Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - 27a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Carrarese30Gozzano
Renate12Pergolettese
Monza11Arezzo
Siena11Albinoleffe
Juventus U2310Pianese
Olbia10Pistoiese
Pontedera01Alessandria
Giana ErminiorinvComo
LeccorinvPro Patria
Pro VercellirinvNovara
MONDO AMARANTO
Ilaria e Massimiliano a Berlino
NEWS

La strana scelta dello Sporting, tre debutti, 70 gol, il dito medio alzato

La squadra ternana è stata battuta in casa per 5-0 dal Castel Rigone, che così nei play-off affronterà la Pianese. Quella dei giocatori di Schenardi, stando alle voci, è stata una decisione consapevole e adesso gli amaranto avranno uno stimolo in più per far valere i 15 punti di margine in classifica. Molto bello il gol vittoria di Cissé contro il Sansepolcro, nella domenica dell'esordio per tre giovani e della corrosiva coreografia iniziale della Fossa



i cartelli della Fossa, ironia corrosiva dopo lo 0-3 di PontederaNiente Castel Rigone, nel primo turno dei play-off l’Arezzo se la vedrà con lo Sporting Terni. Il responso finale della classifica è un po’ una sorpresa, perché il pronostico e la logica spingevano in direzione contraria. Invece proprio ieri, nello scontro diretto fra le due squadre, lo Sporting si è fatto battere di goleada sul suo campo. Il Castel Rigone ne ha segnati 5 (a zero), ha raggiunto gli avversari a quota 50 punti e li ha scavalcati nel computo dei gol segnati nei due match del girone di andata e di ritorno. L’organico di Mezzanotti è di livello e se imbrocca la giornata giusta, può mettere sotto chiunque. Ma perdere 5-0 in casa sa di disfatta totale. Oppure, di scelta consapevole. Infatti da qualche giorno giravano voci e sussurri sul fatto che lo Sporting preferisse sfidare l’Arezzo piuttosto che la Pianese sul sintetico. E guarda caso proprio questo è successo: i ternani di Schenardi verranno al Comunale e in cima all’Amiata ci andrà il Castel Rigone. Se sia veramente andata così o se si tratti dei soliti spifferi senza fondamento, non si sa. L’unica cosa certa è che gli amaranto dovranno prepararsi bene e magari avranno pure uno stimolo in più per far valere la differenza di classifica (15 punti di margine).
Per adesso è bene ricordare che la partita sarebbe in calendario per la prossima domenica, 13 maggio, alle ore 16. Ma siccome quel giorno Arezzo sarà blindata per la visita del Papa, allora il match verrà posticipato alla sera di lunedì 14. Si gioca in gara secca: in caso di parità al novantesimo, sono previsti i supplementari. Se la parità persiste, si qualifica l’Arezzo. In caso di passaggio del turno, giovedì 17 (sempre in notturna) gli amaranto se la vedranno con la vincente di Pianese-Castel Rigone. Di lì in avanti, per arrivare alla finalissima del 10 giugno, bisognerà superare altri tre ostacoli, sempre in gare a eliminazione diretta. Ma ci sarà modo per parlarne.
Riguardo la partita con il Sansepolcro, invece, non c’è molto da spiegare. A differenza di tutti gli altri confronti diretti, sempre molto battagliati e accesi, ieri la partita è stata più soft. L’Arezzo era già secondo, i bianconeri erano già salvi. Bacis ha addirittura fatto debuttare tre giocatori (Sergio, Zurli e De Martino), lasciando a riposo Bucchi, Mencarelli, Martinez e schierando una formazione inedita, con quattro under che solo 24 ore prima avevano giocato 90 minuti a tutto gas con la Juniores. Il Sansepolcro nel primo tempo è andato meglio, con un fraseggio più prolungato e un palo clamoroso centrato da Moretti a portiere battuto. Gli amaranto però non hanno subito passivamente, costruendosi anch’essi un paio di opportunità per bucare Becci. Quando lo 0-0 sembrava scritto, Cissé si è acceso all’improvviso e ha squarciato il pomeriggio, infilandosi dentro la difesa avversaria come lama nel burro. Poi ha evitato il portiere e l’ha deposta in fondo al sacco, firmando il gol numero 13 della sua prima, nonché splendida, stagione da calciatore vero. L’Arezzo ha così chiuso l’annata a 65 punti (66 sul campo), sfondando quota 70 gol all’attivo. Numeri che alimentano i rimpianti. Numeri che potrebbero tornare buoni nei play-off.

Da segnalare anche la coreografia iniziale della Fossa, che ha accolto le squadre con tanti cartelli raffiguranti mani con il dito medio alzato e la scritta "per gli undici in campo un dito soltanto". Qualcuno ha pensato fosse un messaggio diretto al Sansepolcro, invece era proprio per i calciatori dell'Arezzo, reduci dalla debacle di Pontedera. Difatti sono poi comparsi altri cartelli: "dovevate vincere il campionato ma neanche la faccia avete salvato" e ancora "entusiasti del progetto ma per le vacche in campo nessun rispetto". A fine gara però, quando la squadra è andata a salutare il pubblico, ci sono stati applausi per tutti. E da lunedì prossimo si ricomincia.

