Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE D GIRONE E - Playoff e Playout

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
IN LEGA PRO
San Donato
PLAY OFF
Poggibonsi10Pianese
Arezzo02Gavorrano
PLAY OUT
Rieti20Foligno
IN ECCELLENZA
Pro Livorno, Cannara, Unipomezia, Foligno
MONDO AMARANTO
Lally e Eli a Londra
NEWS

Lo zibaldone della trasferta di Monza. Cucchiaini, levatacce e roba da chiodi

Lo zibaldone della trasferta di Monza, cominciata con ancora nelle orecchie le note di I gotta feeling dei Black Eyed Pies, ballata poche ore prima della partenza in un noto locale cittadino pieno di gente e d'atmosfera, e conclusa all'ora di cena con un tabellino marcatori che per scriverlo ci sono voluti dieci minuti.



il prefiltraggio del BrianteoLo zibaldone della trasferta di Monza, cominciata con ancora nelle orecchie le note di I gotta feeling dei Black Eyed Pies, ballata poche ore prima della partenza in un noto locale cittadino pieno di gente e d'atmosfera, e conclusa all'ora di cena con un tabellino marcatori che per scriverlo ci sono voluti dieci minuti.
A come ascensore. Guasto. E 350 gradini da scalare per arrivare dall'ingresso dello stadio fino alla tribuna stampa. Con telecamere e cavalletti da portare su. C'era gente che boccheggiava quando è giunta in cima. Tutto ciò non è bello!
B come banale. Appena Essabr ha segnato il sesto gol, ho pensato che l'indomani titoli e commenti dei giornali avrebbero abusato del parallelo con il tennis. E infatti, puntualmente, si è letto di vittoria in stile Roland Garros, di Arezzo come Federer e/o Nadal, di smash vincente e altre amenità. Non c'è scampo, certi riflessi sono condizionati: se segni tre gol cali il tris, se ne fai quattro ecco il poker, se ne butti dentro sei hai vinto il primo set! La fantasia al potere non ci andrà mai.
C come cattedrale nel deserto. Come molti stadi italiani, il Brianteo è molto, molto grande e tanto, tanto vuoto. L'ultima volta che l'hanno riempito è stato nel 2000, quando per il Gods of Metal gli Iron Maiden suonarono davanti a 25mila persone. Da quel giorno in poi, 25mila persone ci sono entrate in dieci anni.
D come due euro e cinquanta. Il costo del parcheggio auto per la stampa, custodito da persone con tanto di pettorina del Monza, sito a cinque metri dai botteghini dello stadio. Presupponendo che i giornalisti locali abbiano in tasca tessere d'ingresso valide per tutto l'anno, l'incasso il Monza lo fa con i cronisti di fuori. Da Arezzo, come consuetudine, ci siamo presentati in sei (tre giornalisti, due operatori e un fotografo), equamente divisi in due auto, e dunque abbiamo portato nelle casse brianzole ben 5 euro. Un contributo che potremmo definire sostanzioso.
E come ex. Nello Russo acciaccato e nemmeno in panchina per il Monza. Considerando i suoi precedenti contro l'Arezzo, meno male...
F come fenomeno. Lo score di Chianese in amaranto si commenta da solo. 54 presenze e 29 gol. 11 rigori calciati e 10 gol. Chapeau.
l'ascensore guasto e 350 gradini da salireG come goleada. Sostantivo spagnolo. Nel gergo calcistico, serie notevole di gol messi a segno in una partita, generalmente da una sola delle squadre.
I come irritante. L'atteggiamento di chi, quando vinci largo, mette le mani avanti: “Sì, ma loro erano scarsi”. Oppure, peggio, l'atteggiamento di chi non viene mai alla partita e si sente in dovere di farti la telefonata che non ti fa da mesi: “Oh, ma a quest'Arezzo che gli è successo?”. Che gli è successo? Niente. Si giova dell'assenza dei ceppi come te!
L come levataccia. Alzarsi alle sette e mezzo di mattina, dopo poche ore di sonno, per guidare la Modus milleddue di Teletruria fino a Monza è una gran fatica. Alzarsi alle sette e mezzo di mattina, dopo poche ore di sonno, per guidare la Modus milleddue di Teletruria fino a Monza e tornare a casa con una vittoria per 6-1, non ha prezzo. Per tutto il resto, appuntamento alla prossima vita.
M come mustang. Gettata al vento la possibilità di andare in vantaggio, il Monza ha pensato bene di concedere all'Arezzo decine e decine di metri di spazio per il contropiede. A un certo punto Croce sembrava uno di quei mustang che ancor'oggi scorrazzano nelle praterie del west. Le caratteristiche di questi cavalli, tra l'altro, sono resistenza, grazia e velocità. Peculiarità che, se Croce non si offende per il parallelo equino, potremmo tranquillamente assegnare al suo stile di gioco.
