Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE D GIRONE E - 17a giornata

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
Badesse12Sangiovannese
Cannara02San Donato
Cascina01Poggibonsi
FlaminiarinvArezzo
Pianese41Pro Livorno
RietirinvMontespaccato
Scandicci12Tiferno
TrestinarinvGavorrano
UnipomeziarinvFoligno
MONDO AMARANTO
Battifolle amaranto all'Oktober Fest - Monaco di Baviera
NEWS

I due marcatori sono i migliori in campo. Marras da applausi per un tempo. Bene Frosali

Le pagelle di Giorgio Ciofini. Foggia e Calderini risolvono la partita e prendono il voto più alto. Paratona di Colombo che congela il 2-0. Difensori senza affanni, in crescita anche i terzini under. Mancino entra ottimamente in partita



Bene il risultato, bene l’Arezzo. Ma teniamo i piedi ben saldi a terra. Per volare, oggi, basta (e avanza) l’Airone Ciro, in gol per due giornate consecutive. Quasi un miracolo targato Sussi. Ricordiamo però che, quando Foggia ha schiodato la partita (all’ultimo respiro del primo tempo), il San Donato era già 3-0 a Scandicci. Dunque bene si, ma calma e gesso da far invidia al dottor Giusti. Ce n’è, per mettere il sale sulla coda agli Indiani del nostro Patrono, che galoppano a pelo sui loro selvaggi cavallini. Insomma viva il terzo successo filato, evviva i progressi della squadra di Sussi, ma non si perda la tramontana. Oltre al Patrono, davanti restano Gavorrano, Poggibonsi e anche le Badesse del Convento di Lornano, oggi bastonatrici del Foligno. Perciò stiamo in campana. Fra’ Gennaioli, che per la fede amaranto dette anche una mano, venderebbe l’anima al diavolo, per sbancare il Comunale. Per un intrigo di fedi e di destini, fra tre giorni tocca proprio al vecchio “Dedo”, fare la prova del nove all’Arezzo di Sussi & Tromboni. Allo Spoletini, gli amaranto hanno faticato da matti a sbloccare una trincea, che così non si vedeva dal Quindici Diciotto. Dunque tutto bene sì, ma a noi mancava (e manca ancora) il cannone. Dice Tromboni che arriverà lunedì. Non dubitiamo. Tuttavia, per riprendere il Patrono (e le Altre), ci vuole il cannone giusto, cioè uno che ha il gol nei geni. Giusto per appiccicare i piedi in terra si deve ricordare che Cannara, più che per il pallone, è famosa per le cipolle. Ma è tempo di tornare a pagellare liberamente.

 

Colombo voto 7 Foggia schioda e lui inchioda la palla velenosa di Bazzoffia, l’ex che poteva riaprire la partita. Così, al posto dell’n.g. si prende un bel sette.

Campaner voto 6 + Controlla (bene) l’ex e (udite-udite), un paio di volte tenta pure la via del gol. Al suo esterno destro dice no Lori, poi spreca di testa un invito al bacio di Marras e Sussi gli grida dalla panca: “Più convinto Lorenzino!”. Sarà per la prossima volta. Ma quando gli ricapita?

Lomasto voto 6,5 Un Signore su Mingiano che non sembra un Signor centravanti. Come tutto il Cannara, del resto, non è sembrata una Signora squadra.

Frosali voto 7 Per noi è il migliore (con Damiano Marras) nella prima parte. L’unico che, a testa alta e col piglio giusto, si prende la briga di far correre la palla tra le linee, col suo mancino niente male. Bravo Francesco.

Ruggeri voto 6 Discreta la sua prova, anche se i pericoli (si fa per dire) arrivano dalla sua parte. Nel finale, Giacomino prende perfino coraggio per qualche sortita.

Marchi voto 6,5 Il motorino sgassa in recupero più che in affondo (ma questo si sapeva). Fondamentale anche allo Spoletini la sua corsa, per gli equilibri nella zona nevralgica.

Pizzutelli voto 6,5 Fin troppo facile, per Federico dalle Puglie fare il Re in mezzo al campo di battaglia. Così facile che, oltre ad addormentare quelli in trincea, per poco non si addormenta anche lui.

Sicurella voto 6 Fa la sua onesta partita senza impennate e senza scivoloni, il nostro Beppe.

D. Marras voto 7 Notevole il suo primo tempo, infarcito di guizzi come una giovane torta. Non per niente Sussi, che lo conosce come le sue tasche, l’ha preferito a Mancino. Una doppia garanzia sul valore di Damiano (02). E, con l’anno nuovo, ci sarà anche il gemellino Niccolò.

Foggia voto 7,5 Con la Pianese si è schiodato lui, con il Cannara ha schiodato la partita. Una prodezza, anche atletica, quella del nostro Ciro (alla Ibra), che ha spalancato la strada alla terza vittoria filata, corredata dal solito, nobile lavoro per la squadra.

Calderini voto 7,5 Circondato in trincea, ci mette un tempo a liberare genio & sregolatezza. Suo il gol, che mette in frigo la partita. Una sintesi di forza e classe. Il migliore, a pari merito, con Foggia.

Mancino voto 6,5 Gli basta un quarto d’ora per meritarsi in evidenza. A Cannara, appaga perfino Sussi, che li vuole tutti sulla corda e al massimo, anche per qualche minuto. Bravo davvero, Andrea.

Cutolo, Muzzi, Memushi e Strambelli s.v.

 

scritto da: Giorgio Ciofini, 18/12/2021





Cannara-Arezzo 0-2, intervista a Elio Calderini

Cannara-Arezzo 0-2
comments powered by Disqus