Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE D GIRONE E - 17a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Badesse12Sangiovannese
Cannara02San Donato
Cascina01Poggibonsi
FlaminiarinvArezzo
Pianese41Pro Livorno
RietirinvMontespaccato
Scandicci12Tiferno
TrestinarinvGavorrano
UnipomeziarinvFoligno
MONDO AMARANTO
Mirko e Enrico sulla riviera romagnola
NEWS

Uno svincolato verso il tesseramento. Cascione sotto osservazione, è un terzino under

Classe 2000, cresciuto nel Foggia, ha giocato in serie D sia a Cerignola che a Messina, dove l'anno scorso ha vinto il campionato insieme a Lomasto, Aliperta e Foggia, collezionando 30 presenze (27 da titolare). Oggi visite mediche, da domani si allena con l'Arezzo



Un terzino under aggregato al gruppo. La novità di oggi risponde al nome di Bruno Cascione. Classe 2000, l'anno scorso ha collezionato 30 presenze (27 da titolare) con l'Acr Messina, con cui ha vinto il campionato.

Compagno di squadra di Lomasto, Aliperta e Foggia, è attualmente svincolato e per questo potrebbe essere tesserato subito. Il mercato dilettanti infatti riaprirà i battenti a dicembre con la finestra invernale dal primo al 30 del mese. A gennaio, eventualmente, via libera ai movimenti dei giovani professionisti.

Nato a Campobasso, Cascione è cresciuto nel vivaio del Foggia (20 presenze in primavera nel 2017/18), per poi vestire le maglie del Cerignola in D (21 presenze) e del Messina l'anno scorso, dove è stato uno degli under migliori, interpretando il ruolo in modo molto dinamico. Poi anche lui, come molti giocatori di quella rosa, non è stato confermato a causa del salto di categoria e del cambio di società.

La società amaranto sta dunque cercando di rinforzarsi in una zona di campo dove finora qualche magagna è venuta a galla. Cascione, tra l'altro, essendo un 2000 va sì a coprire una casella under ma garantisce una buona dose di esperienza. Nei prossimi giorni, dopo aver verificato le condizioni fisiche del giocatore, potrebbero esserci novità.

 

scritto da: Andrea Avato, 10/11/2021





comments powered by Disqus