Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - 27a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Carrarese30Gozzano
Renate12Pergolettese
Monza11Arezzo
Siena11Albinoleffe
Juventus U2310Pianese
Olbia10Pistoiese
Pontedera01Alessandria
Giana ErminiorinvComo
LeccorinvPro Patria
Pro VercellirinvNovara
MONDO AMARANTO
Samuele e Marco al Vicente Calderon di Madrid
NEWS

Il colpo esterno che manca, la società che vive in un limbo: nebbia in campo e nebbia fuori

Anche a Gorgonzola gli amaranto hanno mancato l'appuntamento con la vittoria esterna che avrebbe dato una bella sterzata alla classifica. Di positivo c'è che il centrocampo a tre sembra più funzionale alla solidità della squadra. Intanto un dato sembra certo: il presidente La Cava vuole cedere l'Arezzo, sperando che gli acquirenti diano le giuste garanzie a una piazza che vorrebbe seguire le orme di Pordenone e Cittadella. In questa storia anche Orgoglio Amaranto deve assicurare alla piazza trasparenza e tempestività



Nebbia fitta. A Gorgonzola dove il cervello insano dei maggiorenti della Lega ci ha spedito a giocare nel tardo pomeriggio ed in pieno inverno (forse contando sugli effetti del cambiamento climatico) e sulle trattative per la cessione della società. Per quel che s’è visto (pochino), in Lombardia abbiamo gettato al vento l’ennesima occasione per conquistare la posta piena lontano da casa; però la squadra è apparsa propositiva e, per i miei personalissimi gusti, molto più equilibrata col centrocampo a tre. La soluzione adottata da mister Di Donato ha consentito di apprezzare l’apporto di Picchi al gioco, uno che magari non avrà piedi educatissimi e velocità, ma che per far filtro se la cava benone se non è chiamato a coprire zone di campo troppo estese come accade con la mediana a due, fatto che lo costringe ad una mobilità che non è nelle sue corde ed alla conseguente perdita di lucidità.

Contro l’Albinoleffe invece se l’è cavata egregiamente e solo una prodezza dell’estremo locale gli ha negato la soddisfazione del gol. Non è un caso poi che anche la difesa abbia sofferto molto meno, tanto che le occasioni capitate alla formazione avversaria non si contano nemmeno sulle dita di una mano. Insomma la formula 4-3-2-1 (o 4-3-3) non mi parrebbe proprio da buttar via, anche in prospettiva dei prossimi importanti impegni.

 

Le vicende societarie invece restano avvolte da nubi basse. Evidente che certe trattative non si possono concludere in pochi giorni, ma sempre più evidente è anche la volontà del presidente La Cava di passare la mano. A chi? Il busillis, per chi come noi viene da esperienze assai traumatiche al riguardo, non è di poco conto. Intorno al pacchetto di maggioranza dell’Arezzo sembra si muovano diversi soggetti. Su Andrea Stanzione (immobiliarista romano) si è potuta fare qualche piccola e parziale ricerca. Da quanto emerge da una verifica camerale, qualche perplessità sorge giacché l’azienda cui fa riferimento ha fatturato nel 2018 circa 350.000 euro, un po' poco rispetto ai costi per la gestione di una categoria come la serie C. Gli altri nomi sono evocati solo con qualche indicazione geografica: ancora Roma, con la benedizione di Ghirelli (per quel che mi concerne, di per sé, non esattamente una garanzia), poi l’Umbria e forse il nord.

Quel che conta è che chi rileva le quote sia persona affidabile e con un progetto reale in testa perché ci saremmo anche stufati di vedere i “pordenoni” e i “ cittadella” (con tutto il rispetto ed il plauso per queste realtà) fare scalate vertiginose e noi sempre fermi al palo. A questo punto diventa di nuovo cruciale il ruolo di Orgoglio Amaranto. A loro, che sono parte della società, spetta vigilare e soprattutto informarsi e informare con trasparenza e tempestività ogni qual volta vi siano notizie sul futuro assetto proprietario della nostra amata squadra. La trasparenza e la tempestività serviranno (o servirebbero…) anche ad evitare il proliferare degli “spifferi” che non sai mai quanto siano veri o quanto siano dettati da interessi particolaristici. Senza preconcetti e senza pregiudizi, come due anni fa lavorando solo per il bene dei colori amaranto.

 

scritto da: Paolo Galletti, 05/02/2020





comments powered by Disqus