Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - 27a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Carrarese30Gozzano
Renate12Pergolettese
Monza11Arezzo
Siena11Albinoleffe
Juventus U2310Pianese
Olbia10Pistoiese
Pontedera01Alessandria
Giana ErminiorinvComo
LeccorinvPro Patria
Pro VercellirinvNovara
MONDO AMARANTO
Luigi in Egitto
NEWS

Il calcio perde i pezzi. Cesena verso il fallimento. Lugaresi: ''Ho rovinato la mia famiglia''

Il club romagnolo è arrivato a metà classifica nell'ultimo torneo ma ha un debito mostruoso e oggi l'agenzia delle entrate ha bocciato il piano di risanamento, che prevedeva una rateizzazione di 32 milioni di euro in 20 anni. Il presidente ha scritto una lettera dai toni drammatici: ''E' una sconfitta insopportabile. Molte persone a me care resteranno senza lavoro, ogni mio bene verrà messo all’asta. Mi scuso per gli errori commessi, ma da soli non potevamo bastare''



Giorgio Lugaresi, presidente del CesenaNon solo la serie C versa in condizioni critiche. Anche in B ci sono club non se la passano bene: il Bari ha bisogno di liquidità in tempi brevi, il Cesena potrebbe essere già arrivato al capolinea.

I romagnoli sono arrivati a metà classifica nell'ultimo torneo ma la società ha un debito mostruoso e oggi l'agenzia delle entrate ha bocciato il piano di risanamento presentato dal club, che aveva proposto una rateizzazione di 32 milioni di euro in 20 anni.

Il fallimento è dietro l'angolo, nonostante i 9.500 abbonati della scorsa stagione e i 1.255 che avevano già rinnovato la tessera.

Il presidente Giorgio Lugaresi ha scritto e reso pubblica una lettera dai toni drammatici: "Quando leggerete questo scritto, io sarò morto. Non essere riuscito a salvare il Cesena per me è una sconfitta insopportabile.

Molte persone a me care resteranno senza lavoro. Ho rovinato la mia famiglia, ogni mio bene verrà messo all’asta. Voglio ringraziare tutti coloro che hanno lavorato nel Cesena calcio. Ero certo che con la ristrutturazione del debito ci saremmo messi a posto per sempre.

Mi scuso per gli errori commessi e per il fatto che non sono riuscito a contenere a sufficienza i costi di gestione. Per fortuna i tifosi sono sempre stati al corrente di tutto.

Abbiamo dato il massimo, reggere dal 2012 a oggi ed essere anche andati in A è un vanto. Ma da soli non potevamo bastare. Gli ultras mi hanno sempre criticato, ma senza Cesena spariscono anche loro".

 

scritto da: La Redazione, 20/06/2018





comments powered by Disqus