Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE D GIRONE E - 34a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Arezzo31Flaminia
Foligno21Unipomezia
Gavorrano71Trestina
Montespaccato11Rieti
Poggibonsi22Cascina
Pro Livorno04Pianese
San Donato10Cannara
Sangiovannese20Badesse
Tiferno22Scandicci
MONDO AMARANTO
Sara davanti al Duomo di Milano
NEWS

Cremonese, suicidio a Gorgonzola. Domenica nera per il Livorno. Il campionato si rianima

Per l'Arezzo è stata la domenica perfetta: alla vittoria sull'Alessandria si sono aggiunte le clamorose sconfitte delle dirette avversarie per l'alta classifica. I grigiorossi si sono fatti rimontare dalla Giana Erminio in zona Cesarini, i labronici hanno ceduto in casa contro il Como, sbagliando un rigore e perdendo tre giocatori per infortunio. Terzo ko di fila del Siena. Successo prezioso della Viterbese



harakiri della Cremonese a GorgonzolaLa domenica perfetta. Poco più si poteva chiedere a questo turno di campionato dove l’unica a godere davvero è proprio l’Arezzo, che al Comunale si prende anche lo scalpo della capolista Alessandria grazie al gol di Polidori: perfetto in difesa, con Gonzalez e Bocalon che nemmeno hanno assaggiato la porta di Borra, magnifico il centrocampo sia in fase di filtro che di spinta, encomiabile l’abnegazione là davanti. Ecco, a voler trovare il pelo nell’uovo, un po’ più di freddezza in un paio di circostanze avrebbe chiuso la gara ben prima dei 5’ di recupero concessi da un ben poco casalingo direttore di gara.

 

Ma la domenica perfetta, come detto, prosegue anche fuori dal campo. La notizia del quantomai rocambolesco ko della Cremonese nei minuti di recupero a Gorgonzola (Perico e Marotta a segno nel 3’ e 4’ di recupero dopo lo 0-1 di Scappini) aveva già fatto drizzare le orecchie per un possibile avvicinamento al secondo posto, Livorno permettendo.

E i labronici, stranamente gentili, al Picchi contro il Como le penne ce le hanno lasciate davvero (gol di Cristiani e Pessina, accorcia Jelenic) subendo l’aggancio in classifica dell'Arezzo a -1 dalla piazza d’onore. Domenica nerissima per il Livorno: tre gli infortuni in appena mezz'ora (Rossini, Gonnelli e Cellini), con Maritato che a fine primo tempo ha fallito un calcio di rigore.

 

Grossi ribaltoni anche in fondo alla graduatoria. Il Prato di prepotenza si aggiudica il sentitissimo derby con la Carrarese con un perentorio 3-0 (Tomi e doppietta di Tavano) lasciando alla Racing Roma, battuta in casa del Renate per 2-0 (Scaccabarozzi e Palma), l’appellativo di fanalino di coda.

Colpaccio dell’altra squadra capitolina, la Lupa Roma, vittoriosa al ''Galli'' contro il Siena (terzo ko di fila) per 2-0 (Sfano e Svidercoschi) e rilanciata pienamente in ottica salvezza dopo aver agganciato a quota 22 i marmiferi e il Tuttocuoio, battuto per 3-1 al Porta Elisa dalla Lucchese (a segno Merlonghi, pari di Shekiladze, poi De Feo e Fanucchi su rigore).

 

Non riesce invece nel guizzo il Pontedera, due volte in vantaggio contro la Pistoiese e due volte rimontata nonostante il vantaggio numerico per oltre un’ora (a segno Gemignani, Gyasi, Kabashi e Minotti).

Il secondo successo nel giro di pochi giorni al ''Garilli'' dà respiro alla Pro Piacenza. Dopo la Robur ne fa le spese anche l’Olbia, affossato da una rete per tempo di Barba e Musetti.

Alla Viterbese basta il timbro del neo acquisto Jefferson per avere la meglio del Piacenza ed aprire la crisi dei lupi biancorossi, ormai a secco di vittorie da cinque turni e relegati a centro classifica.

 

scritto da: Daniele Marignani, 30/01/2017





Pontedera-Pistoiese 2-2, le immagini della partita

comments powered by Disqus