Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - 17a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Arezzodom14.30Virtus Entella
Arzachenadom14.30Pro Piacenza
Carraresedom14.30Siena
Novaradom14.30Olbia
Piacenzadom14.30Lucchese
Pro Vercellidom14.30Pistoiese
Juventus U23dom16.30Gozzano
Pro Patriadom16.30Alessandria
Albissoladom18.30Cuneo
Pontederadom18.30Pisa
MONDO AMARANTO
Andrea, Roberto e Davide in un pub di Dublino
NEWS

Foglia migliore in campo. Belloni più delizia che croce. Tassi e Bruschi, partita steccata

Il centrocampista gioca un partitone, interpretando il ruolo di play con la ''garra'' più che con la cucitura del gioco. Secondo tempo leonino di Brunori che infiamma la curva sud. Sala cresce alla distanza, un altro gol da bomber d'area per Persano. Pelagotti, pomeriggio da disoccupato



Carlo Pelagatti, pilastro della difesa amarantoLe pagelle di Arezzo-Albissola.

FOGLIA 7.5 Non fa gol, non fa assist e stavolta nemmeno colpisce pali. Però è il migliore in assoluto: ruvido nei contrasti, trascinante nel momento topico della partita, moto perpetuo in mezzo al campo. Interpreta il ruolo di play a modo suo, con la ''garra'' più che con la cucitura del gioco. Cinquanta metri a ritroso per andare a disinnescare un contropiede avversario. Un partitone.

BELLONI 7 Più delizia che croce. Danza sulle punte e talora eccede in leziosismi, ma i ricami più belli, dentro novantaquattro minuti da pane e salame, sono i suoi. La palla morbida morbida a Sala dopo centoventi secondi, dribbling e sterzate, uno contro uno: se l'albero di Natale del primo tempo ha un minimo di senso, è soprattutto merito del 39. Che poi, di sponda, offre a Persano l'assist del vantaggio (st 36' Salifu ng Un quarto d'ora per mettere un po' di benzina nelle gambe).

BRUNORI 7 Soffre di solitudine quando fa la prima punta e i due trequartisti non riescono ad aiutarlo. Il rendimento lievita con un compagno di reparto vero e il suo secondo tempo è leonino: sportellate, corpo a corpo, strappi in profondità, un assist d'oro per Tassi, un angolo conquistato di pura foga che infiamma la sud. I due gol lo hanno galvanizzato e si vede. 

SALA 6.5 Un primo tempo in cui mastica tanti palloni, portando a galla timidezze che lo zavorrano. Spinge, i compagni lo trovano ma rifinisce malino. Va meglio dopo l'intervallo, gioca con più nerbo, mette lo zampino nell'1-0 e in zona Cesarini infila sotto l'incrocio la palla del raddoppio (con l'aiuto di una deviazione fortuita).

LUCIANI 6 Dal Canto non rinuncia mai a lui, nonostante sia la terza partita in sei giorni. Il capitano ripaga la fiducia mettendoci quello che ha in questo momento: generosità, applicazione, corsa. Gli manca un po' di lucidità nella gestione della palla. Comunque il suo lo fa.

 

 

PELAGATTI 6 Ti aspetti Cais e Martignago e invece il più fastidioso è Russo, un '99 tutto pepe che corre ovunque e gli gioca un brutto scherzo, saltandolo di slancio lungo la linea di fondocampo sul finire del primo tempo. A parte questa buccia di banana, tiene senza grandi ansie.

PINTO 6 Qualche palla gestita in modo approssimativo, alcuni errori seminati qua e là dentro una partita non semplice da interpretare. Niente di grave.

BUGLIO 6 Una prova normale dopo tanti picchi in positivo. Tesse la tela con meno precisione e meno costanza perché quelli dell'Albissola lo attaccano con ferocia. Bravo a leggere il contesto tattico, si adegua senza demordere. E non demerita.

PELAGOTTI ng Magari avrebbe preferito che quelli dell'Albissola lo scaldassero un po', visto il vento gelido che ha spazzato il Comunale nella ripresa. Invece niente, nemmeno un tiraccio telefonato. Disoccupato e felice.

TASSI 5 Vorrebbe spaccare il mondo ma si ritrova a mal partito dentro una gara in cui il gioco è spezzettato e farraginoso. Né lo sviluppo del match né il campo, veramente peggiorato, lo aiutano. In più fallisce un gol clamoroso, a due passi dalla porta, che grida vendetta (st 18' Serrotti 6 L'abbiamo visto fare di meglio. In ogni caso mette dentro un po' di dinamismo nel momento clou della gara). 

BRUSCHI 5 Vivace, frizzante, ispirato nello spezzone di Alessandria. Lento, confusionario, falloso nei 45 minuti di oggi. Occasione persa, peccato. Si rifarà (st 1' Persano 7 Il suo ingresso cambia l'abito tattico della squadra. Contro i perticoni dell'Albissola va a fare la guerra ed è sua la cannonata che apre il fronte nemico. Secondo gol per il 19, decisivo anche questo, da uomo d'area come quello all'Arzachena).

 

scritto da: Andrea Avato, 21/10/2018





Arezzo-Albissola 2-0
comments powered by Disqus