Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE D GIRONE E - Playoff e Playout

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
IN LEGA PRO
San Donato
PLAY OFF
Poggibonsi42Gavorrano
PLAY OUT
Rieti20Foligno
IN ECCELLENZA
Pro Livorno, Cannara, Unipomezia, Foligno
MONDO AMARANTO
Alessio a Palma di Maiorca - Spagna
NEWS

Un po' di gente se ne andò mugugnando. L'esordio agrodolce, l'atavica tendenza da botoli

Da 2-0 a 2-2: l'esordio in campionato poteva andare meglio, invece ha segnato il rapido passaggio dall'ottimismo dell'intervallo ai brontolii del post gara. Nulla di grave né di nuovo: la piazza è incline alla polemica e non fa notizia l'umore nero di qualche tifoso durante il deflusso dallo stadio. Per Arezzo-Siena, comunque, nessuno vorrà restare fuori. Gli Ultras intanto organizzano pullman per Carrara



Una partita a due volti, lo abbiamo detto e ripetuto, che se da un lato ha fatto ben sperare, dall’altro ha fatto suonare anche qualche campanellino d’allarme. Il che sarebbe anche normale, stante il fatto che siamo al 30 di agosto, che ci sono ancora 37 giornate alla fine del campionato, che era un caldo infernale, che sul 2-1 l’arbitro non ha dato un rigore che dalla curva era apparso solare, che se si fosse tutti al 100% sia come forma fisica sia come automatismi ci sarebbe quasi da preoccuparsi.

 

E qui siamo nel campo – ovviamente – delle attenuanti. Terreno scivoloso, come sempre, si sa, perché l’altro volto invece ci parla di una partita dove si è andati all’intervallo sul 2-0, contro un avversario che ha avuto un’estate sicuramente più travagliata di quella amaranto, e non solo per il trauma post-retrocessione, quanto per una serie infinita di vicissitudini societarie che da nord a sud dello stivale sembra che presto o tardi toccheranno a tutti. Le due facce della medaglia, insomma, a conti fatti ci parlano di due punti persi. Perché una partita così va messa in ghiacciaia e portata a termine, tutto il resto sono considerazioni che vengono dopo. E ovviamente, se a fine primo tempo si respirava un’aria da “vedrai che s’arriva a 2.000 abbonati”, dopo il triplice fischio finale del sig. Mancini (cognome che ad Arezzo evoca ricordi di ogni genere), i sentimenti erano contrastanti. La curva ha (giustamente) applaudito i giocatori, nonostante l’amaro in bocca per una vittoria sfumata nei minuti finali. Il viale dello stadio, invece, mentre la gente defluiva, raccontava di umori un po’ più neri: “vedrè che a me ‘un me c’arvedete!” “Ie, ie, manco a me!” “Semo sempre a le solite!” (considerazione, quest’ultima, che magari ha un po’ di fondamento, rispetto alle due precedenti, ma insomma…).

 

L’aretino, si sa, è botolo ringhioso, e magari tanti di quelli che sbraitavano così alla prossima in casa li rivedremo, complice anche il nome dell’avversario – se state leggendo queste righe e non avete il calendario sottomano, ve lo ricordiamo: la prossima in casa sarà Arezzo-Siena. Però è un dato di fatto che l’ultima stagione in cui abbiamo avuto lo stadio pieno (quasi) tutto l’anno, in serie C o Lega Pro che dir si voglia, fu quella della banda di Somma: cinque vittorie nelle prime cinque partite, ma alla prima di campionato gli spettatori erano molti meno di quelli della gara di domenica contro il Como. Il pubblico aretino, insomma, è di quelli che “il buongiorno si deve vedere dal mattino”, altrimenti ci sono i divani, le pay TV, ora anche le dirette su internet. Così è se vi pare.

 

Ps - Gli Ultras Arezzo, in occasione della trasferta di Carrara di domenica, allestiranno dei pullman. Le iscrizioni si ricevono giovedì dalle ore 21.30 alle ore 23 presso la sede di via Fiorentina. Il costo del biglietto per il viaggio in pullman è di 20 euro. Il ritrovo allo stadio è fissato alle ore 14.50, partenza ore 15. Calcio d'avvio alle 18.30.

 

scritto da: Roberto Gennari, 30/08/2016





comments powered by Disqus