Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE B - 19a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Arezzo02Cesena
Fano11Gubbio
Fermana21Legnago
Imolese20Matelica
Mantova00Triestina
Perugia32Feralpi Salò
Samb01Padova
Sud Tirol10Vis Pesaro
Carpi42Ravenna
Modena01V. Verona
MONDO AMARANTO
Tommaso, Riccardo e Claudio
NEWS

La domenica dei rimpianti. L'Arezzo scopre ciò che poteva essere e non è stato

Avesse avuto sempre la forza di carattere dimostrata a Castel Rigone, la squadra di Bacis non si troverebbe così lontana dalla vetta della classifica. E se anche la sorte avesse avuto un occhio di riguardo come ieri, si potrebbero fare tutt'altri discorsi. Se Mautone fosse stato sempre un tritatutto, se Cissé avesse giocato sempre con questo nerbo, se Martinez avesse avuto sempre questo cinismo, se la squadra fosse stata meno cicala e più formica, non ci sarebbero 9 punti di svantaggio nei confronti del Pontedera



Horacio Martinez a quota 13 gol stagionaliSi potrebbe chiamare la domenica dei rimpianti. Perché l’Arezzo che vince a Castel Rigone è l’esatta fotografia di ciò che poteva essere e non è stato, di quello che la squadra poteva dare e non ha dato, della ruota che poteva girare e non ha girato.
Avesse avuto sempre la forza di carattere dimostrata in cima al lago Trasimeno, l’Arezzo non sarebbe staccato di 9 punti dal Pontedera. Se tutte le volte che si è trovata in svantaggio o dentro un momento difficile della partita, come accaduto ieri pomeriggio, la squadra se ne fosse rimasta tranquilla e saldamente ancorata alle sue certezze tecniche e tattiche, non sarebbe naufragata come a Ponte San Giovanni, con il Pierantonio o con il Todi. Perché ieri, quando De Luca ha messo dentro la palla respinta dalla traversa sul tiro di Agostinelli, quasi tutti hanno avuto il presentimento che se ne stesse andando tutto a monte un’altra volta. Invece no. L’Arezzo ha abbassato il capo e ha continuato a giocare, fino a segnare i due gol della rimonta.
Certo, va anche detto che se nelle settimane precedenti pure la sorte avesse avuto un occhio di riguardo come successo a Castel Rigone, staremmo qua a fare tutt’altri discorsi. Mezzanotti a fine match ha imprecato a lungo contro la sfiga, elencando una sfilza di pali e traverse colpiti in stagione che in effetti qualche maledizione la fa tirare. Tranchitella ha preso un legno sullo 0-0, poi un altro subito dopo l’1-0. I famosi episodi che cambiano il destino dei novanta minuti e che tante volte, in passato, hanno fatto imboccare agli amaranto la strada sbagliata. Di fronte al bivio, è successo quasi sempre che si prendesse la direzione meno propizia. Stavolta è andata diversamente, ma a questo punto ormai è troppo tardi per raddrizzare una stagione che poteva svilupparsi in maniera diversa.
E poi va pure aggiunto che, tanto per fare qualche esempio, se Mautone fosse stato sempre quello tritatutto di ieri, se Cissé avesse giocato con lo stesso nerbo con cui ha sgomitato con Pobega, se Martinez si fosse dimostrato così cinico da concretizzare due palle gol su due, oggi l’Arezzo canterebbe vittoria o comunque sarebbe ancora lì testa a testa con il Pontedera. Soprattutto il cinismo è sempre mancato a una squadra bella, spesso spettacolare ma poco pragmatica, più cicala che formica.
Adesso è vero che a Pontedera hanno dovuto rimandare la festa promozione, ma 9 punti da gestire a tre giornate dalla fine sono molti, troppi da rimontare per chi sta dietro. Anzi, a ben vedere per l’Arezzo sono 9 punti pieni di rimpianti.

 

articolo pubblicato sul Nuovo Corriere Aretino


scritto da: Andrea Avato, 23/04/2012





Castel Rigone-Arezzo 1-2, immagini della partita

Castel Rigone-Arezzo 1-2
COMMENTI degli utenti

Commento 1 - Inviato da: Amaranta, il 23/04/2012 alle 09:19

Foto Commenti

Sono convinta che il Pontedera adesso ne stia pareggiando qualcuna perche' ha un po' mollato sentendosi tranquilla (un po' come successe a noi alla fine del campionato 2004), pero' di sicuro se non avessimo fatto qualche passo falso di troppo, chissa'...... Qualche rimpianto, in effetti, è lecito! Frown

Commento 2 - Inviato da: Giotto, il 23/04/2012 alle 09:28

Foto Commenti

Oppure perchè vogliono vincere il campionato nella partita contro di noi tra sei giorni. E noi potremmo rovinargli la festa.

