Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - Play-off e Play-out

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
IN SERIE B
Vicenza, Monza, Reggina, Reggiana
PLAY OFF
Reggiana10Bari
PLAY OUT
Pianese00Pergolettese
Olbia10Giana Erminio
IN SERIE D
Gozzano, Pianese, Giana Erminio, Rimini, Arzignano, Ravenna, Rieti, Rende, Bisceglie
MONDO AMARANTO
Torta col cavallino per gli sposi Andrea ed Elisa
NEWS

Capece, il puntiglio dell'ex. Defendi, un gol che ci voleva. Tremolada stavolta è sotto tono

Tanti palloni giocati e catturati dal play amaranto, stimolato dal confronto con i suoi vecchi compagni. Mezz'ora di difficoltà, poi la difesa si riprende e porta in fondo la partita. Male le due mezze ali: Feola e Benedetti ai margini del gioco. Insufficienti gli attaccanti Mendicino e Bentancourt



Tremolada svicola tra due avversariLe pagelle di Spal-Arezzo.

CAPECE 6.5 Era un ex e magari, vedendo lo stadio addobbato a festa, gli è preso pure il rimpianto di non essere rimasto lì. Mascherato bene però, perché di fronte ai vecchi compagni, al vecchio allenatore e ai vecchi tifosi ci ha dato dentro con una certa baldanza. Si è mosso molto, ha toccato diversi palloni, ne ha catturati altrettanti. Con Castagnetti, il play che gli ha rubato il posto, il duello è finito pari.

BAIOCCO 6 Su Cellini, dopo due minuti, fa una gran parata. Poi la palla resta lì e Zigoni la infila dentro a rete sguarnita, ma le colpe non sono del portiere, che invece ha responsabilità evidenti su un'uscita maldestra che per un nonnulla non propizia il 2-0. I due episodi fanno pari e patta. Nella ripresa Zigoni, in effetti, gli fa fallo prima di segnare.

BRUMAT 6 Partita onesta. Occhi aperti nelle coperture, generosità nella proposizione, un giallo giustificato per uno strattone a Schiavon che gli sarebbe svicolato verso l'area.

SABATINO 6 Ci mette un po' a prendere le misure a Lazzari, che sulla fascia spinge come un diavolo. Scollinata la mezz'ora, il match prende una piega più tranquilla. Ammonito, salterà la Maceratese.

MADRIGALI 6 L'inizio non è granché. La combinazione Zigoni-Cellini apre la difesa amaranto con facilità irrisoria e lo svantaggio immediato ha tutte le sembianze di un macigno grosso così. Per fortuna la Spal ha la testa ai festeggiamenti e toglie il piede dal gas, sgravando i compiti della retroguardia.

MILESI 6 Idem come sopra. Coinvolto nella voragine che spalanca la strada alla Spal per l'1-0, assorbe il colpo e si rimette a giocare. I pericoli si rarefanno e porta in fondo una prestazione dignitosa.

TREMOLADA 5.5 Fino al gol di Defendi, le uniche conclusioni amaranto erano state sue: una alta di mezzo metro, una respinta con i pugni dal portiere. Qualche bel gioco di gambe, la consueta eleganza e un portamento d'alto livello. Però è meno incisivo e pungente del solito. Sotto tono (st 38' Varano ng).

FEOLA 5 Impastato e involuto. Ai margini della manovra, senza guizzi in fase d'inserimento e senza nemmeno troppa fortuna nel recupero palla. Pomeriggio grigio.

BENEDETTI 5 Il centrocampista visto all'opera per un mesetto, dopo l'arrivo al calcio mercato, è evaporato piano piano. Prima puliva il gioco e dettava i tempi, adesso vivacchia senza mai segni di vitalità. Difatti, quando Bucaro deve rimescolare le carte, toglie lui (st 13' Gambadori 6 Un quarto d'ora con buona lena, poi segna Defendi e sulla gara cala il sipario).

MENDICINO 5 Evanescente, fuori fase, con errori in palleggio e nel controllo palla. Conclusioni in porta: zero. Il gol di Aprilia sembrava averlo sbloccato, a Ferrara invece stecca la prestazione.

BENTANCOURT 5 Di nuovo in campo dopo l'esultanza e il polverone di Aprilia. Ci si attendeva una risposta di carattere, un'interpretazione virile del match, un'impronta tecnica. Nello score invece ci sono due tiri sballati e null'altro (st 13' Defendi 6.5 Entra, inietta fibrillazione nella difesa spallina e soprattutto segna il gol dell'1-1, il terzo dentro una stagione tribolata come non mai. Ci voleva).

 

scritto da: Andrea Avato, 23/04/2016





Spal-Arezzo 1-1, intervista a Defendi

Spal-Arezzo 1-1
comments powered by Disqus