Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - 10a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Olbiamer15Albinoleffe
Carraresemer18.30Como
Giana Erminiomer18.30Pergolettese
Leccomer18.30Juventus U23
Pontederamer18.30Pro Patria
Renatemer18.30Novara
Alessandriamer20.45Pistoiese
Monzamer20.45Gozzano
Pro Vercellimer20.45Arezzo
Sienamer20.45Pianese
MONDO AMARANTO
Claudio e Daniele in trasferta a Venezia
NEWS

Vertenza Capone, l'avvocato: ''La società rischia sanzioni''. Replica: ''Sconcerto. Ma pagheremo''

L'ex vice allenatore amaranto, tesserato nell'estate del 2014 e poi sollevato dall'incarico, ha vinto la causa davanti al collegio arbitrale della Lnd. La società però non ha effettuato il bonifico di 8.800 euro, sforando il limite dei 30 giorni imposto dalla sentenza. Il legale del collaboratore tecnico oggi ha rilasciato una breve intervista a TuttoMercatoWeb, sollecitando il club al versamento. In serata la risposta di viale Gramsci



Donato Capone all'antistadio con Ezio CapuanoOre 20 - L'Us Arezzo ha replicato con una nota ufficiale alle dichiarazioni dell'avvocato Arianna Calabria, legale dell'ex collaboratore tecnico amaranto Donato Capone. Questo il testo completo.

 

Avendo letto con sorpresa, e anche con un po’ di sconcerto, le dichiarazioni dell’Avvocato Arianna Calabria relativamente alla vertenza intentata da Donato Capone di fronte al collegio arbitrale della LND, l’Unione Sportiva Arezzo si trova costretta a precisare che il tesseramento del suddetto, avvenuto in previsione del campionato di serie D, non era stato poi ratificato in seguito al ripescaggio in Lega Pro.

All’allenatore Capuano fu infatti affiancato, come secondo, un altro allenatore in considerazione del salto di categoria, così come analogamente avvenuto anche per diversi calciatori tesserati. L’interpretazione della società, infatti, era (e rimane) quella che il passaggio a Lega diversa in seguito a un ripescaggio avvenuto praticamente ad inizio campionato comportasse la libertà di riorganizzare i propri quadri tecnici in considerazione della nuova situazione. A dimostrazione della fondatezza di questo comportamento c’è il fatto che la Lega Pro ratificò la nullità di questo contratto.

Ora, dopo due anni e varie vicissitudini procedurali, c’è una sentenza che invece ci obbliga al versamento di una cifra che, pur essendo minore di quanto sarebbe spettato da contratto al suddetto Capone, deve essere comunque corrisposta. Detta situazione dovrà essere regolarizzata prima dell’iscrizione al nuovo campionato, per non comportare conseguenze di alcun tipo sulla stagione che deve ancora iniziare, e così sarà nel rispetto di quel comportamento che ha visto fino ad oggi, con i fatti, la gestione del Presidente Ferretti non incorrere in alcuna penalizzazione nonostante ci sia chi, in buona o in mala fede, si diverte ad evocare quello che per noi rimane uno sconosciuto fantasma mentre per molte altre società è stata, in questi due anni, una conclamata realtà.

 

Ore 13 - La storia è quella di Donato Capone, ex vice allenatore di Ezio Capuano che ha vinto la causa contro l'Arezzo davanti al Collegio Arbitrale della Lnd.

La sua vicenda, ripercorsa nei dettagli, la potete leggere a questo link.

 

Oggi l'avvocato di Donato Capone, nonché agente Fifa, Arianna Calabria, ha rilasciato una breve intervista a TuttoMercatoWeb, lamentando il mancato pagamento degli 8.800 euro che spettano al suo assistito.

 

L'Arezzo può rischiare sanzioni: c'è una sentenza del Collegio Arbitrale della LND che obbliga il club a pagare il premio di tesseramento in favore di Capone entro 30 giorni dalla notifica tramite raccomandata, recapitata l'11 maggio scorso, e alla data dell'11 giugno, quella di scadenza, la società non ha ancora effettuato il bonifico.

 

L'avvocato e agente FIFA Arianna Calabria ha spiegato: "Ho inviato una pec all'Arezzo Calcio chiedendo di fare il pagamento, la società mi ha risposto chiedendo di mandare un IBAN in modo che potesse pagare, ma questo pagamento non è avvenuto.

Io inoltrerò una comunicazione formale alla società ricordando che rischia delle sanzioni, che possono arrivare anche alla non ammissione al campionato. Secondo me la società non arriverà a prendere questo rischio.

Non sarebbe necessaria una liberatoria se la vertenza fosse sanata, ma se il pagamento non avvenisse nonostante i solleciti, il signor Capone avrebbe tutto il diritto di segnalare la cosa, e allora si potrebbe aprire una questione".


scritto da: La Redazione, 14/06/2016





comments powered by Disqus