte della Società e la situazione, di per sé inaccettabile, è adesso assolutamente insostenibile.

I calciatori si sentono umiliati e denigrati come professionisti e come uomini e non vi sono più le condizioni per il corretto prosieguo dell’attività sportiva, assolutamente necessario anche in considerazione della specificità della prestazione richiesta ai calciatori.

I calciatori ben comprendono l’amarezza della città di Rimini e soprattutto della tifoseria, che sino ad oggi ha supportato l’attività, frequentemente sobbarcandosi anche i costi di pullman e trasferte, ma l’assoluta latitanza della società non consente il sereno svolgimento dell’attività lavorativa nell’attuale approssimazione e improvvisazione.

La situazione è oggi irrimediabilmente compromessa e non consente in alcun modo la prosecuzione dell’attività lavorativa; valutata l’estrema gravità del contesto (dovuta all’irresponsabile condotta della società), vista l’impossibilità per i calciatori di proseguire il rapporto lavorativo e di adempiere alle proprie obbligazioni nell’assoluto inadempimento della parte datoriale, con il presente comunicato i calciatori e l’A.I.C. comunicano che, in assenza dell’adempimento delle obbligazioni maturate entro venerdì 1 aprile p.v. e per tale denegata ipotesi, viene indetto fin d’ora uno sciopero dei calciatori tesserati per la società A.C. Rimini 1912 s.r.l. per la giornata del 2 aprile 2016.

 

DEFERIMENTO PER IL PISA - Intanto il Procuratore Federale ha deferito Fabrizio Lucchesi, all’epoca dei fatti Amministratore Unico e legale rappresentante della Società A.C. Pisa 1909, “per aver violato i doveri di lealtà probità e correttezza, in quanto, in data 9 novembre 2015, ha prodotto presso la Lega Pro e fatto uso di una fideiussione risultata non veridica, senza effettuare alcun controllo preventivo”. La società è stata deferita a titolo di responsabilità diretta.

 

scritto da: La Redazione, 30/03/2016





comments powered by Disqus