Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE B - 20a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Arezzo23Feralpi Salò
Imolese11Padova
Modena20Gubbio
Legnago21Vis Pesaro
Fano00Perugia
Mantova10Fermana
Matelica32Triestina
Samb51Carpi
Sud Tirol21Ravenna
Cesena13V. Verona
MONDO AMARANTO
Elisa sposa e tifosa appassionata
NEWS

L'Arezzo e la linea verde che paga. Juniores, voglia di vincere

Nonostante il Pontedera turbi i sonni amaranto, la politica dei giovani sta dando risultati importanti alla società. Dalla maglia azzurra di Crescenzo alla convocazione a Coverciano dei giovanissimi Morello e Parigi, dal ritorno del talentuoso Soldani alla partita molto attesa dei ragazzi di Fabio Tocci, che domani affrontano la Flaminia in uno scontro diretto decisivo. Intanto in prova c'è Matteo Moure, rifinitore classe '90. Suo padre sbarcò in Italia a fianco di Paulo Roberto Falcao



Daniele Crescenzo con la maglia azzurra dell'under 18Non ci fosse il Pontedera a turbare i sonni amaranto, questa avrebbe potuto essere la settimana da consacrare alla gioventù: Crescenzo ha debuttato con la Nazionale under 18, due ragazzini come Morello e Parigi hanno per la prima volta messo piede a Coverciano con la Rappresentativa Allievi e la Juniores è attesa domani da una partita decisiva contro la Flaminia seconda in classifica. Vincendo, gli amaranto di Fabio Tocci andrebbero a +10 sugli avversari, un vantaggio che a quattro giornate dalla fine diventerebbe praticamente incolmabile.
I giovani rappresentano una delle note più liete di questa stagione, che ancora non è chiusa e che qualche risultato lo ha comunque prodotto. Se l’anno prossimo la prima squadra sarà ancora in serie D, ogni domenica dovranno giocare un ’92, due ’93 e un ’94. L’Arezzo è messo benone e con qualche acquisto mirato, sarebbe a posto. Se invece arrivasse la promozione, tanto meglio. In Lega Pro l’utilizzo dei cosiddetti under viene remunerato con sostanziosi contributi federali e le squadre dalla carta d’identità verde, ne traggono benefici consistenti.
Ma se il futuro è di là da venire, ben più pregnante è il presente.

Di Daniele Crescenzo si è già detto e scritto molto. Mercoledì a Macerata il Ct Giancarlo Magrini gli ha consegnato la maglia azzurra numero 10, la stessa che gli farà indossare la prossima settimana quando parteciperà al torneo internazionale Roma Caput Mundi e affronterà i coetanei di Grecia, Ungheria e Slovenia. Un bel tour de force (quattro gare in cinque giorni se l’Italia andrà in finale), ma una soddisfazione grossa così.
La stessa che devono aver provato Andrea Morello e Giacomo Parigi mercoledì scorso, quando sono sbarcati al centro tecnico federale per uno stage con la Rappresentativa Allievi. Classe ’96 entrambi, l’Arezzo li ha prelevati a dicembre dall’Ut Chimera e li ha aggregati alla Juniores, dove nonostante il gap anagrafico con i compagni, si sono inseriti alla grande. Parigi ha anche segnato 2 gol in campionato, ma è il lavoro in prospettiva che conta. Lo stesso dicasi di Leonardo Soldani, nato a gennaio del ’94, attaccante che già la scorsa stagione ha debuttato in serie D. Ha risolto un problema fisico con un delicato intervento chirurgico, è tornato in campo e ora dovrà solo pensare a giocare, perché sul suo talento sono in molti a scommettere, compreso il Dg Martucci.

 

Leonardo Soldani, classe '94, attaccante della JunioresE a proposito di Juniores, quella con la Flaminia sarà una partita emozionante per i baby amaranto. Alle Caselle arriva l’inseguitrice più vicina, l’unico ostacolo rimasto sulla strada del primo posto. I numeri della squadra di Fabio Tocci sono eloquenti: 18 vittorie in 21 gare, una sola sconfitta, 69 gol segnati e 12 subiti, giocatori già spediti in prima squadra (come Idromela) e altri in rampa di lancio (come Zurli). Un vero serbatoio dal quale attingere oggi e domani.
E siccome dalla società, nonostante il periodo difficile attraversato nelle scorse settimane, filtra l’intenzione di potenziare sempre più il settore giovanile, viene da pensare che proprio il vivaio potrebbe essere la molla in grado di dare continuità alla gestione del club, anche per delineare un programma tecnico sul quale da queste parti, in passato, nessuno ha mai creduto e investito veramente.

