Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - 18a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Pianese12Pontedera
Pro Vercelli00Pistoiese
Siena10Como
Arezzo10Gozzano
Juventus U2313Carrarese
Lecco20Olbia
Pro Patria12Novara
Albinoleffe12Renate
Monza30Giana Erminio
Pergolettese21Alessandria
MONDO AMARANTO
Pepone durante il suo addio al celibato
NEWS

Prima vittoria stagionale per l'ACF Arezzo. Le reti di Arzedi e Gwiazdowska regalano tre punti preziosi

Si sbloccano finalmente le ragazze amaranto che grazie ad una ottima prova corale si aggiudicano l'intera posta in palio nello scontro diretto in terra emiliana. Domenica impegno casalingo contro il Bologna



Le ragazze amaranto festeggiano la prima vittoria stagionale

Per la quinta giornata del Campionato Nazionale di Serie C, al “Romeo Galli”, va in scena la gara fra Imolese Women e ACF Arezzo. Entrambe le squadre si trovano, prima di questa sfida, ad un punto in classifica ed entrambe cercano la prima vittoria stagionale, prospetto di una gara che si rivelerà decisiva per una delle due. A partire meglio è l’Arezzo che sfrutta molto, visto il nuovo modulo, le vie centrali: Baracchi e Arzedi s’intendono alla meraviglia e recuperano un sacco di palloni in fase d’interdizione mentre creano gioco in fase di possesso, in avanti Verdi si rivela il supporto giusto per Paganini e le due giocatrici, più di una volta, sfruttano le loro qualità tecniche per lanciare Gwiazdowska e Mazzini nei tagli dietro ai difensori avversari. Dall’altra parte sono Polidori e Finotello a cercare le conclusioni dalla distanza, la squadra di Mastroiaco difficilmente riesce ad inserirsi tra la difesa dell’Arezzo e prova, quindi, da fuori a cercar di sbloccare la gara. Su una ripartenza arriva la prima rete delle ragazze amaranto (37’): azione manovrata partita dal basso, palla che arriva a Paganini defilata sulla sinistra, scarico di prima intenzione su Arzedi che di piatto piazza la sfera e batte il portiere avversario. Il vantaggio dell’Arezzo non è frutto di casualità: la formazione allenata da Antonio Paduano gioca molto bene palla a terra, rischiando solo quando necessario altrimenti vale il giro palla per creare spazi, con un baricentro alto e un pressing costante da parte di tutte le giocatrici. La prima frazione di gioco si chiude con la squadra in vantaggio in pieno possesso del terreno mentre l’Imolese sembra accusare lo stile dell’Arezzo. Nella ripresa il ritmo del gioco espresso dalle ragazze amaranto non si abbassa, anzi l’intensità si alza quando la qualità del gruppo viene fuori: ancora due azioni corali portano alla doppia conclusione di Verdi che manca di un soffio il raddoppio. La rete è nell’aria, e arriva grazie ad una grande giocata di Paganini (67’) sulla sinistra che salta un avversario e crossa al centro dove Gwiazdowska arriva prima dei difensori avversari e segna il 2-0. Nonostante le due reti di vantaggio l’Arezzo continua a mantenere la linea alta e un pressing continuo sui portatori di palla, gioco possibile grazie alla solidità della linea difensiva composta da Orsi e Razzoli, con Mencucci e l’esordiente Gonzi bravissime a non far passare le giocatrici avversarie. Verdi, Gwiazdowska e la neo entrata Casini sfiorano la terza rete, ma nel finale il brivido più grande arriva da Valuta che dalla distanza colpisce la traversa. Al triplice fischio festeggiano le ragazze amaranto per la prima vittoria ottenuta in campionato che porta l’Arezzo a balzare in alto di due posizioni (9° posto) con i suoi 4 punti.

 

Imolese Women – ACF Arezzo 0-2

Marcatori: 38’ Arzedi, 67’ Gwiazdowska

A.C.F. Arezzo: Antonelli, Orsi, Razzoli, Gonzi, Mencucci, Baracchi, Arzedi (90’ Pieri), Verdi (78’ Prosperi), Gwiazdowska, Mazzini (71’ Casini), Paganini

A disposizione: Ruotolo, Carleschi

Allenatore: Antonio Paduano

 

Prossimo Turno. Non c’è, però, tempo per sedersi sugli allori poiché domenica 17 novembre, alle ore 14.30 presso il Campo Sportivo di Rigutino, andrà in scena la sesta giornata del Campionato Nazionale di Serie C dove troveremo le nostre ragazze affrontare il Bologna.


scritto da: Riccardo Buffetti, 14/11/2019





comments powered by Disqus