Solo fantasia, torniamo sulla Terra. Tanti rimpianti e basta. Prendiamoci sta sessantina de punti che abbiamo fatto quest'anno come OBIETTIVO MINIMO per la prossima stagione.

Commento 3 - Inviato da: Arretium Amaranthus, il 23/04/2012 alle 09:36

Foto Commenti

Per me di rimpianti ce n'è solo uno ossia la partita con il Pontedera in casa che L'Arezzo non avrebbe dovuto perdere per nessuna ragione.....chissà anche il pareggio avrebbe potuto cambiare tutto dal punto di vista mentale invece è stata la molla che ha lanciato la capolista verso la cavalcata promozione.

Commento 4 - Inviato da: Amaranta, il 23/04/2012 alle 09:42

Foto Commenti

OBIETTIVO MINIMO per la prossima stagione.

L'obiettivo minimo per la prossima stagione è la promozione.....Wink

Commento 5 - Inviato da: Leone731, il 23/04/2012 alle 09:45

Foto Commenti

Indubbiamente ci sono tanti troppi se ma resto dell'idea che s'e' fatto un signor campionato! Il Pontedera e' stato piu' bravo di noi e complimenti al Pontedera! Pensiamo a vincere i playoff e stop!

Commento 6 - Inviato da: puma, il 23/04/2012 alle 09:57

Foto Commenti

DAI PONTEDERA ....MOLLAAAAAA!

Commento 7 - Inviato da: Hic Sunt Leones 75, il 23/04/2012 alle 11:05

Foto Commenti

Il pontedera  ha  fatto  tranquillamente il cammino  che deve  fare  chi  vuol  vincere  il campionato  , noi no.

Pensiamo al futuro x non commettere gli errori commessi  in questa stagione .

Commento 8 - Inviato da: Giotto, il 23/04/2012 alle 12:02

Foto Commenti

Ho scritto OBIETTIVO MINIMO per la prossima stagione, perchè per vincere il campionato ne servono almeno 60/70. Ovviamente la squadra a settembre dovrà avere in testa di farne 102 (34 x 3), così non solo siamo sicuri di vincere, ma evitiamo anche di stare a fare i conti sulle altre. Le vinciamo tutte e ci togliamo di torno da questo campionato di m.................

Commento 9 - Inviato da: taxiamaranto, il 23/04/2012 alle 12:36

Foto Commenti

Spero che il carattere tirato fuori ieri, che purtroppo in partite del cavolo non e' venuto fuori, ci permetta di affrontare i Play Off in maniera da Arezzo e cosi' si veda chi ha voglia di rimanere in una grande Citta'  pilotata da un grande presidente che ha voglia difare calcio un calcio che ad Arezzo non s'e' mai visto.In caso di play off chiedo gentilmente alla societa' che venga preso in esame l'idea di giocare la sera alle 20.30 come potrebbe essere lunedi' 14 maggio,.....sti benedetti play off vanno vinti.e basta.

Commento 10 - Inviato da: Keaton, il 23/04/2012 alle 12:45

Foto Commenti

Sento parlare tanto di vincere questi play off, ma volevo sapere, c'è una pur remota possibilità che serva a qualcosa vincerli?

Commento 11 - Inviato da: baicol, il 23/04/2012 alle 12:55

Foto Commenti

I rimpianti di quest'anno cominciano dalla seconda di campionato, l'acuto c'è stato per uno scontro diretto perso malamente e poi con la neve ci siamo sciolti anche noi.

Vincere i play-off ufficialmente non serve ad una mazza (30.000 euro di premio se non sbaglio), ma se anche ne dovessero ripescare una dalla serie D, noi dobbiamo essere i primi ad averne diritto.  

Commento 12 - Inviato da: bravoo, il 23/04/2012 alle 13:31

Foto Commenti

Io batto le mani alla mia squadra e faccio i complimenti allìallenatore e a martucci...abbiamo lottato tutto il campionato,con cali che ci stanno nel corso di un annata..faremo meglio l'anno prossimo..ci sono molte basi solide per costruire un grande organico...FORZA VECCHIO CUORE AMARANTO

Commento 13 - Inviato da: taxiamaranto, il 23/04/2012 alle 13:46

Foto Commenti

Un appunto a bravo 13  -non dobbiamo fare meglio l'anno prossimo ma dobbiamo vincere sti play off la prima scelta per la lega pro dobbiamo essere noi,poi Martucci il grande direttore supercomplimenti sia per la competenza vedi anche juniores che per l'ottimo campionato con la prima squadra,Martucci Fans Club

Commento 14 - Inviato da: DaM, il 23/04/2012 alle 13:58

Foto Commenti

Sento parlare tanto di vincere questi play off, ma volevo sapere, c'è una pur remota possibilità che serva a qualcosa vincerli?

