Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - 22a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Gozzano01Alessandria
Juventus U2322Novara
Pianese00Pro Vercelli
Renate21Giana Erminio
Albinoleffe01Pistoiese
Olbia12Siena
Lecco22Arezzo
Pergolettese00Como
Carrarese21Pontedera
Monza20Pro Patria
MONDO AMARANTO
Lorenzo nella Monument Valley - Stati Uniti
NEWS

Scritte minacciose a Sant'Andrea dopo il Saracino. Individuato e denunciato il colpevole

La Polizia ha scoperto l'autore del murales contro il giostratore biancoverde Enrico Vedovini. Era già stato identificato, senza addebiti di responsabilità, tra i quartieristi che si erano scontrati in piazza San Michele durante il transito del corteo storico



L’ultima edizione della Giostra del Saracino, svoltasi il 18 giugno, ha fatto registrare, come noto, momenti di disordine e turbativa che hanno determinato l’avvio, da parte dei competenti uffici della Questura, di attività investigative finalizzate all’identificazione degli autori delle condotte illecite sfociate in scontri fisici ed in reciproci affronti idonei ad innalzare il livello di contrapposizione tra i Quartieri.

 

In questo ambito, oltre al deferimento all’Autorità Giudiziaria dei soggetti coinvolti nei tafferugli di Piazza San Michele, già reso noto nei giorni scorsi, gli operatori di polizia hanno intrapreso ulteriori iniziative volte alla individuazione dell’autore di scritte murali intimidatorie impresse sulla facciata del palazzo che ospita la sede del Quartiere Sant'Andrea.

 

L’esito delle indagini ha condotto all’identificazione dell’autore del gesto, aretino, che è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per i reati di deturpamento ed imbrattamento di cose altrui e minaccia. Lo stesso, peraltro, era stato individuato ed identificato, senza addebiti di responsabilità, come persona facente parte dei gruppi di quartieristi nel cui contesto si erano distinti i protagonisti dei fatti avvenuti nella suddetta Piazza San Michele.

 

scritto da: La Redazione, 13/07/2016





comments powered by Disqus