Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE B - 19a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Arezzo02Cesena
Fano11Gubbio
Fermana21Legnago
Imolese20Matelica
Mantova00Triestina
Perugia32Feralpi Salò
Samb01Padova
Sud Tirol10Vis Pesaro
Carpi42Ravenna
Modena01V. Verona
MONDO AMARANTO
Serena e Ely
NEWS

Arezzo, una radiolina per gli ipovedenti. ''ViviAMO la partita'', campagna di inclusione sociale

I tesserati amaranto hanno contribuito al progetto di solidarietà in favore della sezione cittadina dell'Unione Italiana Ciechi. A iniziare dalla gara di sabato contro il Piacenza, dieci persone potranno vivere le emozioni dei novanta minuti tramite radiocronaca: un modo per restituire affetto alla città



"ViviAMO la partita" è la nuova campagna sociale della Società Sportiva Arezzo promossa per i soci dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti della sezione di Arezzo. Un’iniziativa fortemente voluta dalla società e accolta in maniera positiva e con stupore dall’U.I.C.I. di Arezzo.

Il progetto è stato finanziato tramite una campagna di crowdfunding al quale hanno voluto partecipare tutti i calciatori capitanati da Nello Cutolo e dallo staff tecnico della prima squadra.

Con grande entusiasmo hanno aderito tramite l’acquisto di alcuni portachiavi con la maglia dell’Arezzo stilizzata, messi a disposizione dall'area comunicazione.

 

 

Il ricavo della vendita ha consentito l’acquisto di 10 radioline che permetteranno, a partire dalla partita di sabato 23 marzo contro il Piacenza, ad alcuni soci della U.I.C.I. Arezzo, di ascoltare la radiocronaca del match e vivere il clima della partita dalla tribuna dello Stadio Comunale “Città di Arezzo”.

Gli interessati si recheranno il giorno della partita presso la biglietteria insieme ai propri accompagnatori per ritirare il biglietto di accesso e la radiolina messa a disposizione dalla società.

Un'iniziativaper continuare la collaborazione con realtà e associazioni del territorio per l'inclusione sociale e l'attenzione a temi così delicati. “ViviAMO l’Arezzo” nasce dal bisogno di restituire qualcosa alla città che tanto ha dato nel corso degli anni alla causa amaranto.

 

scritto da: La Redazione, 20/03/2019





comments powered by Disqus