Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE B - 19a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Arezzo02Cesena
Fano11Gubbio
Fermana21Legnago
Imolese20Matelica
Mantova00Triestina
Perugia32Feralpi Salò
Samb01Padova
Sud Tirol10Vis Pesaro
Carpi42Ravenna
Modena01V. Verona
MONDO AMARANTO
Stefano e Roberta, matrimonio amaranto
NEWS

Il Venezia è campione d'Italia dilettanti. Battuto il Teramo in finale

La formazione veneta ha vinto le final four e ieri pomeriggio ha avuto la meglio sugli abruzzesi (che avevano eliminato il Pontedera) per 3-2, al termine di una partita molto combattuta e giocata a Gubbio. Nell'albo d'oro la squadra di Favarin succede al Cuneo



il Venezia campione d'Italia dilettantiIl Venezia conquista il tricolore. La formazione guidata da mister Favarin batte il Teramo 3-2 nella finale che assegnava lo scudetto della Serie D 2011/2012. I neroarancioverdi si laureano così campioni tra i campioni dell'intero campionato, dopo aver primeggiato nel proprio girone e guadagnato l'accesso in Seconda Divisione della Lega Pro. E' stata una partita per cuori forti, con tante emozioni e ben cinque gol. Il Venezia ha tenuto per larga parte dell'incontro il pallino del gioco, cedendo al ritorno ed alla pressione del Teramo nell'ultima fase del match, quando i giochi sembravano ormai chiusi in favore dei veneti. Lo stadio "Barbetti" di Gubbio ha fatto da degna cornice all'ultimo atto della Poule Scudetto. Merito anche di una giornata splendida e di un buon numero di sostenitori giunti nella cittadina umbra per incoraggiare i propri beniamini, impegnati nell'ultima fatica stagionale. Prima del calcio d'inizio si sono svolte le premiazioni delle società di Serie D (le vincitrici di ciascun girone e le migliori della Coppa Disciplina, anche del campionato Nazionale Juniores). 

 

LA GARA - Inizio scoppiettante per la finalissima tra Teramo e Venezia. Dopo appena due minuti gli abruzzesi passano in vantaggio: cross dalla sinistra di Laboragine per l'inserimento in scivolata di Valentini che insacca. Il Venezia pareggia al 7' con Oliveira. Apertura di Zubin per il destro al volo del numero undici lagunare. Il Teramo tenta la risposta al 14' ancora con Valentini, ma il suo tiro-cross viene neutralizzato da Gallo che allontana in corner. Poco dopo anche Serraiocco si guadagna gli applausi del pubblico biancorosso, deviando sulla traversa una bella punizione a girare di Lauria. Al 39' il Venezia si rende ancora pericoloso con un diagonale di Oliveira che sfila di poco a lato, alla sinistra di Serraiocco. Al 43' occasionissima per i veneti: Grifoni scambia con Oliveira che a sua volta serve Zubin nell'area piccola; il capitano calcia a botta sicura ma Serraiocco riesce a sventare il pericolo con la punta del piede. La ripresa si apre ancora all'insegna dell'equilibrio, ma con un Venezia più intraprendente rispetto all'undici biancorosso. Ma al 17' il Teramo manca una buona opportunità con Laboragine che, al termine di un'azione impostata da Petrella, conclude in maniera sbilenca da posizione vantaggiosa. Al 25' spreca un colpo anche Ferrani, che impatta di testa su traversone di Vitone. Poco dopo il Venezia si riporta in vantaggio. Crafa dalla bandierina serve Oliveira che tenta l'apertura in area; sulla traiettoria del pallone Ekani tocca con il braccio e l'arbitro assegna un calcio di rigore. Sul dischetto va Zubin che realizza. Poco dopo Essoussi insacca di testa su cross di Casagrande per il 3-1. Ma non è finita. Al 41' Petrella accorcia le distanze con una gran botta da fuori area, riaccendendo le speranze dei teramani. Il finale è vibrante. Nei cinque minuti di recupero i biancorossi si gettano a testa bassa alla ricerca del pareggio.

 

Il tabellino
Teramo: Serraiocco, Ekani, De Fabritiis (dal 40'st Tommaselli), Valentini, Ferrani, Speranza, Laboragine, Vitone, Bucchi, Borrelli (dal 11'st Masini), Saraceno (dal 11'st Petrella); a disp. Cappa, Calabuig, Iazzetta, Arcamone; All. Cappellacci.
Unione Venezia: Gallo, Videtta, Scantaburlo, Silvestri (dal 27'st Marcolini), Scardala, Mirri, Grifoni (dal 21'st Casagrande), Crafa, Zubin (dal 32' Essoussi), Lauria, Oliveira; a disp. Riommi, Ciaramitaro, Florean, D'Apollonia, Essoussi; All. Favarin.
Arbitro: Vesprini di Macerata
Reti: 2'pt Valentini (T), 7'pt Oliveira (V), 29'st Zubin (V) rig., 34'st Essoussi (V), 41' Petrella (T)
Note: Ammoniti Crafa (V), Vitone (T). Spettatori 700 circa

 

Albo d'oro
2011/2012 Unione Venezia 2010/2011 Cuneo 2009/10 Montichiari 2008/09 Pro Vasto 2007/08 San Felice Normanna 2006/07 Tempio; 2005/06 Paganese 2004/05 Bassano Virtus 2003/04 Massese 2002/03 Cavese 2001/02 Olbia 2000/01 Palmese 1999/00 Sangiovannese 1998/99 Lanciano 1997/98 Giugliano 1996/97 Biellese 1995/96 Castel S.Pietro 1994/95 Taranto 1993/94 Pro Vercelli 1992/93 Crevalcore 1957/58 Cosenza, Ozo Mantova, Spezia ex-aequo 1956/57 Sarom Ravenna 1955/56 Siena 1954/55 BPD Colleferro 1953/54 Bari 1952/53 Catanzaro

 

www.lnd.it 

 

scritto da: Andrea Avato, 27/05/2012





COMMENTI degli utenti

Commento 1 - Inviato da: RICK57, il 27/05/2012 alle 10:03

Foto Commenti

Questa partita valeva solo per la gloria... Si giocava a Gubbio. Da venezia han dovuto fare 390 chilometri, da teramo 250 chilometri. Eppure erano circa 700......a ognuno di voi la propria, personalissima considerazione

Commento 2 - Inviato da: ciabu, il 27/05/2012 alle 13:34

Foto Commenti

Lauria è il "nostro" Lauria?

Commento 3 - Inviato da: Andrea Avato, il 27/05/2012 alle 14:48

Foto Commenti

Sì, è l'ex Arezzo