 

articolo pubblicato sul Nuovo Corriere Aretino


scritto da: Andrea Avato, 07/05/2012





Arezzo-Sansepolcro 1-0, le immagini della partita

Arezzo-Sansepolcro 1-0
COMMENTI degli utenti

Commento 1 - Inviato da: Amaranta, il 07/05/2012 alle 09:56

Foto Commenti

Oppure, di scelta consapevole. Infatti da qualche giorno giravano voci e sussurri sul fatto che lo Sporting preferisse sfidare l’Arezzo piuttosto che la Pianese

Facciamoli pentire di questa scelta.....Wink

Commento 2 - Inviato da: pipanos, il 07/05/2012 alle 11:07

Foto Commenti

All'andata fu un 2 a 2 molto sofferto e poi una gara unica presenta sempre molte insidie,  speriamo che la benedizione del Papa serva anche all'Arezzo.

Commento 3 - Inviato da: alfa, il 07/05/2012 alle 11:19

Foto Commenti

Mi sembra che l'ultima volta che è venuto il Santopadre, l'Arezzo abbia fatto una brutta fine...Frown

Commento 4 - Inviato da: alfa, il 07/05/2012 alle 11:35

Foto Commenti

eh sì, direi che una sana toccatina ci stà tutta...Wink

Commento 5 - Inviato da: teba02, il 07/05/2012 alle 12:36

Foto Commenti

per me il campionato finisce qui. i play-off mi sanno tanto di "torneo dei bar"... con pizzata per chi vincerà la finalona-unica organizzata in qualche paesello quando ormai saremo alle soglie dell'estate e infradito anticipate per chi uscirà precocemente (visto lo sbracamento generale più o meno noi dovremo essere tra quest'ultimi). A settembre rimetterò piede allo stadio ancora in curva e ancora in serie D per cercare di migliorare il buon secondo posto (ma inutile) di quest'anno... e che l'estate ce la mandi bòna!

un caloroso saluto a tutti quelli che hanno il cuore solo amaranto, con calma e senza fretta, prima o poi la ruota tornerà a girare anche per noi...

FORZA AREZZO SEMPRE OVUNQUE COMUNQUE

Commento 6 - Inviato da: DaM, il 07/05/2012 alle 13:00

Foto Commenti

cuore solo amaranto

grande

Commento 7 - Inviato da: Moderato, il 07/05/2012 alle 13:32

Foto Commenti

Direi che i play off a questo punto sono molto importanti per situazioni che potrebbero verificarsi. La società sarebbe pronta l'ambiente d piu per cui dobbiamo spingere la squadra fino alla finalissima che, vincendola, potrebbe dire resurrezione. E comunque non ci mangeremo le mani nell'eventalita !!! Per cui ancora tutti uniti per un unico obbiettivo vincere i play off. Forza magico Arezzo

Commento 8 - Inviato da: ciabu, il 07/05/2012 alle 14:04

Foto Commenti

Da segnalare anche la coreografia iniziale della Fossa, che ha accolto le squadre con tanti cartelli raffiguranti mani con il dito medio alzato e la scritta "per gli undici in campo un dito soltanto". Qualcuno ha pensato fosse un messaggio diretto al Sansepolcro, invece era proprio per i calciatori dell'Arezzo, reduci dalla debacle di Pontedera. Difatti sono poi comparsi altri cartelli: "dovevate vincere il campionato ma neanche la faccia avete salvato" e ancora "entusiasti del progetto ma per le vacche in campo nessun rispetto". A fine gara però, quando la squadra è andata a salutare il pubblico, ci sono stati applausi per tutti. E da lunedì prossimo si ricomincia.

 

senza parole

Commento 9 - Inviato da: Amaranto69, il 07/05/2012 alle 21:55

Foto Commenti

cuore solo amaranto  

Grandissimo...........   dedicato a tutti quelli che erano in centro a festeggiare ierisera gobbi maledetti...................

Commento 10 - Inviato da: alfa, il 07/05/2012 alle 22:10

Foto Commenti

Chiedere alla Rubentus di giocare secondo le regole è come chiedere a Schettino di salire sulla nave...

Commento 11 - Inviato da: Amaranta, il 07/05/2012 alle 22:11

Foto Commenti

con calma e senza fretta, prima o poi la ruota tornerà a girare anche per noi...

Pero' bisogna averne parecchia, di calma e pazienza.....

Commento 12 - Inviato da: Amarantegnene, il 09/05/2012 alle 11:25

Foto Commenti

alfa...fai una cosa saggia!!!...... affogati!!!