Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE D GIRONE E - Playoff e Playout

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
IN LEGA PRO
San Donato
PLAY OFF
Poggibonsi10Pianese
Arezzo02Gavorrano
PLAY OUT
Rieti20Foligno
IN ECCELLENZA
Pro Livorno, Cannara, Unipomezia, Foligno
MONDO AMARANTO
Pistoia, 14 giugno 1998 - foto ricordo per la promozione in C1
NEWS

Primo tempo champagne, l'Arezzo segna tre volte. Poi lotta, soffre e vince in dieci uomini (2-3)

La partita di Como si spacca dopo sei minuti al termine di un'azione bellissima, impostata da Foglia e Grossi e rifinita da Polidori, che poi raddoppia al 27'. Le Noci accorcia dal dischetto (trattenuta di Solini su Chinellato), Corradi piazza il tris prima dell'intervallo. Nella ripresa Cicconi riapre la gara con una punizione che attraversa tutta l'area e rotola in rete, quindi Grossi si fa espellere per proteste. Ma il muro amaranto regge grazie anche a Benassi, che sventa la palla gol di Marconi al novantesimo



il terzo gol amaranto segnato da CorradiL'Arezzo cerca il riscatto a Como dopo l'incolore sconfitta di Olbia. Sottili lascia fuori Milesi e Erpen, in formazione tornano Muscat e Grossi. Luciani è titolare dopo l'infortunio, Yamga al rientro dopo un mese e mezzo va in panchina. Aggressivo il Como con Le Noci alle spalle di Chinellato e Cortesi.

 

La squadra ha voglia di rialzare la testa e si capisce subito. Passano appena 6 minuti e gli amaranto costruiscono un'azione splendida: il triangolo Grossi-Foglia al limite dell'area è perfetto, così come l'assist del numero 11 per Polidori che di destro la spinge dentro. Bellissimo. Il Como perde le distanze e un minuto dopo Corradi dai venti metri centra il palo a portiere battuto.

Per mezz'ora non c'è partita: più vivaci gli amaranto che sfondano su entrambe le corsie laterali. Al 9' Polidori gioca di sponda per Grossi che la mette in rete, ma l'arbitro annulla il gol per una posizione di fuorigioco del centravanti. Corradi è ovunque: suo un tiro da fuori area al 24' che esce di un palmo. Tre minuti dopo il raddoppio: Foglia trova il varco a destra e si inserisce alla grande. Buono il cross, meno l'uscita con i pugni di Zanotti: la pala carambola su Polidori e rotola in rete. 2-0. Basterebbe resistere qualche minuto per incanalare il match, invece alla mezz'ora, su azione d'angolo, Solini si aggrappa alla maglia di Chinellato e lo tira giù. E' rigore che Le Noci trasforma con un destro a mezz'altezza.

La gara cambia inerzia. Si capisce dal tiro di Cicconi al 40' che fa la barba al palo di Benassi. Ma è solo un episodio, perché sul ribaltamento di fronte Corradi è bravo e fortunato: un rimpallo lo favorisce, l'offside non c'è e depositarla alle spalle di Zanotti è uno scherzo. 3-1 amaranto all'intervallo.

 

Nella ripresa Gallo, che aveva già perso Sperotto, toglie la punta Cortesi e si affida alla gioventù di Mutton. Il Como però non ha idee né velocità, al punto che l'Arezzo può amministrare senza correre nemmeno un pericolo vero, pressando con i tempi giusti e senza cali di comcentrazione. Poi al 25' un episodio fortuito e anche sfortunato: Cicconi calcia una punizione da sinistra e la palla attraversa tutta l'area, passando in mezzo a teste e piedi, fino a terminare alle spalle di Benassi. La partita si riapre e Grossi, al 28', pensa bene di complicare le cose ai compagni: ammonito per proteste dopo un fallo non fischiato, rincara la dose e l'arbitro lo caccia.

L'Arezzo si mette in campo con il 4-4-1 e si copre con ordine, come sempre successo con l'inferiorità numerica. Al 39' scocca l'ora di Yamga che va a prendere il posto di Polidori come riferimento ofensivo. Poi va dentro Sirri, esce Bearzotti e gli amaranto si difendono a cinque dietro. Brivido al 90esimo: Benassi si tuffa a destra e devia in angolo un tiro insidioso di Marconi dalla distanza. E' l'ultima insidia.

Alla fine arriva una vittoria a Como che pesa moltissimo e che è figlia di un primo tempo spumeggiante, impreziosito da tre gol di ottima fattura. Molte le note positive raccolte da Sottili: dalla doppietta di Polidori (a quota 7 come Moscardelli) alla prestazione XL di Corradi, dal recupero di Luciani a quello di Yamga. Il Natale è decisamente più dolce.

 

Como. Stadio ''Giuseppe Sinigaglia'', ore 14.30.

COMO (4-3-1-2): 22 Zanotti; 23 Marconi, 5 Briganti, 6 Antezza, 30 Sperotto (38' pt 26 Peverelli); 4 Cicconi (31' st 17 Cristiani), 20 Fietta, 8 Pessina; 16 Le Noci; 9 Chinellato, 19 Cortesi (9' st 7 Mutton).

A disposizione: 33 Rubinho, 3 Nossa, 10 Di Quinzio, 13 Rota, 14 Scaglione, 15 Ambrosini, 24 Piacentini, 29 Bartulovic, 31 Damian.

Allenatore: Fabio Gallo.

AREZZO (4-2-3-1): 1 Benassi; 16 Luciani, 2 Muscat, 4 Solini, 3 Sabatino; 8 Foglia, 13 De Feudis; 21 Bearzotti (42' st 23 Sirri), 11 Grossi, 7 Corradi; 18 Polidori (39' st 17 Yamga).

A disposizione: 12 Garbinesi, 22 Borra, 5 Masciangelo, 6 Milesi, 10 Erpen, 14 Demba, 15 D'Ursi, 19 Ba, 24 Rosseti.

Allenatore: Stefano Sottili.

Indisponibili: 25 Arcidiacono. Squalificati: 9 Moscardelli (1). Diffidati: 23 Sirri.

ARBITRO: Daniele Paterna di Teramo (Andrea Fusco di Torino - Luca Cassarà di Cuneo).

NOTE: spettatori presenti mille circa. Espulso Grossi per proteste al 28' st. Ammoniti: pt 30' Solini, 31' Luciani e Fietta; st 34' Corradi, 42' Chinellato. Angoli: 3-3. Recupero tempi: 1' e 4'

RETI: pt 6' e 27' Polidori, 32' rig. Le Noci, 42' Corradi; st 25' Cicconi

 

scritto da: La Redazione, 23/12/2016





Como-Arezzo 2-3, intervista con mister Gallo

Como-Arezzo 2-3
comments powered by Disqus