Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - 27a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Carrarese30Gozzano
Renate12Pergolettese
Monza11Arezzo
Siena11Albinoleffe
Juventus U2310Pianese
Olbia10Pistoiese
Pontedera01Alessandria
Giana ErminiorinvComo
LeccorinvPro Patria
Pro VercellirinvNovara
MONDO AMARANTO
Alessio, Leonardo, Emanuele sulle montagne russe di Mirabilandia
NEWS

Mani in testa e bocca aperta: ma che gol ha fatto Moscardelli... Da vedere e rivedere!

L'immagine del raccatapalle immortalato mentre il capitano festeggia la rete decisiva, vale più di mille parole. E spiega bene il motivo per cui la gente allo stadio ha risposto all'annuncio dello speaker con quanto fiato aveva in gola. Non solo personaggio di se stesso, non solo marketing calcistico e d'immagine: il numero 9 è ancora un trascinatore in campo. Le sue reti vanno messe in loop e guardate per ore. Ogni volta si scopre un dettaglio in più



tredicesimo gol in campionato per Davide MoscardelliIl raccattapalle nella foto si mette le mani in testa e viene immortalato a bocca aperta. L'espressione è quella di chi non crede ai propri occhi. Di spalle c'è Moscardelli che esulta dopo averla infilata sotto l'incrocio. Da trenta metri più o meno. Dopo essersi liberato in scioltezza di Marchi con un tunnel. Anzi, con la ''busta'' come ha detto Erpen. 

Un'immagine che sintetizza mille parole e che spiega il motivo per cui la gente, quando lo speaker ha annunciato il gol, ha risposto con quanto fiato aveva in gola, urlando il nome di Moscardelli come se non ci fosse un domani. Il capitano dell'Arezzo ha fatto breccia nei cuori e, cosa ancora più difficile, i consensi stanno aumentando ogni settimana di più.

 

Non solo personaggio di se stesso, non solo marketing calcistico e d'immagine. Il Mosca sta fugando sul campo le remore (poche, in verità) che erano affiorate al momento del suo acquisto. L'età, da quando ha superato i trenta, è un fardello di dubbi, anche legittimi, che il capitano si tira appresso. Ma l'età è anche l'antidoto contro le chiacchiere, che gli scivolano addosso e non gli spostano nemmeno un pelo di barba. 

Moscardelli gioca, corre il giusto e soprattutto corre bene. Atleticamente non sarà quello degli esordi ma ancora basta e avanza, anche perché la classe non è acqua. Non per caso, a parte qualche eccezione, i suoi gol sono tutti belli. Da vedere, alzarsi in piedi e battere le mani.

 

 

Siccome alla gente piace porsi le domande impossibili, molti si sono chiesti se ci sia mai stato ad Arezzo un attaccante forte così. Sì, no, forse, non si sa. Qualcuno bravo c'è stato, forse anche come lui, ma se andiamo a cercare uno capace di buttarla dentro con tanta eleganza, allora l'elenco si assottiglia.

Moscardelli ne ha firmati tredici e il repertorio è molto chic. C'è il colpo di testa di carambola sul palo e il tocco sotto sul portiere in uscita (Cremona), il tiro al volo con il destro (Carrarese) e il gol da uomo d'area (Tuttocuoio), il rigore con palla di qua e portiere di là (Lucca) e la deviazione di rapina (Racing Roma), c'è la sassata di ieri sotto il sette e c'è ovviamente la rovesciata (Prato).

 

Nelle ultime cinque giornate ha segnato soltanto Moscardelli, il che lascia qualche residuo di preoccupazione a Sottili ma certifica la continuità di rendimento del cap. E la prodezza contro il Livorno vale oro veramente, perché il derby era bloccato che più bloccato non si può e senza la genialata del numero 9 non si sarebbe schiodato mai.  

La cosa più appagante dei gol di Moscardelli è questa: che li metti in loop e potresti startene a guardarli per un'ora di fila. E ogni volta si scopre un dettaglio in più. Da mani in testa e bocca aperta. 

 

scritto da: Andrea Avato, 12/03/2017





Arezzo-Livorno 1-0, intervista a Stefano Sottili

Arezzo-Livorno 1-0
comments powered by Disqus