Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - 27a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Carrarese30Gozzano
Renate12Pergolettese
Monza11Arezzo
Siena11Albinoleffe
Juventus U2310Pianese
Olbia10Pistoiese
Pontedera01Alessandria
Giana ErminiorinvComo
LeccorinvPro Patria
Pro VercellirinvNovara
MONDO AMARANTO
Fabio, Stefano, Nicoletta e Roberta a Cuba
NEWS

Tentazione 4-4-2 con Moscardelli e Polidori. In 250 nel settore ospiti. L'Arezzo è in fiducia

La trasferta di Lucca chiude settembre e chiude anche la prima parte di campionato. Sottili è riuscito a dare freschezza alla squadra e una vittoria domani lascerebbe gli amaranto nell'altissima classifica. Ma il derby è insidioso, perché i rossoneri valgono più dei 3 punti attuali. Formazione: probabile il doppio centravanti, con Muscat e Milesi in ballottaggio per una maglia a fianco di Sirri



Alessandro Polidori, 2 gol in campionatoUn esame alla volta e settembre è già finito. Domani si gioca la sesta giornata, la classifica sta prendendo forma, i valori vengono a galla e l'Arezzo è lì, a ridosso delle prime. L'obiettivo estivo era proprio quello: dimostrare di essere competitivi. Sottili sta dando una fisionomia alla squadra, che è fresca e sbarazzina, propone un calcio piacevole e segna con continuità. Non è ancora cinica e smaliziata, ma non si può pretendere la luna in poche settimane, anche perché i titolari sono cambiati per otto o nove undicesimi e il calcio ha i suoi tempi da rispettare. Lucca, in questo senso, va considerata la tappa che chiude la prima fase del campionato: siamo partiti, ci siamo fatti un'idea di pregi e difetti, dalla prossima bisogna tirare una riga e mettere qualche punto fisso.

 

Il Porta Elisa darà risposte importanti. L'avversario è più insidioso di quel che dice la classifica. Ha valori tecnici che pesano più dei 3 punti attuali e Galderisi è uno che dà il meglio quando si trova sulla graticola. Ad Arezzo lo ricordiamo bene, ma nella sua carriera ha vissuto spesso situazioni borderline, superate grazie alla compattezza dello spogliatoio. Nanu si fa voler bene dai calciatori e non è un caso che dopo le punture del presidente Bacci, nei giorni scorsi, il gruppo si sia schierato con l'allenatore. Il fatto che la Lucchese non abbia ancora vinto una partita, è la spia di un periodo complicato per i rossoneri ma anche un segnale d'allerta per l'Arezzo.

 

Zach Muscat in ballottaggio per una maglia in difesaCiò premesso, gli amaranto hanno qualità e morale per fare risultato. La vittoria sul Tuttocuoio e le modalità con cui è arrivata hanno cancellato Alessandria e restituito fiducia alla squadra. Gli esterni bassi sono in forma, Foglia è in formissima e Polidori, quando gioca, o segna o ci va vicino. In più Erpen ha dato prova di essere ancora un uomo decisivo, a dispetto delle 35 primavere. 

Sulla base di tutto questo, Sottili dovrà scegliere modulo e formazione. Nonostante il 4-3-3 abbia fornito un feedback incoraggiante nell'ultima mezz'ora di domenica, è probabile che domani l'Arezzo giocherà a specchio con la Lucchese: 4-2-3-1 con la variante del 4-4-2. Grossi è ancora out, Milesi ha ripreso a lavorare con il gruppo ed è in ballottaggio con Muscat per un posto accanto a Sirri. I rossoneri davanti hanno Forte, una torre prestante fisicamente e anche questo influirà sulle scelte del tecnico.

 

Considerando intoccabile Foglia, restano De Feudis e Corradi a contendersi l'altra maglia in mediana. Il primo è favorito, vista la bella prova di sette giorni fa. In attacco è difficile ipotizzare Polidori in panchina ed è difficile anche supporre che resti fuori per la seconda volta di fila Moscardelli. Non sarebbe una sorpresa, allora, vedere l'Arezzo con Arcidiacono e Yamga sugli esterni, due punte di ruolo e Erpen pronto per cambiare la gara, in caso di necessità, nell'ultima mezz'ora. Una tentazione, quella del doppio centravanti, che di sicuro ha anche Sottili.

Insomma, non sarà una partita qualsiasi. Ci sono mille motivi d'interesse, non ultimo quello legato ai tifosi. Saranno circa 250 gli aretini in curva Est e sono numeri che in Lega Pro appartengono a pochi club. L'ambizione è vincere e insediarsi stabilmente nell'altissima classifica, ma piano con i voli pindarici. Il campionato è equilibratissimo, basta poco per inciampare. L'Arezzo, però, le sue armi ce l'ha eccome.

 

scritto da: Andrea Avato, 24/09/2016





Sottili, formazione da decidere per Lucca

comments powered by Disqus