Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE B - 19a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Arezzo02Cesena
Fano11Gubbio
Fermana21Legnago
Imolese20Matelica
Mantova00Triestina
Perugia32Feralpi Salò
Samb01Padova
Sud Tirol10Vis Pesaro
Carpi42Ravenna
Modena01V. Verona
MONDO AMARANTO
Elena di Cortona
NEWS

Petto in fuori, occhi lucidi e aretinità. Il nostro anno, alla fine, lo è stato ugualmente

Sereni in lacrime davanti al settore, dopo la sconfitta di Pisa. Pelagatti con il portamento fiero a Viterbo, dopo la rovesciata del 2-0. Da troppo tempo ci mancava un'iniezione di campanile, una botta di appartenenza che stimolasse quell'orgoglio amaranto necessario per costruire qualcosa di duraturo. Ecco perché, anche senza serie B, questa stagione ci ha regalato brividi veri



C'è quest'immagine di Sereni che piange, davanti al settore, e l'emozione ti avvolge. Di sconfitte per cui versare lacrime, ad Arezzo ne abbiamo vissute tante. Troppe. Ma erano lacrime di rabbia: partite giocate male o non giocate affatto, senso d'ingiustizia, quella fastidiosa sensazione di non aver fatto tutto ciò che si poteva (e si doveva) per vincere. Livorno, Crotone, Cremona, Lucchese, solo per restare ai play-off, sono ferite che bruciano.

Stavolta è diverso. In quel pianto c'è tanta passione, c'è attaccamento alla maglia e a una causa sportiva per cui la squadra ha combattuto fino alla fine, con forza di volontà, cuore, spostando il traguardo sempre un metro più avanti, oltre i propri limiti

Grandi partite, grandi gioie, l'Arezzo in stagione ha giocato un calcio bellissimo, è arrivato quarto in campionato e alle semifinali play-off. Ha regalato brividi veri a una piazza che ha tanta fame di pallone. E l'applauso finale del settore a Pisa, durato quasi dieci minuti, resterà una delle scene più belle viste in centinaia di trasferte.

La notte di Pisa, così come quella di Viterbo, ci hanno regalato due squarci di fierezza: gli occhi lucidi di Sereni e il petto in fuori di Pelagatti, dopo la rovesciata del 2-0, sono anche manifestazioni d'aretinità. Da troppo tempo ci mancava un'iniezione di campanile, una botta di appartenenza che stimolasse quell'orgoglio amaranto necessario per costruire qualcosa di duraturo.

L'Arezzo non ha vinto i play-off e non ha conquistato la serie B. Ma il nostro anno, alla fine, lo è stato ugualmente.

 

scritto da: Andrea Avato, 04/06/2019





comments powered by Disqus