N come nepotismo. Clarence Seedorf, fuoriclasse del Milan, ha comprato l'estate scorsa parte delle quote azionarie del Monza. Poi ha fatto tesserare suo cugino Stefano e suo fratello Chedric. Entrambi, per non dare adito a insinuazioni, si fanno chiamare col semplice nome di battesimo e con quello figurano anche nelle formazioni ufficiali. La scelta è originale e apprezzabile almeno per Stefano, che in effetti qualche numero ce l'ha. Per quanto riguarda Chedric, invece, pare che la richiesta di omettere l'ingombrante cognome sia arrivata direttamente da Clarence. Fratello sì, ma che non si sappia troppo in giro...
O come offensivo. I giornalisti sono peggio degli avvocati, nel senso che pur di portare avanti le proprie tesi, si danno ragione da soli e dipingono la realtà a proprio uso e consumo. Così Galderisi, dal primo giorno in cui ha messo piede ad Arezzo, è stato definito da alcuni come il profeta del calcio offensivo, cioè un calcio d'attacco. Questo per contrapporlo al suo predecessore, dipinto come l'avamposto del difensivismo in stile Nereo Rocco. Dai oggi e dai domani, alla fine Galderisi è sbottato: “Ma quale offensivo?” ha detto. “Solo qua mi appiccicate certe etichette, il mio è un calcio equilibrato”. Utilizzato oltre le dosi consigliate, l'aggettivo in questione si è trasformato da offensivo che attacca a offensivo che offende. Non male.
P come posate. Se Totti è il re del cucchiaio, Croce dopo i due gol con tocchetti morbidi morbidi da distanza ravvicinata, è diventato il principe del cucchiaino. Anche in C, talvolta, si vedono cose belle da stropicciarsi gli occhi.
Q come quindici. I gol realizzati da Chianese e Maniero insieme: nove il capitano e sei il ragazzino. Meglio hanno fatto soltanto Motta e Bertani del Novara, autori di diciotto segnature. Ma il campionato non è mica finito.
Croce segna col cucchiainoR come roba da chiodi. Il prefiltraggio ad Arezzo è a duecento metri dagli ingressi dello stadio. Quello di Monza a cinque metri. Il parcheggio per i comuni mortali ad Arezzo è in capo al mondo. Quello di Monza molto più vicino. I tifosi del Monza, infuriati per l'1-6, dalla curva sono arrivati fino in tribuna centrale per contestare la dirigenza. Se ci provano i tifosi dell'Arezzo, trovano i Marines ad aspettarli sul piazzale. L'errore dov'è?
S come che salute!!! Esclamazione degli avventori del bar del Brianteo dopo aver notato al bancone due ragazze intente a sorseggiare la cioccolata calda. Ciò che si notava non era ovviamente la cioccolata, quanto tutto ciò che c'era intorno. Le due si sono poi allontanate tenendosi per mano, il che ha reso decisamente più traumatico il ritorno al clima partita.
T come triangolo (delle Bermuda). Ad agosto, in viaggio per Lumezzane, subito dopo il casello Valdarno, al Kangoo di Teletruria si ruppe una biella del motore e restammo in panne per tre quarti d'ora. A dicembre, sulla strada di Novara, subito dopo il casello Valdarno si era formata una coda chilometrica da imprecazioni in serie. Domenica, sempre dopo il casello Valdarno, traffico rallentato per incidente con tre vetture coinvolte, polizia sul posto e ambulanze a sirene spiegate. Quando transitate dal casello Valdarno, toccate ferro. Non si sa mai.
U come uccellare. Il verbo migliore per descrivere i funambolismi con cui Croce ha firmato la doppietta. Il portiere del Monza non è stato battuto, superato, aggirato, freddato. No, è stato uccellato. Definizione perfetta.
W come Westerveld. Il portiere del Monza di cui sopra è un olandese di 35 anni che ha avuto l'onore di giocare davanti alla Kop, la mitica curva di Anfield Road, lo stadio del Liverpool. Coi reds, nel 2001, vinse Coppa di Lega, Coppa d'Inghilterra, Supercoppa e Coppa Uefa, conquistandosi l'appellativo di portierone volante. Visto all'opera domenica, Westerveld è rimasto solo volante. Sul portierone, lasciamo perdere...
Z come zibaldone. Prossima trasferta, Sorrento. Cercasi compagnia per un weekend calcistico-turistico-gastronomico.

scritto da: Andrea Avato, 12/01/2010