Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - Play-off e Play-out

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
IN SERIE B
Virtus Entella, Pordenone, Juve Stabia, Pisa, Trapani
PLAY OFF
Piacenza00Trapani
Pisa22Triestina
PLAY OUT
Lucchese10Bisceglie
Bisceglie3-3dcrLucchese
IN SERIE D
Fano, Paganese, Virtus Verona, Cuneo, Bisceglie
MONDO AMARANTO
Pepone e Betty sposi
NEWS

Certezze in difesa, dubbi da sciogliere dalla cintola in su. Sottili studia gli schemi anti Livorno

Sabato si riparte dai tre centrali in retrovia, testati anche oggi nella seduta di Badia al Pino. Ballottaggio sulla corsia destra tra Yamga e Bearzotti, mentre Corradi si sdoppierà nei ruoli di mezz'ala e di rifinitore. In attacco posto sicuro per Moscardelli



La certezza è la difesa a tre. Il resto Sottili lo deciderà nelle prossime ore. Dopo l'allenamento di oggi a Badia al Pino, ci sono altre due sedute a disposizione: la rifinitura di domani e il risveglio muscolare di sabato mattina che servirà per sciogliere gli ultimi dubbi.

Il tecnico amaranto non cambierà modulo rispetto a sabato scorso, almeno per quel che riguarda il pacchetto arretrato. Spazio a Muscat, Barison e Solini, testati nel pomeriggio in un'ora e mezza di tattica e schemi.

Sabatino è sicuro del posto a sinistra, mentre a destra ci sono due possibilità: Yamga, che contro il Racing non ha brillato, oppure Bearzotti, che andrà adattato a un ruolo inedito per lui. In mezzo al campo toccherà a Foglia, Cenetti e Corradi, con quest'ultimo che si muoverà un po' da mezz'ala e un po' da rifinitore.

In attacco ci sarà sicuramente Moscardelli, in buona forma e autore dei due gol amaranto nelle ultime quattro giornate. Sottili deve decidere chi mettergli di fianco: Polidori per un 3-5-2 classico con due bocche da fuoco dal grande potenziale oppure una mezzapunta come Erpen o Arcidiacono, in modo da ricalcare il 3-4-2-1 schierato inizialmente a Casal del Marmo.

Domani alle 13.45 conferenza stampa dell'allenatore amaranto.

 

scritto da: Andrea Avato, 09/03/2017





comments powered by Disqus