Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE B - 19a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Arezzosab15Cesena
Fanosab15Gubbio
Fermanasab15Legnago
Imolesesab15Matelica
Mantovasab17.30Triestina
Perugiadom15Feralpi Salò
Sambdom15Padova
Sud Tiroldom15Vis Pesaro
Carpidom17.30Ravenna
Modenadom17.30V. Verona
MONDO AMARANTO
Stefano al Camp Nou di Barcellona
NEWS

L'Arezzo si butta via: espulso Basit, errore di Pelagotti. La Pro Patria prende un punto regalo

Gli amaranto sbloccano una partita appiccicosa all'ultimo minuto del primo tempo con una punizione bomba di Brunori sotto l'incrocio. A inizio ripresa il patatrac: il centrocampista si fa cacciare per somma di ammonizioni, poi il portiere butta in porta un tiro innocuo di Mora. Finale rovente: l'arbitro concede un rigore dubbio agli ospiti (Le Noci calcia fuori) e ne nega un altro più evidente su Tassi. Finisce in parità



la palla calciata da Brunori s'infila all'incrocio dei paliVincere per restare in cima alla classifica: l'obiettivo dell'Arezzo è chiaro e Dal Canto si affida a quella che è la formazione tipo. Giocano dieci undicesimi della squadra che ha espugnato Piacenza, con Zini al posto di Persano in attacco. 3-5-2 molto accorto per la Pro Patria: Javorcic lascia fuori Gucci (4 gol) e davanti schiera la torre Mastroianni con Santana.

I primi dieci minuti evidenziano le difficoltà di una partita che i bustocchi interpretano come da copione, facendo densità all'indietro e puntando a sfruttare la maggior fisicità sui calci piazzati a favore. Gli amaranto girano palla ma trovare Serrotti tra le linee o le due punte non è semplice. Al 16' un errore di Luciani in palleggio dà modo a Santana di calciare dal limite, Pelagotti respinge e Mastroianni scivola al momento del tapin, mandando in curva. L'Arezzo replica subito: Buglio impegna Tornaghi con il destro dopo un bel triangolo tra Luciani e Foglia. 

Al 20' angolo di Serrotti, deviazione di Buglio in anticipo sul portiere e tocco vincente di Zini: l'arbitro annulla perché la palla calciata dalla bandierina aveva già superato la linea di fondocampo. Alla mezz'ora il colpo di testa di Brunori è troppo centrale e Tornaghi para. La Pro, dopo un inizio sparato, rallenta e l'Arezzo viene fuori. Prima Brunori e poi Zini dalla distanza si rendono pericolosi e quando si aprono spazi, gli amaranto sono micidiali. Minuto 37: Sala trova Buglio, verticale deliziosa per Serrotti che manda Brunori davanti al portiere. Il 9 la mette dentro ma è tutto inutile: c'è fuorigioco.

Il finale di tempo è tutto dell'Arezzo che attacca e tiene la Pro dentro la metà campo. Al 44' Brunori arriva appena in ritardo su un tiro cross di Foglia. Poi Buglio, nel recupero, si guadagna una punizione dalla lunetta dell'area in posizione centralissima e Brunori sfonda la porta: destro sotto l'incrocio, quinto gol per il centravanti e Arezzo al riposo sull'1-0.

Due cambi nell'intervallo: Dal Canto toglie Zini (acciaccato) e inserisce Persano. Javorcic fa entrare Colombo al posto di Disabato. L'Arezzo gestisce ma Basit ricade in vecchi errori: già ammonito, entra in ritardo su Fietta a metà campo e l'arbitro lo espelle. Dal Canto sposta Foglia in regia, arretra Serrotti e gioca con il 4-3-2. La Pro ci crede e trova il pari con un regalo di Pelagotti: il tiro di Mora da destra è innocuo ma il portiere si fa sfuggire la palla che rotola dentro. 1-1.

Il gol cambia le cose e Dal Canto mette mano al modulo, passando al 4-4-1 dopo gli ingressi di Zappella e Bruschi per Brunori e Serrotti. Con l'uomo in meno e un gol al passivo preso in maniera sciagurata, l'Arezzo va in difficoltà. E al 34' Maranesi concede il rigore per un fallo (dubbio) di Zappella su Galli. Lo specialista Le Noci, appena entrato, va sul dischetto ma allarga la mira e mette sul fondo.

Eppure, nonostante tutto, l'Arezzo si costruisce il jolly per vincerla: Tornaghi esce male e Bruschi si trova sul destro la palla della vittoria. Sulla riga, Lombardoni devia fortuitamente in angolo con la coscia. Subito dopo, Tassi va giù in area bustocca dopo aver anticipato un avversario: sembra rigore più netto di prima ma l'arbitro lascia correre tra le proteste.

Finisce 1-1 in una partita condizionata da due errori da matita rossa, quello di Basit e quello di Pelagotti. L'Arezzo deve accontentarsi di un punto.

 

Stadio ''Città di Arezzo'', ore 14.30.

AREZZO (4-3-1-2): 22 Pelagotti; 16 Luciani, 6 Pelagatti, 26 Pinto, 32 Sala; 8 Foglia, 13 Basit, 4 Buglio (31' st 29 Tassi); 11 Serrotti (17' st 2 Zappella); 9 Brunori (17' st 27 Bruschi), 7 Zini (1' st 19 Persano).

A disposizione: 1 Melgrati, 3 Varutti, 5 Mosti, 14 Danese, 23 Stefanec, 25 Choe, 28 Keqi, 33 Borghini.

Allenatore: Alessandro Dal Canto.

Indisponibili: 10 Cutolo, 15 Nije, 17 Salifu, 21 Benucci, 24 Burzigotti, 39 Belloni.

PRO PATRIA (3-5-2): 1 Tornaghi; 4 Battistini, 19 Zaro, 18 Lombardoni; 20 Mora, 13 Gazo (13' st 24 Pedone), 16 Fietta, 8 Disabato (1' st 21 Colombo, 20' st 3 Galli), 25 Sane (31' st 10 Le Noci); 17 Mastroianni (31' st 9 Gucci), 11 Santana.

A disposizione: 12 Mangano, 2 Marcone, 5 Molnar, 13 Gazo, 15 Boffelli, 23 Ghioldi.

Allenatore: Ivan Javorcic.

ARBITRO: Valerio Maranesi di Ciampino (Ramy Younes di Torino - Luca Dicosta di Novara).

NOTE: spettatori presenti 2.424 (1.230 paganti più 1.194 abbonati), incasso non comunicato. Espulso Basit all'8' st per somma di ammonizioni. Ammoniti: pt 33' Basit, 39' Battistini; st 1' Santana, 45' Tassi. Angoli: 4-2. Recupero tempi: 1' e 5'

RETI: pt 45' Brunori; st 13' Mora

 

scritto da: Andrea Avato, 02/12/2018





Arezzo-Pro Patria 1-1, intervista a Ivan Javorcic

Arezzo-Pro Patria 1-1
comments powered by Disqus