Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE B - 1a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Vis Pesaro22Legnago
Carpi20Samb
Feralpi Salò21Arezzo
Gubbio02Modena
Padova01Imolese
Triestina01Matelica
Fermana01Mantova
Perugia22Fano
Ravenna12Sud Tirol
V.Vecomp11Cesena
MONDO AMARANTO
Fabio in trasferta a Gallipoli
NEWS

Raggio laser puntato contro i giocatori del Siena. Il giudice multa l'Arezzo di duemila euro

Ammenda pesante a causa dei cori contro l'istituzione calcistica e del raggio verde puntato in faccia ai calciatori avversari, compreso Guberti in entrambe le occasioni del calcio di rigore, durante la gara. Buglio squalificato per una giornata come Caponi del Pontedera



Guberti trasforma uno dei due rigori di Arezzo-SienaLa speranza era che nessuno l'avesse notato, invece non è andata così. Il commissario di campo ha visto tuto, ha annotato e ha consegnato il rapporto al giudice sportivo. Il responso è pesante: duemila euro di multa perché, oltre ai cori offensivi contro l'istituzione calcistica, i tifosi amaranto sono stati beccati mentre disturbavano il regolare svolgimento della gara puntando raggi laser sul viso dei calciatori della squadra avversaria.

Un episodio assolutamente inedito ma che si è ripetuto in più circostanze, soprattutto nel secondo tempo, e in entrambe le esecuzioni del calcio di rigore da parte di Guberti. Un raggio verde che è stato puntato verso la faccia del calciatore del Siena nel tentativo di impedirne la trasformazione del tiro dal dischetto. 

Non si ricordano precedenti di questo tipo allo stadio di Arezzo e viene da pensare che il gesto stupido sia stato messo in atto non dai gruppi organizzati ma da qualche tifoso occasionale. Fatto sta che l'ammenda è arrivata ed è anche piuttosto salata.

Il giudice, come da previsioni, ha poi fermato Buglio per una giornata per recidività in ammonizioni. Il centrocampista salterà la trasferta di Pontedera al pari di Caponi, mediano granata espulso nell'ultima partita.

 

scritto da: La Redazione, 05/02/2019





comments powered by Disqus