Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE B - 20a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Arezzosab15Feralpi Salò
Imolesesab17.30Padova
Modenadom12.30Gubbio
Legnagodom14.30Vis Pesaro
Fanodom15Perugia
Mantovadom15Fermana
Matelicadom15Triestina
Sambdom15Carpi
Sud Tiroldom15Ravenna
Cesenadom17.30V. Verona
MONDO AMARANTO
Simone ed Emanuele, fedelissimi della Minghelli
NEWS

L'Arezzo dura un tempo a Mantova. Due rigori condannano gli amaranto alla sconfitta (2-0)

Camplone ha gli uomini contati in questo primo impegno dopo 25 giorni di stop forzato con ben 11 giocatori indisponibili. Gli amaranto restano bene in partita per tutto il primo tempo e sfiorano il vantaggio con Belloni che sbaglia una clamorosa occasione a tu per tu con Tozzo. Il forcing del Mantova ad inizio ripresa è però devastante e i virgiliani passano con due rigori di Ganz e Guccione nello spazio di sei minuti e chiudono la gara. Sabato sera delicata trasferta ad Imola, contro una diretta concorrente



L’Arezzo torna in campo dopo 25 giorni nel primo dei quattro recuperi che la squadra dovrà sostenere da qui a Natale. Camplone ha 12 giocatori ancora indisponibili e scelte quasi obbligate. In porta esordisce Andrea Sala, la difesa si schiera a tre con Baldan, Cherubin e Kodr con Belloni a destra e Luciani a sinistra ad agire da esterni a tutta fascia. In mezzo si piazza Di Paolantonio, anch’egli alla prima in amaranto, supportato da Bellucci ed Arini. In attacco Cutolo ed il baby Zuppel.

L’Arezzo parte bene e nei primi dieci minuti mette spesso in difficoltà la retroguardia mantovana spingendo soprattutto dalla parte mancina dove Luciani, Arini e Cutolo duettano bene. Episodio dubbio al 5’ in area virgiliana con Zuppel che cade forse spinto da un avversario ma l’arbitro lascia proseguire. Lo stesso centravanti amaranto un minuto dopo devia bene di testa un cross di Cutolo ma il pallone finisce a lato. Al 13’ si mette in mostra Sala che in bello stile devia un pericoloso colpo di testa di Guccione ma l’azione era viziata da un fallo dell’attaccante biancorosso. Al 21’ gli amaranto hanno l’occasione per passare: Di Paolantonio pesca alla perfezione Belloni sul filo del fuorigioco con un lancio millimetrico. Il numero sette amaranto si presenta solo davanti a Tozzo ma viene ipnotizzato dal portiere virgiliano che può così sventare la debole conclusione dell’esterno amaranto. Il Mantova ha il predominio territoriale della gara ma attacca in maniera alquanto sterile con gli amaranto che non disdegnano veloci ripartenze che si perdono però al momento dell’ultimo passaggio. A due minuti dl riposo la palla buona capita anche al Mantova ma è bravissimo Sala in uscita bassa a stoppare Ganz lanciato da Guccione a tu per tu col portiere amaranto. Si va così al riposo sullo zero a zero.

Nessun cambio all’intervallo per le due squadre e secondo tempo che inizia sulla falsariga del primo anche se i lombardi provano a spingere con più decisione. L’episodio giusto per i padroni di casa arriva al 56’ con Belloni che strattona in area un avversario per il rigore che Ganz trasforma spiazzando Sala. Camplone cambia subito: fuori Cherubin e dentro Merola con l’Arezzo che si ridisegna con il classico 4-2-3-1. Il Mantova però insiste con convinzione e lo stesso Ganz calcia fuori di poco al 60’ dopo assist di Cheddira, quindi è lo stesso ex-amaranto a fallire il raddoppio a tu per tu con Sala. L’Arezzo è in apnea e il portiere amaranto è costretto a stendere Cheddira presentatosi ancora davanti a lui con Guccione che trasforma il secondo rigore di giornata chiudendo in sei minuti la pratica. La doppia mazzata è infatti letale per l’Arezzo che comincia ad accusare un calo atletico fisiologico dopo il lungo stop. Camplone cerca nuova linfa dalla panchina gettando nella mischia Di Nardo e Sussi al posto di Zuppel e Belloni. Le energie però sono finite e il Mantova ha buon gioco a controllare la gara che piano piano si spenge con i virgiliani che hanno così gioco facile a portare in porto il successo.

L’Arezzo inaugura così il ciclo terribile con una sconfitta che per le circostanze in cui è maturata ci può anche stare. Sabato altra trasferta ad Imola ed in terra romagnola, contro una diretta concorrente, i punti cominceranno a pesare in maniera decisamente diversa.

 

Stadio “Danilo Martelli’’ – ore 15.00

 

MANTOVA (4-3-3): 1 Tozzo; 2 Bianchi, 5 Checchi, 4 Zanandrea, 23 Panizzi; 30 Lucas, 6 Militari, 33 Di Molfetta (dal 63’ 16 Gerbaudo); 29 Cheddira, 9 Ganz (dal 63’ 24 Vano), 10 Guccione (dal 75’ 8 Zibert)

A disposizione: 22 Tosi R.; 3 Silvestro, 7 Zappa, 11 Rosso, 15 Tosi F., 17 Saveljevs, 18 Esposito, 25 Moreo, 32 Cortesi

Allenatore: Emanuele Troise

 

AREZZO (3-5-2): 1 Sala; 3 Baldan, 29 Kodr, 33 Cherubin (dal 57’ 27 Merola); 7 Belloni (dal 73’ 25 Sussi), 21 Benucci, 31 Di Paolantonio, 34 Arini, 16 Luciani; 10 Cutolo, 32 Zuppel (dal 73’ 17 Di Nardo)

A disposizione: 22 Loliva, 30 Gagliardotto; 6 Soumah, 13 Sportelli, 23 Gilli

Allenatore: Maurizio Tacchi

Indisponibili: Picchi, Mosti, Males, Borghini, Foglia, Pesenti, Cerci, Nader, Maggioni, Sane, Bortoletti, Bonaccorsi

Squalificati: -

 

ARBITRO: Matteo Centi di Viterbo  – Assistenti: iedipalumbo e Fine – Quarto uomo: Delrio

NOTE: gara a porte chiuse. Ammoniti: 25’ Baldan, 52’ Di Molfetta, 54’ Cherubin, 56’ Belloni, 62’ Sala, 65’ Guccione, 70’ Vano, 88’ Arini

RETI: 56’ Ganz (rig), 62’ Guccione (rig)

 

scritto da: Simone Trippi, 25/11/2020





Mantova-Arezzo 2-0, intervista a mister Camplone

Mantova-Arezzo 2-0
comments powered by Disqus