Atlantide ADV
AMARANTO TV

SERIE D GIRONE E - Playoff e Playout

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
IN LEGA PRO
San Donato
PLAY OFF
Poggibonsi42Gavorrano
PLAY OUT
Rieti20Foligno
IN ECCELLENZA
Pro Livorno, Cannara, Unipomezia, Foligno
MONDO AMARANTO
Meri, Luca l'americano, Luca l'italiano negli States
NEWS

Il Museum Leonardo e l'Aretino

Inaugurata la mostra dedicata agli studi del professor Carlo Starnazzi



la carta della Valdichiana di LeonardoSabato 15 ottobre 2011 è stato inaugurato, nella ex chiesa di San Sebastiano di via Ricasoli, il Museum Leonardo e l’Aretino dedicato agli studi del professor Carlo Starnazzi.

Ideatrice della mostra permanente multimediale è Rosetta Chianucci, moglie dello studioso aretino scomparso per un male incurabile nel 2007. Main sponsor dell’operazione, che vanta anche il contributo della Provincia di Arezzo, è la Fondazione Monte dei Paschi. La direzione artistica è affidata alla Creative Arts.

Il museo custodisce il lavoro ventennale di Starnazzi sui legami tra Leonardo e il territorio aretino. È pensato come un centro di documentazione ma allo stesso tempo vuole essere un luogo di ricerca, con l’intento di dare continuità a quelle indagini riconosciute a livello mondiale ma rimaste interrotte per la prematura dipartita del professore.

Curatore scientifico è il professor Carlo Pedretti, direttore dell’Hammer Center for Leonardo Studies di Los Angeles, che garantirà i rapporti internazionali con il mondo leonardesco, introducendo Arezzo nei circuiti legati al genio vinciano.

Il museo ha una valenza didattica e interdisciplinare, e comprende materiale fotografico, videografico, cartografico, riproduzioni tridimensionali e reperti. Ci sono itinerari che attraversano le valli aretine e non solo. Inoltre sono concepiti percorsi per livelli di età, su pannelli in italiano e altre quattro lingue europee, e su touch screen in italiano e inglese. Questi ultimi sono strumenti adeguati ai tempi, utili a stimolare la curiosità di grandi e piccoli e invitare ad andare sulle tracce di Leonardo direttamente nei luoghi citati.

All’ingresso della ex chiesa di San Sebastiano il visitatore può consultare la biografia e la bibliografia completa di Starnazzi, e osservare I luoghi di Leonardo, ovvero una mappa con gli itinerari aretini leonardeschi. A seguire c’è Leonardo e il Tempo nell'Aretino, un percorso storico per documentare la presenza dell’artista nel territorio, tra l’estate del 1502 e la primavera 1503, che introduce la mostra permanente vera e propria, suddivisa in due macro-sezioni.

la Gioconda con Ponte Buriano sullo sfondoLa prima riguarda l’attività cartografica e pittorica di Leonardo e comprende sezioni e sottosezioni (le seconde sono tra parentesi):

- La rappresentazione cartografica del paesaggio toscano (Nella Carta della Valdichiana il paesaggio che fa da sfondo alla Gioconda).

- La Gioconda e il suo paesaggio (La Gioconda nella valle dell'Arno. L'incantesimo del Ponte a Buriano. La suggestione del Valdarno Superiore). A questo proposito, è ammirabile la ricostruzione digitale del paesaggio e una postazione interattiva per evidenziare la perfetta coincidenza tra lo scenario attuale e quello alle spalle della Gioconda.

- La Madonna dei Fusi e il paesaggio del Valdarno Superiore (La Madonna dei Fusi. Una Sirena bifida a Gropina e Bayonne. La Sant’Anna del Louvre e il mondo di Masaccio).

La seconda sezione, invece, prende in esame le invenzioni, i progetti di meccanica, fisica, idraulica e architettura del genio vinciano e include:

- Il Trasimeno e le Chiane nei sogni dell'ingegnere idraulico (Moti dell'aria e dell'acqua. Acqua, principio di vita e di morte. Leonardo e il volo sul Trasimeno. Leonardo e il Perugino sulle rive del Trasimeno). In questo segmento sono presenti le ricostruzioni di modelli di macchine idrodinamiche in 3D.

- Leonardo e la cupola di Santa Maria delle Grazie al Calcinaio di Cortona (Francesco di Giorgio e Leonardo, un’architettura condivisa. Leonardo e Domenico Bernabei: dalle Chiane a Chambord e Parigi).

- Anghiari, Leonardo e la Battaglia (Ottobre 1503). A questa parte sono collegati anche i fossili della Collezione Starnazzi presenti in apposite teche, a ricordare i primi amori del professore: la preistoria e la geopaleontologia. Lo studioso sosteneva che nella realizzazione delle armature Leonardo si fosse ispirato proprio alle forme di alcuni fossili».

- Leonardo in Casentino (Leonardo e la Madonna di Camaldoli. Un angelo incarnato nel Castello di Urbech. La Vergine delle Rocce e il sacro monte della Verna).

scritto da: Marco Botti, 28/10/2011