Atlantide ADV
SPORTUBE
AMARANTO TV

SERIE C GIRONE A - Play-off e Play-out

RISULTATI CLASSIFICA PROSSIMO TURNO
IN SERIE B
Vicenza, Monza, Reggina, Reggiana
PLAY OFF
Reggiana10Bari
PLAY OUT
Pianese00Pergolettese
Olbia10Giana Erminio
IN SERIE D
Gozzano, Pianese, Giana Erminio, Rimini, Arzignano, Ravenna, Rieti, Rende, Bisceglie
MONDO AMARANTO
Capodanno romano e amaranto per Alessio
NEWS

Pagni: ''Ferretti a Siena è un'idea Mps. Giovanili, l'accordo c'è''. Panchina, idea Capuano

Il direttore generale risponde alle dieci domande presentate da Amaranto Magazine. ''Il nostro presidente è un orgoglio, la trattativa per il Siena l'ha voluta la banca più importante d'Italia. Ad Arezzo comunque Ferretti sta investendo: con la cessione del ramo d'azienda, la gestione tecnica della Football Academy passerà a noi. L'allenatore? Cardinali mi è piaciuto a Taranto, ad Agrigento poteva fare meglio. La squadra la cambierò ma non è tutto da buttare. Di questo gruppo qualcuno mi aveva parlato malissimo, invece sono ragazzi a posto. Deciderò la prossima settimana anche se non ho fretta. Prima devo risolvere questioni organizzative urgenti: qua serve gente qualificata, motivata e soprattutto felice''



Pagni insieme ai giocatori dopo la vittoria di Taranto‘’Lì si prendono le decisioni tecniche’’ dice Danilo Pagni mostrando il tavolo ovale all’interno del suo ufficio. ‘’E qui invece si fa azienda’’ aggiunge mettendosi a sedere alla scrivania con il telefono, il pc e una marea di fogli e foglietti distribuiti ovunque. Il direttore generale, in carica da un mese e mezzo, di lavoro ne ha già sbrigato tanto. Ma davanti ne ha molto di più. A lui abbiamo chiesto le prime risposte alle dieci domande formulate su Amaranto Magazine, domande che servono per capire quale futuro aspetta l’Arezzo.

 

Perché il presidente Ferretti è interessato a prendere il Siena?

‘’In realtà è stata Monte Paschi a contattarlo. Per quel che so io, sono sette mesi che Ferretti è corteggiato e la cosa ci deve inorgoglire tutti. La banca più antica e importante d’Italia ha scelto Ferretti per i suoi requisiti economici e morali, non so se mi spiego’’.

Ok. Ma perché Ferretti, già proprietario dell’Arezzo, dovrebbe acquisire un altro club, per giunta indebitato fino al collo?

‘’Io credo che Mps voglia scongiurare il fallimento del Siena calcio. E Ferretti potrebbe rinsaldare il legame con una banca di grande prestigio. Poi non va dimenticata una cosa’’.

Cosa?

‘’Che a Ferretti ormai il calcio piace. Gli è entrato nel sangue. E comunque la sua priorità resterebbe l’Arezzo’’.

Scusi direttore. Come potrebbe l’Arezzo restare una priorità se il presidente dovesse gestire anche una società professionistica?

‘’Perché Ferretti ad Arezzo sta progettando investimenti importanti e Mps chissà, magari potrebbe decidere di puntare su questo territorio. Ma sono considerazioni mie personali’’.

E la rivalità che c’è tra Arezzo e Siena, quanto nuocerebbe a livello ambientale?

‘’Per nulla. Io vi dico che in giro per l’Italia ci invidiano un presidente in grado di reggere una multiproprietà in ambito calcistico’’.

Vedremo. Senta, lei ha detto che uno dei cardini del nuovo Arezzo sarà il settore giovanile. Con la Football Academy che tipo di accordo avete preso?

‘‘Avete presente la cessione del ramo d’azienda? Potrebbe essere una soluzione, di modo che la gestione tecnica di tutte le squadre, dai più piccoli alla Juniores, passi a noi. Manca ancora il nero su bianco, ma direi che ci siamo’’.

E l’unificazione della matricola?

‘’Ci arriveremo per gradi, l’obiettivo è quello’’.

Cessione del ramo d’azienda significa che Ferretti deve mettere soldi.

‘’Esattamente. Per acquisire la gestione, il presidente dovrà investire ed è disposto a farlo’’.

 

Eziolino Capuano, allenatore istrionicoQuanto ci crede al ripescaggio?

‘’Oggi ci credo un po’ di più di ieri. Ho indicato alla proprietà un professionista che ci darà una mano nell’istruire la pratica per il ripescaggio. Credo che potrebbero esserci delle sorprese. Tra pochi giorni è in calendario un’ispezione della Covisoc sul rispetto dei parametri finanziari da parte dei club di serie D. Chi non è in regola non potrà iscriversi al prossimo campionato, a meno che non ricapitalizzi in fretta’’.

L’Arezzo com’è messo sotto questo aspetto?

