Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - 17a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Arezzodom14.30Virtus Entella
Arzachenadom14.30Pro Piacenza
Carraresedom14.30Siena
Novaradom14.30Olbia
Piacenzadom14.30Lucchese
Pro Vercellidom14.30Pistoiese
Juventus U23dom16.30Gozzano
Pro Patriadom16.30Alessandria
Albissoladom18.30Cuneo
Pontederadom18.30Pisa
MONDO AMARANTO
Livia ed Elisa a Londra
NEWS

Masochismo amaranto in cinque minuti. Pelagatti-Pinto, solita forza. Brunori spacca la porta

L'espulsione di Basit (8' del secondo tempo) e l'errore di Pelagotti sul tiro innocuo di Mora (13') condizionano una partita che l'Arezzo stava vincendo grazie a un gol bellissimo del centravanti. Sala tra i migliori per vivacità e corsa, positivo Foglia. Serrotti fuori dalla manovra, Zini e Persano non lasciano il segno



Brunori in azione durante il primo tempoLe pagelle di Arezzo-Pro Patria.

PELAGATTI 7 Lucido, imposta con personalità, difende con cattiveria. Qualche imbarazzo soltanto sulle palle alte, visto che Mastroianni ha 15 centimetri in più. Una buona partita.

PINTO 7 Sempre attento, sempre sul pezzo. La Pro viene a pressare altissimo per mezz'ora, lui non la butta via mai e prova sempre a giocarla. In marcatura fa il suo con la solita esuberanza.

SALA 7 Un ottimo primo tempo, una buona ripresa. E' vispo, ha spunto, iniziativa, arriva fin dentro l'area, cerca il cross con continuità. Sta bene e si vede.

BRUNORI 7 Un gol che quasi butta giù la porta in una domenica con la bava alla bocca e con il cuore in mano, come ci ha abituato. Esce per motivi tattici ma quando si alza il tabellone con il 9, lo stadio trasecola. Con lui in campo, chissà... (st 17' Bruschi 5 Mastica una marea di palloni, ci mette impegno ma produce il minimo sindacale. E' anche sfigato quando Lombardoni, sulla riga, gli toglie dalla porta il pallone che poteva cambiare risultato e voto in pagella).

FOGLIA 6.5 Ci sono sofferenza e generosità nella sua prestazione, cominciata da interno e chiusa da mediano. E' difficile trovare lo spazio vitale nel traffico di maglie biancoblu e deve dedicarsi a cucire gioco, a buttarsi in profondità senza essere premiato dai compagni. Comunque positivo.

 

 

BUGLIO 6 Oggi paga qualcosa sul piano fisico perché i mediani della Pro gli tolgono respiro e metri. Poi, con Basit fuori, deve giocare nella mediana a due e si spreme come un limone. Però ha un piede che canta e giocate illuminanti (st 31' Tassi 6 Entra con ardore e si guadagnerebbe pure un penalty che Maranesi non gli concede). 

LUCIANI 5.5 E' un periodo così, una calda e una fredda. Corre come un matto ma è pasticcione, costruisce una palla gol dopo un triangolo con Foglia ma ne regala una a Santana e Mastroianni per un passaggio maldestro. Troppa frenesia lo induce in errore.

SERROTTI 5.5 E' un trequartista atipico e si sa. Gli manca la giocata illuminante anche se compensa facendo il pendolo su tutto il fronte. Tra le linee, visto il 5-3-2 appiccicoso di Javorcic, non ci starebbe neanche uno spillo e allora lui è emarginato dalla manovra, tocca meno palloni del consueto e quando manda Brunori in porta, viene segnalato l'offisde. Paga la stanchezza nella ripresa e Dal Canto lo toglie per ridisegnare il modulo (st 17' Zappella 5.5 Stavolta, rispetto ad altri subentri a gas spianato, si complica da solo la vita e le soluzioni, nonostante corsa e intraprendenza non gli manchino. Più ingenuo che colpevole sul fallo da rigore).

ZINI 5 Ingabbiato dal blob densissimo della Pro Patria, si fa anche male durante il primo tempo e ricava pochino dai suoi 45 minuti. Nell'intervallo esce (st 1' Persano 5 Gioca una frazione complicata, costretto a stazionare fuori dal suo recinto, in una battaglia impari contro avversari in costante superiorità numerica. Un colpo di testa e poco più).

PELAGOTTI 4 Un errore sciagurato e clamoroso sotto l'aspetto tecnico e psicologico. Subito dopo il rosso di Basit, l'Arezzo prende un'altra mazzata da uno dei giocatori più esperti e va in apnea. 

BASIT 4 Il fallo della seconda ammonizione è più plateale che cattivo ma l'errore è nel concetto di gioco: già ammonito, non puoi prenderti il rischio di entrare in quel modo. A metà campo poi. E' recidivo e la sua espulsione spacca la partita. Fino a quel momento, peraltro, era stato tra i migliori.

 

scritto da: Andrea Avato, 02/12/2018





Arezzo-Pro Patria 1-1, intervista ad Alberto Pelagotti

Arezzo-Pro Patria 1-1
comments powered by Disqus