Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - 27a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Carrarese30Gozzano
Renate12Pergolettese
Monza11Arezzo
Siena11Albinoleffe
Juventus U2310Pianese
Olbia10Pistoiese
Pontedera01Alessandria
Giana ErminiorinvComo
LeccorinvPro Patria
Pro VercellirinvNovara
MONDO AMARANTO
Francesco, Maurizio, Marco e Luca a San Siro
NEWS

Yebli-Di Nardo, giocata vincente. L'Arezzo fa il colpaccio a Vercelli e si tira su (0-1)

Gli amaranto conquistano un successo pesantissimo contro l'Alessandria, contestata a fine gara dal pubblico. Pavanel sceglie il 3-5-2 e la squadra risponde con una prestazione ordinata e compatta. Nella ripresa una bella combinazione dei due under porta al gol da tre punti. Nel finale espulso Luciani per rosso diretto



primo gol da professionista per Antonio Di NardoPavanel cambia modulo a Vercelli. 3-5-2 con Rinaldi a dirigere la difesa, dove si rivede l'under Varga. In attacco Di Nardo affianca Moscardelli. Scelte dettate anche dalla contingenza, viste le assenze di Ferrario, Disanto e Cutolo. Dall'altra parte Stellini opta per un modulo a specchio, con Bellomo mezz'ala pura e Bunino in avanti insieme a Gonzalez.

I grigi non hanno ancora vinto in campionato e partono a spron battuto, ma l'Arezzo si assesta in fretta e, a parte una punizione alta di Gonzalez, non rischia nulla. L'unico brivido lo crea l'argentino, che al 33' scodella in area una palla pericolosissima che Casasola non riesce a spingere in porta.

Poi viene fuori l'Arezzo, ordinato in mezzo al campo e con un Moscardelli molto mobile. Il capitano sfiora il gol due volte, entrambe di destro: la prima con un tiro dai venti metri che sibila vicino all'incrocio e la seconda con un colpo al volo, su assist di Corradi, che si spegne sul fondo. Al riposo le squadre vanno sullo 0-0.

 

L'Arezzo comincia bene la ripresa, aumenta la spinta sugli esterni e Agazzi deve intervenire in più circostanze, specialmente sulla bordata da fuori di Corradi al minuto 55. Anche Luciani aumenta l'intensità a destra, mentre comincia la girandola delle sostituzioni. Stellini dà spazio a Cazzola e Sestu, mentre Pavanel (un po' a sorpresa) toglie Corradi e inserisce Yebli, piazzandolo in regia con De Feudis a destra.

A parte qualche mischia, i grigi non creano altro. Nell'Arezzo entra anche D'Ursi per Foglia. E al 28' una bella rpartenza, avviata da Moscardelli, viene rifinita da Yebli: palla filtrante per Di Nardo che di sinistro incrocia il tiro e firma il primo gol da professionista, poche ore dopo aver festeggiato il 19esimo compleanno.

Nel finale è solo battaglia, ma l'Arezzo si difende bene. Peccato solo per l'espulsione inutile di Luciani al 47' st: calcione da tergo su Russini e rosso diretto. Mercoledì, oltre a Ferrario, Muscat e Cutolo, mancherà anche lui. Ma gli amaranto di Pavanel, perlomeno, respirano un po'. 

 

Vercelli. Stadio ''Silvio Piola'', ore 16.30.

ALESSANDRIA (3-5-2): 22 Agazzi; 32 Tiago Casasola, 21 Gozzi, 13 Piccolo; 8 Nicco (33' st 20 Russini), 23 Branca (12' st 4 Cazzola), 5 Ranieri, 10 Bellomo (12' st 7 Sestu), 3 Pastore; 27 Bunino (33' st 9 Marconi), 18 Gonzalez.

A disposizione: 12 Ionut, 2 Celjak, 6 Sciacca, 11 Fischnaller, 16 Fissore, 24 Gazzi, 29 Gjoni, 30 Rossetti.

Allenatore Cristian Stellini.

AREZZO (3-5-2): 22 Borra; 13 Muscat, 3 Rinaldi, 5 Varga; 16 Luciani, 8 Foglia, 18 De Feudis, 7 Corradi (12' st 6 Yebli), 4 Sabatino; 9 Moscardelli, 19 Di Nardo (38' st 20 Cenetti).

A disposizione: 1 Ferrari, 2 Talarico, 11 Cellini, 17 D'Ursi, 21 Benucci, 23 Criscuolo, 24 Gerardini, 25 Quero, 26 Franchetti.

Allenatore: Massimo Pavanel.

Indisponibili: 10 Cutolo, 27 Disanto. Squalificati: 14 Ferrario (2).

ARBITRO: Lorenzo Maggioni di Lecco (Fabrizio Lombardo di Sesto San Giovanni - Gamal Mokhtar di Lecco).

NOTE: spettatori presenti mille circa. Espulso Luciani al 47' st per gioco violento. Ammoniti: pt 28' Muscat, 43' Sabatino; st 9' Branca, 26' Yebli, 37' Cazzola. Angoli: 7-3. Recupero tempi: 0' e 6'

RETI: st 28' Di Nardo

 

scritto da: La Redazione, 01/10/2017





Alessandria-Arezzo 0-1
comments powered by Disqus