 

P.S. Da segnalare nella partitella di ieri allo stadio qualche buona giocata del rifinitore Matteo Moure, classe ’90, nato a Roma ma brasiliano d’origine. Il ragazzo è figlio di Roberto “Pato” Moure, che sbarcò nella capitale all’inizio degli anni ’80 con il ruolo di addetto stampa di Paulo Roberto Falcao, del quale era amico d’infanzia. Rimasto a vivere in Italia, ha consentito al figlio di fare tutta la trafila nelle giovanili giallorosse, per passare poi in Eccellenza al Fidene e trasferirsi in Brasile all’Internacional di Porto Alegre e al Canoas. Moure junior adesso è tornato dalla famiglia e Martucci lo terrà in prova qualche giorno per verificare se l’anno prossimo potrebbe essere tesserato. Ieri ha destato una buona impressione, centrando pure una traversa con un bel tiro dal limite.

 

articolo pubblicato sul Nuovo Corriere Aretino


scritto da: Andrea Avato, 09/03/2012





COMMENTI degli utenti

Commento 1 - Inviato da: Giotto, il 09/03/2012 alle 12:49

Foto Commenti

E se s'andasse a vedere anche la Juniores oltre alla prima squadra? Soprattutto in una partita così delicata e magari anche alle finali nazionali? Ce le fanno entrare le bandiere, lo striscione e i fumogeni???

Commento 2 - Inviato da: el lagarto, il 09/03/2012 alle 13:38

Foto Commenti

Approposito di Flaminia, Taverna (n° 11 ) domenica contro il Pontedera ci farà un regalo.

Commento 3 - Inviato da: anaconda, il 09/03/2012 alle 14:49

Foto Commenti

Frownmah !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Commento 4 - Inviato da: tatanka, il 09/03/2012 alle 15:01

Foto Commenti

Esatto Mino ma a parte qualcuno non è fregato un c.....................o a nessuno !!!!Forza Ragazzi e Forza Arezzo.

Commento 5 - Inviato da: Andrea Avato, il 09/03/2012 alle 16:41

Foto Commenti

Se la prima squadra avesse giocato in trasferta, domani l'ipotesi stadio sarebbe stata percorribile. La Juniores ci giocherà comunque le fasi finali (toccando ferro!) 

Commento 6 - Inviato da: Moderato, il 09/03/2012 alle 17:23

Foto Commenti

Si grandi ragazzi. Domani l'impianto del Chimera dovrà essere tutto amaranto... per loro per questi ragazzi che si meritano il riconoscimento della Città. In fondo rappresentano la nostra città a livello di settore giovanile. Grandi Ragazzi... asfaltiamo il Flaminia!!!!

Commento 7 - Inviato da: Moderato, il 09/03/2012 alle 17:24

Foto Commenti

Particolare ringraziamento ad Andrea Avato, l'unico che si ricorda di loro!!!

Commento 8 - Inviato da: anaconda, il 09/03/2012 alle 19:17

Foto Commenti

Nei convocati di domani contro il flaminia non ho letto sul sito dell'Arezzo  i nomi di Secci e Bozzoni potrebbe indicare qualcosa per Domenica ??

Commento 9 - Inviato da: il ferro, il 09/03/2012 alle 22:53

Foto Commenti

 e dimmi carino,che parte vorresti toccare di preciso.....Embarassed

 

BRAVA LA JUNIORES. ma il futuro non è la juniores.....lo sappiamo tutti. il futuro sono I PULCINI, GLI ESORDIENTI, I GIOVANISSIMI,GLI ALLIEVI ETC ETC.....è da lì che partono i progetti lungimiranti di qualsiasi società seria e decisa a investire. QUESTO SAREBBE IL FUTURO.

Commento 10 - Inviato da: Moderato, il 09/03/2012 alle 23:33

Foto Commenti

BeiniziAmo con una grande juniores poi il prossimo anno con gli altri

Commento 11 - Inviato da: Moderato, il 10/03/2012 alle 10:20

Foto Commenti

Oggi ore 15,30 tutti ad incitare la juniores!!!

Commento 12 - Inviato da: anaconda, il 10/03/2012 alle 12:18

Foto Commenti

(12).....le parti intime!!!!!!!!!!!!!! il resto te lo dico domani sera.

Forza Arezzo