Ci deve essere una ecatombe in C. Ma prima di tutto, ci deve essere la volontá della lega di C di "scatenare" l'ecatombe per riformare i campionati (che potrebbe anche voler dire una unica serie C a piú gironi). E in tutto questo, ci deve essere il "buon cuore" della lega di C di lasciare un posto libero alla vincitrice dei play-off. Ma questi sono tutti discorsi inutili se i play-off non li vinci, quindi pensiamo a vincerli.

A mio parere, comunue, mostrare che l'Arezzo é una societá sana che punta sul vivaio per autofinanziarsi potrebbe essere un ottimo metodo per "stimolare" il buon cuore della lega di C. Anche in questo caso, discorso inutile se i play-off non li vinci.

Commento 15 - Inviato da: Marco Bianchi, il 23/04/2012 alle 13:59

Foto Commenti

Già, che occasione persa! Ma l'importante, in fin dei conti, è ripartire col piede giusto...

Commento 16 - Inviato da: Giulio Cirinei, il 23/04/2012 alle 17:25

Foto Commenti

non mi interessano i motivi e gli obiettivi da raggiungere. chi scende in campo con la maglia amaranto deve voler vincere sempre e comunque contro qualsiasi avversario

Commento 17 - Inviato da: tatanka, il 23/04/2012 alle 18:44

Foto Commenti

Sono d'accordo con giulio anche perchè solo cosi si raggiungono gli obbiettivi!!!!!!!!!!comunque l'idea di giocare in notturna non è affatto sbagliata.Forza Arezzo

Commento 18 - Inviato da: el lagarto, il 23/04/2012 alle 21:43

Foto Commenti

Nelle finali della juniores l'arezzo affronterà in Palestrina e il città di Marino, due squadre toste ma abbordabili. Forza mister TOCCI ! ! !   Forza RAGAZZI ! ! !

Commento 19 - Inviato da: Amaranta, il 23/04/2012 alle 22:47

Foto Commenti

Io invece vorrei sapere qualcosa sui play off. Che iniziano subito il 13, l'ho capito. Ma perche' si parla gia' di giocare il 12 o il 14 a causa del papa? Si sa gia' che la prima partita si giochera' in casa??  Come funzionano?

Commento 20 - Inviato da: Amaranta, il 23/04/2012 alle 22:50

Foto Commenti

Scusate, ma sono entrata ora e non avevo ancora letto l'altro articolo. E' spiegato li' che la seconda posizione consentira' di giocare in casa le prime due partite dei play off.

Commento 21 - Inviato da: Leone731, il 24/04/2012 alle 09:17

Foto Commenti

Comunque sono partite secche non c'e' ritorno e passa quella meglio piazzata in classifica.

Esempio se la quinta gioca con la seconda (in casa della seconda) deve per forza vincere perche' in caso di pareggio passa la seconda...dovrebbe essere cosi'.

Commento 22 - Inviato da: pipanos, il 24/04/2012 alle 09:34

Foto Commenti

Ma la juniores quando gioca ?

Commento 23 - Inviato da: Amaranta, il 24/04/2012 alle 10:30

Foto Commenti

Esempio se la quinta gioca con la seconda (in casa della seconda) deve per forza vincere perche' in caso di pareggio passa la seconda...dovrebbe essere cosi'.

Quindi , vediamo se stavolta ho capito o se ho svinato come ieri: noi giocheremmo contro la quinta in casa, ci basta pareggiare (ma dopo i supplementari come a Pistoia 98, per capirsi, o dopo 90 minuti?). poi giocheremmo, sempre in casa, con la vincente tra 3° e 4°? E se si passa di nuovo il turno? Si gioca contro le vincenti  di altri gironi?

Ma la juniores quando gioca

appunto, qua come funziona? I genitori dei nostri under che di solito la domenica sono allo stadio accanto a me, mi hanno parlato di gironcino a tre squadre, con ogni squadra che gioca con le altre due, una in casa e una fuori e passaggio della prima classificata alla fase successiva.  E' cosi'? E quando inizia?      

 

Commento 24 - Inviato da: Amaranta, il 24/04/2012 alle 10:32

Foto Commenti

Eccheccavolo!!! Andrea metti l'articolo sempre mentre sto scrivendo la domanda....hai gia' risposto alla domanda sulla juniores nell'apposito articolo. Wink

Commento 25 - Inviato da: Amaranta, il 24/04/2012 alle 10:36

Foto Commenti

Ora me metto muta: alla prima domanda hai risposto nell'articolo della partita di domani. Embarassed