‘’Tutto in regola. Ferretti sta anche finendo di appianare i conti lasciati in eredità dalla precedente gestione’’.

Il progetto di ristrutturazione dello stadio va avanti?

''Assolutamente sì. Nel giro di qualche giorno verrà presentato''.

Lei ha capito perché Orgoglio Amaranto è stato estromesso dal Consiglio d’amministrazione?

‘’Non ci sono misteri. Semplicemente perché Ferretti voleva un Cda più snello’’.

Quello di prima non sarà stato snello, ma non si è riunito mai in un anno e mezzo.

‘’Lo so, ma adesso serviranno investimenti superiori, visto che pure la categoria sarà semi superiore. Senza la C2, la prossima serie D si alzerà di livello. E comunque voglio aggiungere una precisazione riguardo Orgoglio Amaranto’’.

Prego.

‘’Non ci sono problemi di rapporti con il comitato. Siamo aperti al dialogo e al confronto’’.

Però il pubblico lo pizzicate sempre. Eppure ha fatto più di 1.500 abbonamenti.

‘’Io il pubblico aretino me lo ricordavo da avversario e mi ha sempre fatto una gran bella impressione’’.

Però lei ha detto domenica che vorrebbe vedere ad Arezzo lo stesso entusiasmo di Taranto e Agrigento. Anche qui a settembre c’era entusiasmo.

‘’Lo so. Io volevo solo far capire che a Taranto e Agrigento, nonostante quei club avessero dovuto subire una delusione cocente, fallendo la promozione diretta, i tifosi non avevano perso la voglia di andare allo stadio. Tutto qui’’.

L’allenatore dell’anno prossimo lo ha già scelto?

‘’No. All'inizio della prossima settimana ho un briefing a Roma con Ferretti e De Martino, che è una colonna portante della società. In quella sede decideremo’’.

Ma avrà una rosa di nomi in testa, giusto?

‘’Una rosa ristrettissima se è per questo. Gente che conosco, che ha entusiasmo. Non prenderò un giovanissimo con una carriera agli inizi, mi orienterò su qualcuno che possa fare sia la serie D che la Lega Pro’’.

 

Il Dg con il segretario Andrea BurattiCardinali dunque è una soluzione che non prende in esame.

‘’Lo valuterò insieme alla proprietà. Posso dire che a Bastia e Taranto ha dato tanto alla squadra. Ad Agrigento poteva fare meglio. E non mi riferisco al risultato, quanto alla gestione degli uomini e della partita’’.

Eziolino Capuano ad Arezzo è fantascienza?

‘’Capuano è uno dei tecnici più preparati che ci sono. A questa domanda però preferisco non rispondere. Chiedete a lui’’.

La parola di Zavaglia che peso avrà nelle vostre scelte?

‘’Un buon consiglio da Franco Zavaglia non si rifiuta mai. Ma alla fine decido io insieme alla proprietà’’.

La rosa invece verrà rivoltata come un calzino. Si è capito subito.

‘No, non è tutto da buttare. Anzi, mi avrebbe fatto piacere essere arrivato a gennaio piuttosto che ad aprile’’.

Perché?

‘’Perché il gruppo è stato mal gestito a livello umano. Non è un gruppo negativo, ho potuto sperimentarlo nell’ultimo periodo. Le lacune tecniche esistono, ci sono contraddizioni palesi, ma si tratta di ragazzi molto migliori di come me li aveva presentati qualcuno’’.

Qualcuno chi?

‘’Qualcuno. Purtroppo ad Arezzo regnava il gossip futile, il chiacchiericcio. E c’è stata anche una certa dose di sfortuna’’.

Sta dicendo che serviva più esperienza nella gestione?

‘’In carriera ho avuto spogliatoi dove le mogli dei calciatori sono venute alle mani, dove c’era gente che giocava alle slot machine, dove abbiamo festeggiato la vittoria dei campionati come se fossimo a un funerale. Detto ciò, se ci fossi stato io ad Arezzo non saremmo arrivati primi lo stesso’’.

Insomma, chi resta l’anno prossimo?

‘’I matrimoni si fanno in due. Prima di decidere voglio confrontarmi con il presidente e anche con il nuovo allenatore. Ma non ho fretta. Ho altre urgenze’’.

Tipo?

‘’Questioni organizzative. Sto pensando di svolgere il ritiro estivo ad Arezzo, anche per rinsaldare società, squadra e ambiente. Abbiamo un altro anno di contratto con Sportika, ma dobbiamo incontrarci. Ho parlato con gli sponsor, Gimet-Brass e Galvamet, mi auguro che restino con noi. Ci sono diverse cose da sistemare, compreso l’organigramma’’.

Il segretario Buratti lascerà?

‘’Io cercherò di trattenerlo, stiamo vivendo in simbiosi, ho in mente una soluzione per lui. Ma una regola deve valere per tutti, pure per me. Qua dentro serve gente qualificata, motivata e felice. L’ultimo aggettivo è anche il più importante’’.

 

scritto da: Andrea Avato, 28/05/2014





comments powered by Disqus