Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - 18a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Pianese12Pontedera
Pro Vercelli00Pistoiese
Siena10Como
Arezzo10Gozzano
Juventus U2313Carrarese
Lecco20Olbia
Pro Patria12Novara
Albinoleffe12Renate
Monza30Giana Erminio
Pergolettese21Alessandria
MONDO AMARANTO
Giacomo a Santorini
NEWS

Pistoiese-Arezzo: il Museo racconta...

La partita contro gli arancioni è ormai diventato un classico nelle ultime stagione. Dal gol di Ceccotti che dette nel 1965 il primo successo amaranto a Pistoia a quelli di Borghini, Brunori e Rolando dell'anno scorso sono cinque le vittorie dell'Arezzo al ''Melani''



La festa sotto il settore ospite di Pistoia la scorsa stagione

Domenica si va a Pistoia, trasferta ormai ricorrente, soprattutto in questi ultimi anni. Gli amaranto ci arrivano nel loro momento migliore da inizio campionato e l’occasione sembra propizia per centrare finalmente il primo successo esterno, anche se la Pistoiese di quest’anno è squadra da prendere con le molle. L’ultimo precedente in casa degli orsi è a dir poco incoraggiante: era il 4 maggio scorso, ultima giornata dello scorso campionato e ancora una volta fu un trionfo per i tifosi amaranto accorsi nel settore ospiti. L’Arezzo, infatti, alla ricerca del miglior piazzamento possibile in vista degli imminenti playoff, strapazzò gli arancioni con i gol di Borghini, Brunori e Rolando. In contemporanea, la Carrarese perse in casa con l’Entella e, a sorpresa, la Pro Vercelli cadde tra le mura amiche contro un Olbia già salvo e così la squadra di Dal Canto si ritrovò insperatamente quarta con la possibilità di riposare durante il primo turno degli spareggi promozione.

In realtà, giocare a Pistoia non è mai stato rose e fiori, tanto che, spulciando gli archivi del Museo, si registrano solo quattro successi degli amaranto, oltre a quello appena citato, in ben 27 incontri giocati al Marcello Melani dal dopoguerra a oggi. Il primo di questi fu il 31 gennaio 1965 in serie C con gol vittoria di Ceccotti. Stesso risultato la stagione seguente, quella della prima promozione in B, ma sempre nel 1965 e precisamente il 5 dicembre, quando andò a segno uno dei giocatori più rappresentativi, Innocente Meroi. Per ritrovare i tre punti da quelle parti occorre aspettare fino al 1983: stavolta era serie B ma fu ancora una volta 0-1, con rete decisiva di Ezio Sella che continuò ad alimentare momentaneamente i sogni di promozione in serie A, che svaniranno poi nel girone di ritorno. A un’altra promozione, infine, è legata l’ultima vittoria a Pistoia prima di quella di poco meno di sette mesi fa citata in apertura: la squadra guidata da Mario Somma centrò il quinto successo consecutivo in altrettante gare di campionato con i gol di Abbruscato e di Serafini nei minuti finali dopo il provvisorio pareggio di Artistico. Era il 28 settembre 2003, agli albori di una stagione indimenticabile.

 

Il gol di Rafa Bondi nel 2009Negli ultimi anni, invece, il risultato più frequente è stato il pareggio per 1-1, quattro consecutivi tra il 2009 e il 2016. Nel 2014, in serie D, l’Arezzo si presentò dalla capolista Pistoiese per cercare di riaprire il campionato: ricordo quella trasferta “old style”, con la contromarca per il treno (come anche in occasione della trasferta del 21 gennaio 2018 culminata con una sconfitta per 1 a 0), la discesa a Santa Maria Novella con annessi cori contro la Fiorentina, l’arrivo in stazione a Pistoia e il trasferimento allo stadio con le peggiori corriere arancioni a disposizione. La partita si mise subito bene con il gol di Carfora da calcio d’angolo, ma Minincleri nella ripresa siglò il definitivo pareggio.

Il Melani è stato anche teatro dei gol di due ex amaranto del recente passato arrivati con grandi aspettative e finiti per essere delusioni atroci: Bentancourt nel 2015 e Grossi nel 2016, quest’ultimo autore di una punizione strepitosa, soprattutto se vista dal settore ospiti.

In tutto questo, però, il ricordo più bello dello stadio Melani per la tifoseria amaranto non è per un Pistoiese-Arezzo, ma ovviamente quello relativo alla finale playoff del 14 giugno 1998 vinta per 2 reti a 1 contro lo Spezia che regalò alla truppa di Cosmi il ritorno in serie C1. Un tripudio: quattromila aretini, forse cinquemila, forse di più, assiepati in maratona ma anche in tribuna, il “tacco di Dio” di Balducci, i supplementari, il rigore di Campanile e l’esultanza di Serse sotto i tifosi amaranto in visibilio.

Ci lasciamo quindi con questo bel ricordo da Museo, ricordando anche che troveremo di fronte, come ex, Marco Cellini, a cui è legato un altro momento estremamente significativo e di grande gioia. Ma questa è un’altra storia e di cui vi abbiamo già abbondantemente parlato. Tutti, per l’ennesima volta, a Pistoia allora, e forza Arezzo!

 

scritto da: Luca Amorosi, 29/11/2019





comments powered by Disqus