Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE B - 29a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Imolese00Triestina
Samb10Arezzo
Fano11Fermana
Matelica51Legnago
Cesena02Vis Pesaro
Feralpi Salò40V. Verona
Gubbio31Ravenna
Padova10Perugia
Carpi30Modena
Mantova11Sud Tirol
MONDO AMARANTO
Jacopo e Giulio davanti al Partenone di Atene
NEWS

I protagonisti degli anni '80 e poi più nulla. Arezzo, il giocatore bandiera che non c'è

Un simbolo, un calciatore legato ai colori, che meritasse una lacrima nel giorno dell'addio: da noi non ne abbiamo da decenni. Colpa della categoria, di una programmazione mai definita fino in fondo, del destino o chissà che... La suggestione del Totti day s'infiltra ovunque e da queste parti ci sarebbe bisogno di qualcuno in grado di riempire le tribune per un ultimo giro di campo, che trattenga diecimila persone con il groppo in gola e la sciarpa amaranto stretta tra le mani. Ma forse non lo vedremo mai



Qual è stato l'ultimo giocatore bandiera che abbiamo avuto? Bisogna spremersi le meningi per ricordarlo e già questo è indicativo. Ad Arezzo è tutto fluttuante: oggi c'è, domani non c'è. Colpa della categoria, di una programmazione mai definita fino in fondo, dei calciatori che sono nomadi nell'anima, del destino o chissà che...

Riavvolgendo il nastro, si torna sempre lì, a Menchino Neri. E poi a Stefano Butti e Andrea Mangoni. Anni '80, un altro calcio, un altro mondo, una vita fa. 

 

 

Di lì in poi non abbiamo più goduto, né forse ce lo siamo meritato, un simbolo vero, autentico, che incarnasse certi ideali e meritasse una lacrima nel giorno dell'addio. Anche perché di addii ce ne sono stati, sì, quasi tutti avvelenati dalle polemiche e dalla sensazione pesante del tradimento.

 

 

La suggestione del Totti day s'infiltra ovunque e certi problemi d'identità riguardano pure i grandi club. Calciatori capaci di suscitare emozioni forti, di metterti davanti all'epilogo di una carriera e sbatterti in faccia il tempo che passa, ammantando di nostalgia i ricordi della tua vita, si contano sulle dita di una mano o al massimo due.

 

 

Al di là del tifo, al di là delle inclinazioni personali, c'è ancora gente che piange per il congedo di un campione. E' la magia del calcio, è il senso di appartenenza ed è il brivido che si prova quando ti accorgi che un pezzo di te sta scivolando via lontano, insieme a quel numero 1, 7, 8, 9 o 10 che ti ha accompagnato non solo allo stadio ma anche nel cuore.

 

 

Mi manca un giocatore così. Uno che vada oltre le solite barriere e la solita normalità, che un giorno riempia le tribune per un ultimo giro di campo e trattenga diecimila persone con il groppo in gola, la sciarpa amaranto stretta tra le mani e gli occhi lucidi. Mi manca e chissà se lo vedremo mai.

 

scritto da: Andrea Avato, 29/05/2017





L'addio alla Roma di Francesco Totti

comments powered by Disqus