Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE D GIRONE E - 34a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Arezzo31Flaminia
Foligno21Unipomezia
Gavorrano71Trestina
Montespaccato11Rieti
Poggibonsi22Cascina
Pro Livorno04Pianese
San Donato10Cannara
Sangiovannese20Badesse
Tiferno22Scandicci
MONDO AMARANTO
cena di gruppo in Catenaia
NEWS

Garantisce Pavanel. ''Dobbiamo fare da traino per la città. A Monza per giocarcela''

Nel momento della buriana, l'allenatore si sta ritagliando un ruolo di caposaldo dell'architrave amaranto e ha rassicurato la piazza sullo stato d'animo dello spogliatoio. Domani al ''Brianteo'' sarà ancora 3-5-2 con Corradi quinto a sinistra. Recuperati Sabatino, Yebli e anche Cutolo. Dalla prossima settimana Cellini con il gruppo



Massimo Pavanel, 7 punti in 5 partite con gli amarantoPer fortuna che c'è Pavanel. Nel momento della buriana, l'allenatore si sta ritagliando un ruolo di caposaldo dell'architrave amaranto. Stamani si è presentato in sala stampa e la conferenza della vigilia è stata diversa dal solito. Le prime domande, come naturale, non hanno riguardato l'aspetto tecnico ma il contorno: dalla crisi della società alla preoccupazione dell'Associazione calciatori, dalle penalizzazioni incombenti al rischio che la squadra possa mollare e restare sotto le macerie di un'incertezza destinata a durare chissà quanto. 

 

Non sono state parole di circostanza quelle del tecnico amaranto, che già nelle scorse settimane aveva abituato giornalisti e tifosi a parlare chiaro e ad andare dritto al cuore del problema. Non si è sottratto al dovere nemmeno stavolta, garantendo in prima persona sulla professionalità di un gruppo chiamato a dare qualcosa più del solito: ''Gli uomini liberi si prendono le responsabilità quando è il momento e ai ragazzi ho spiegato che noi adesso dobbiamo fare da traino per tutta la città. Non è facile, sarei uno stupido se dicessi questo. Però abbiamo il dovere e anche la voglia di provarci. Arriveranno le penalizzazioni? Occorre fare in modo che non ci peggiorino troppo la classifica. Voglio una squadra che affronti questa situazione a piedi uniti. Io ho rescisso il contratto con il Verona per venire qui e non sono pentito, anzi lo rifarei altre cento volte''.

 

Frasi forti che da un lato spargono un minimo di fiducia nell'ambiente e che suonano come la certificazione di uno stato d'animo positivo nello spogliatoio. Tantè che Pavanel ha aggiunto: ''I giocatori sono sulla mia stessa lunghezza d'onda. Domani affronteremo un Monza solido e organizzato, sarà una gara difficile ma è quella che ci serve in questo momento. Non bisogna calare di ritmo e di intensità e bisogna andare per vincere. Se ci accontentiamo, perdiamo. Invece voglio un Arezzo che se la giochi fino alla fine''.

 

 

Domani conferma del 3-5-2 con Corradi quinto a sinistra. Per la trasferta di Monza sono recuperati Sabatino in difesa e Yebli a centrocampo. Tra i convocati anche Cutolo, fuori da un mese per l'infortunio al polpaccio e al quale Pavanel potrebbe concedere uno scampolo di partita. Dalla prossima settimana si aggregherà al gruppo Cellini. L'attaccante si è infortunato al ginocchio a gennaio, quando giocava con il Livorno, ed è stato operato per la ricostruzione del legamento crociato. Sta facendo due sedute di allenamento al giorno, ma ancora non è pronto. La speranza è di poterlo utilizzare subito dopo la sosta del 5 novembre.

 

MONZA, DUE ASSENZE - Mister Zaffaroni deve fare a meno ancora di Perini, oltre ad Adorni squalificato. Queste le parole dell'allenatore biancorosso: ''sarà un altro test impegnativo contro una squadra forte e con personalità. L'Arezzo può contare su giocatori importanti come Moscardelli, De Feudis e Corradi, che noi conosciamo bene perché cresciuto qui a Monza. Domani vedremo a che punto siamo con la nostra crescita, faremo la nostra gara".

 

Questi i 21 giocatori convocati

Liverani, Del Frate, Carissoni, Negro, Origlio, Caverzasi, Riva, Tentardini, Trainotti, Galli, Gasparri, Giudici, Guidetti, Palesi, Romanò, Barzotti, Cogliati, Cori, D'Errico, Palazzo, Ponsat. 

 

scritto da: Andrea Avato, 21/10/2017





comments powered by Disqus