Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE B - 13a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Imolese02Arezzo
Fano12V. Verona
Gubbio11Feralpi Salò
Samb11Legnago
Sud Tirol11Perugia
Carpi22Triestina
Cesena00Modena
Fermana11Matelica
Mantova21Ravenna
Padova53Vis Pesaro
MONDO AMARANTO
Beatrice ed Elisa tifose fashion
NEWS

Però, che debutto questo Arezzo. A Lucca progressi di gioco e una vittoria rassicurante

Meglio del previsto. La squadra è cresciuta alla distanza, ha sofferto solo a tratti e si è presa con merito i tre punti. Dal Canto, dopo averci lavorato due mesi, sta raccogliendo i frutti del suo 4-3-3. La terza vita di Foglia, Belloni gioie e dolori, la rivelazione Basit, la solitudine di Persano (e Brunori), il valore degli under: ecco i temi caldi dopo il colpaccio al Porta Elisa



la felicità di Buglio dopo il gol vittoria al Porta Elisa1. Meglio del previsto. L'Arezzo ha vinto e ha vinto con merito. E' cresciuto alla distanza mentre gli avversari si sono afflosciati in modo netto. Ha preso in mano la partita dopo averla sofferta soltanto a tratti. Considerando che le due amichevoli più convincenti erano state quelle con Fiorentina e Empoli, avversari venuti al Comunale in punta di piedi, il timore di battere il naso alla prima c'era eccome. Invece la legge non scritta è sempre valida: il precampionato conta quanto il due di briscola.

2. Squadra ordinata, mai disunita, nemmeno quando ha ballato ed è stata salvata da Pelagotti. Il 4-3-1-2, o 4-3-3 storto che dir si voglia, ha coperto il campo con raziocinio. Dal Canto ci ha lavorato due mesi e ora raccoglie i frutti. Servono riprove e altri test, ma l'esordio è andato liscio. E partire bene significa veramente essere a metà dell'opera.

3. Rispetto a qualche settimana fa, il gioco nasce più fluido. L'abuso della palla lunga (Pelagatti a cercare Persano) è stato circoscritto alla prima mezz'ora, quando l'Arezzo soffriva le folate avversarie. Scollinato l'intervallo, è salita la percentuale di fraseggio a terra, con apporto sempre maggiore di mediani e terzini. Una proposta tecnica piacevole. In serie C non è così frequente.

4. Dove la squadra fa ancora fatica è nel tirare la prima punta dentro la manovra. In passato ha faticato Brunori, ieri ha faticato Persano, costretto a lavorare sporco e con pochissime situazioni stimolanti. Il quesito è se dipenda dai meccanismi da oliare o dall'affidabilità non ancora totale delle due punte. Per adesso, a sensazione, la verità sta nel mezzo.

5. L'Arezzo non vinceva a Lucca dal 19 novembre 2000 (2-1, doppietta di Frick). L'Arezzo non vinceva alla prima giornata dal 3 settembre 2011 (4-0 a Città di Castello). L'Arezzo non vinceva all'esordio in serie C dal 31 agosto 2008 (2-1 alla Cavese, gol di Bondi e Baclet). Il colpaccio di ieri è salutare anche per le statistiche.

 

 

6. Foglia è stato una colonna dell'Arezzo di Sottili e, in modo diverso, anche di quello di Pavanel. Ha avuto un percorso anomalo, nel senso che è passato da prestazioni sfavillanti in cui andava al tiro con la frequanza di una punta a una seconda fase in cui sgobbava come un mulo, restando però tra le pieghe delle partite. Ieri si è vista una interessante sintesi tra i due poli opposti. Il percorso non è ancora concluso.

7. Belloni gioie e dolori. Come nel più classico romanzo di Stevenson, si tramuta da dottor Jekyll in mister Hyde nel breve volgere di pochi secondi. Entra, apre in due la partita e la sposta dalla parte amaranto, vivacizza il palleggio, propizia il gol, ne sfiora un altro e poi, a gara finita, prova a strozzare Bernardini per un banale pallone conteso a bordo campo. Risultato: due turni di squalifica e prima vagonata di rimpianti.

8. Nell'undici di partenza c'erano cinque under: Pinto, Sala, Basit, Bruschi e Persano. Due erano all'esordio assoluto ma alzi la mano chi pensa che, con la giusta dose di pazienza e lavoro, non possano fare la loro figura. E portare un po' di soldi con la legge Melandri, che non guasta mai.

9. Mancava Serrotti, Salifu è ancora in infermeria, ma questo Basit giocherebbe lo stesso. Talvolta aggredisce in stile kamikaze e protesta con foga da cartellino, però sembra fatto apposta per dare sostanza al modulo di Dal Canto. Mette il piede, corre, fa girare palla. E' un '99, è dell'Arezzo, può diventare un investimento redditizio.

10. Tra l'1-0 di Carrara del 5 maggio e l'1-0 di Lucca di ieri ci sono quattro mesi e mezzo. Tanti soldi. La consapevolezza di aver rischiato grosso. Le rosicate di qualche gufo che ancora ha i bruciori. L'orgoglio di avercela fatta tutti insieme. Bentornato Arezzo.

 

scritto da: Andrea Avato, 17/09/2018





1a giornata / Lucchese-Arezzo 0-1, la sintesi

Lucchese-Arezzo 0-1
comments powered by Disqus